ECONOMIA ANCORA DEBOLE, BCE: BAZOOKA PRONTO

ECONOMIA ANCORA DEBOLE, BCE: BAZOOKA PRONTO

I verbali della Banca Centrale Europea: pronti a ricalibrare i nostri strumenti Ci si domanda cosa cambierà con Christine Lagarde al timone della Bce. La maggiore preoccupazione però riguarda, ancora, la debolezza dell’economia globale. Perché quella no. Quella non cambia. Anzi, è una debolezza che cresce e a conferma di ciò, ecco i verbali proprio della Banca Centrale Europea della riunione di giugno a Vilnius. Documenti da cui emerge l’ormai sempre più abituale slogan: “Siamo…

Leggi tutto

POWELL: LA FED FARA’ CIO’ CHE E’ NECESSARIO PER L’ECONOMIA USA

POWELL: LA FED FARA’ CIO’ CHE E’ NECESSARIO PER L’ECONOMIA USA

Taglio dei tassi sempre più vicino. Nel discorso anche una frecciata a Donald Trump Un’analisi degli attuali equilibri internazionali. Uno sguardo obiettivo sulle condizioni economiche degli Stati Uniti. E una frecciata alla Casa Bianca. Jerome Powell, non ha deluso i mercati. Alle 14.30 la Fed ha pubblicato il discorso che il suo governatore effettuerà davanti al congresso americano nel pomeriggio. E seppur non direttamente, il messaggio è che, salvo sorprese, la riduzione del costo del…

Leggi tutto

FED VERSO IL TAGLIO DEI TASSI, DOLLARO DEBOLE. PER ADESSO

FED VERSO IL TAGLIO DEI TASSI, DOLLARO DEBOLE. PER ADESSO

Non raggiungeva 1,4122 dal 22 marzo scorso l’Euro/Dollaro, quando il braccio operativo della Fed aveva dichiarato che i tassi non avrebbero subito rialzi per tutto il 2019. Un repentino deprezzamento, quello del biglietto verde, a cui aveva seguito un riassestamento tra 1,13 e 1,12 nel mese di aprile, prima che le tensioni in Medioriente si andassero ad aggiungere alla già avviata trade war tra Usa e Cina, unita all’incertezza politica-economica legata all’Europa, vuoi per le…

Leggi tutto

LA BCE BLOCCA I TASSI, IMPENNATA DELL’EURO

LA BCE BLOCCA I TASSI, IMPENNATA DELL’EURO

Il costo del denaro nell’Eurozona rimane al minimo storico: nessun rialzo ai tassi di interesse per altri 12 mesi. Inoltre, sono in arrivo nuovi maxi prestiti alle banche. Ma non solo. Al termine della riunione del Consiglio direttivo, presso la sede della Banca Centrale della Lituania, a Vilnius, Mario Draghi si è espresso su più fronti: l’Italia innanzitutto, e il suo braccio di ferro con Bruxelles sui conti, ma anche il tema dei minibond per…

Leggi tutto

EURO DEBOLE: IL RUOLO DI USA, CINA E GERMANIA

EURO DEBOLE: IL RUOLO DI USA, CINA E GERMANIA

Incertezza politica europea. Guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, economia tedesca che  ha ormai smesso di correre, con tanto di crisi di governo sempre più vicina, per un paese che si sa, all’instabilità, in generale, è sempre stata allergica. Questi, in buona sostanza, i motivi dell’indebolimento dell’Euro/Dollaro negli ultimi due mesi, con tanto di minimi negli ultimi due anni raggiunti a 1,1106 il 23 maggio scorso. Nella giornata di oggi il cambio si è…

Leggi tutto

MAY, DIMISSIONI IN LACRIME. LA STERLINA FESTEGGIA

MAY, DIMISSIONI IN LACRIME. LA STERLINA FESTEGGIA

“Never forget that compromise is not a dirty word. Life depends on compromise”. E’ uno dei passaggi chiave del discorso con cui Theresa May ha annunciato le proprie dimissioni da primo ministro del Regno Unito: “Non bisogna dimenticare che ‘compromessi’ non è una cattiva parola, perché la vita stessa dipende da essi. Una frase con cui la dimissionaria premier inglese ha voluto sottolineare quanto sia stato complicato cercare di mettere tutti d’accordo all’interno del Parlamento,…

Leggi tutto

EURO E STERLINA: GIOVEDI’ NERO

EURO E STERLINA: GIOVEDI’ NERO

Giornata da dimenticare per Euro e Sterlina. La moneta unica soffre gli effetti della guerra commerciale tra Usa e Cina. Ma non soltanto. A pesare, in questi giorni, è l’acuirsi dell’incertezza legata alla Brexit, dove un nuovo ministro ha dato le proprie dimissioni lasciando sempre più sola Theresa May, che il Times dà dimissionaria già domani.Inoltre, non bisogna dimenticare che la Gran Bretagna oggi vota alle Elezioni Europee, e quindi vota anche chi la rappresenterà…

Leggi tutto

STERLINA IN SOFFERENZA, EUROPA DEBOLE

STERLINA IN SOFFERENZA, EUROPA DEBOLE

Giù la produzione industriale e le vendite al dettaglio per la Cina e l’Europa riapre le contrattazioni all’insegna della prudenza, in attesa del discorso di Mario Draghi e dei dati sulle scorte del greggio dagli Stati Uniti nel pomeriggio. Raffica di dati macro per la Gran Bretagna, sotto pressione per il possibile secondo referendum in vista sulla Brexit, legato però a un via libera all’accordo per l’uscita in contemporanea al deprezzamento della Sterlina che ormai…

Leggi tutto

BREXIT: SFUMA L’ACCORDO, SOFFRE LA STERLINA

BREXIT: SFUMA L’ACCORDO, SOFFRE LA STERLINA

Time is over, scrive Bloomberg. This is the end, aggiunge Jeremy Corbyn. In una lettera rivolta a Theresa May, premier del Regno Unito, il leader dei laburisti ha annunciato che i colloqui per tentare di trovare un compromesso tra le due parti terminano qui, perché “la crescente debolezza e instabilità del governo rendono impossibile il proseguimento di ogni altra discussione”. Fine delle trattative sulla Brexit, dunque. Il negoziato in corso per ottenere il sostegno di…

Leggi tutto

“TURCHIA FUORI DALLA CRISI VALUTARIA IN SEI MESI”

“TURCHIA FUORI DALLA CRISI VALUTARIA IN SEI MESI”

La crisi valutaria Turca continua a ripercuotersi sul Pil del paese ma Nikolay Markov, Senior Economist di Pictet Asset Management ha osservato che ‘’Guardando ai 18 precedenti episodi di crisi valutarie (la più recente in Egitto nel 2003) nei mercati emergenti, si nota che di solito ci sono voluti in media da quattro a sei trimestri affinché il PIL tornasse al livello precedente all’esordio di qualsiasi crisi valutaria. Al contempo, in termini di mercati azionari…

Leggi tutto