Cinque domande sul bitcoin: è ancora un bene rifugio dopo il crollo del 20%?

Nella notte è scivolato a 3.900 dollari, mai così in basso negli ultimi 12 mesi. Ha ancora senso mantenere nel proprio portafogli un bene così rischioso?

 

In 24 ore, il bitcoin ha dimezzato il proprio valore: da 8.000 dollari a poco meno di 4.000. Si tratta di un movimento atipico per la criptovaluta?

“Non esattamente -risponde Federico Izzi, analista finanziario e trader indipendente intervistato su Le Fonti Tv-. Il bitcoin ci ha già abituato a questo genere di oscillazioni. Magari non di tale entità, negli ultimi tempi, ma è una criptovaluta che, in linea di massima, è abituata a tali movimenti: non è un evento da considerarsi più unico che raro, al contrario di quanto sta succedendo nei mercati tradizionali che, ad eccezione della seduta odierna, nelle ultime tre settimane hanno registrato ribassi fino al 40%”.

Il valore del bitcoin può ancora scendere? Rimane un bene rifugio alternativo?

Un brutto colpo è arrivato da quando gli Stati Uniti hanno sospeso i voli provenienti dall’Europa, che peraltro ha causato un duro colpo alla finanza tradizionale. Il trader Peter Brandt, grande sostenitore delle criptovalute, ha espresso un’opinione ulteriormente ribassista: sostiene infatti che il valore del bitcoin possa contrarsi fino all’80%, e quindi finire sotto i 1.000 dollari”. Continua Federico Izzi: “Il bitcoin viene tradizionalmente paragonato all’oro, una sorta di oro digitale. Ma la flessione forte di questi due giorni potrebbe oggi convincere l’investitore che non si tratta più di un prodotto finanziario rifugio. Teoricamente, il bitcoin dovrebbe differenziarsi completamente dall’andamento dei mercati tradizionali. E invece, come e più dell’oro, ha registrato un forte ribasso, quasi drammatico. Il gold, quanto meno, è rimasto ai livelli di inizio anno, probabilmente gli investitori hanno chiuso posizioni in guadagno, o venduto per recuperare le perdite subite su altri asset. Per il bitcoin, forse, le ragioni sono diverse”.

bitcoin
Grafico Bitcoin by TradingView

 

Come si spiega allora un movimento così violento?

“E’ un movimento che ha spazzato via i guadagni del 2019 -prosegue sempre Izzi- Se i mercati azionari segnano dei movimenti irrazionali e tali movimenti si verificano anche su un asset che non ha nulla a che fare con tali mercati, comportandosi in modo simile, è ovvio che occorre un’analisi lucida, e servirà qualche giorno, forse qualche settimana per interpretare al meglio questo movimento negativo”.

Dopo i ribassi di ieri, si sono aggiunte le forte vendite anche nella notte

Spiega Izzi: “Un vero e proprio flash crash. Che ha generato un crollo di un ulteriore 20% se prendiamo in riferimento i valori di ieri. Se invece facciamo riferimento a metà febbraio, il valore è ancora più pesante: -60%. Fanno pensare anche i volumi di scambio: quella di ieri è stata la giornata storicamente con i volumi più alti: un milione  e centomila pezzi, sono numeri che non hanno precedenti. Se si prende come riferimento il precedente massimo storico era di 700mila pezzi. Bisognerà attendere e capirne i motivi, se dovuti a semplici ricoperture o se c’è dell’altro. Il bitcoin peraltro si porta dietro tutte le altre cripto. Etherium è arrivato ai minimi registrati nel 2018, fino a 90 dollari. In mattinata ha recuperato fino a 130, come del resto sta facendo il bitcoin (+18% all’apertura di Wall Street NdR). C’è una volatilità molto alta ma ripeto: bisognerà attendere quale giorno o settimana per contestualizzare cosa sta avvenendo”.

Edward Snowden ha detto che questo è il momento di comprare bitcoin.

“A mio avviso occorre cautela -conclude Izzi-. A livello speculativo, i movimenti attuali allontanano la fiducia, non la accrescono. Se è un bene rifugio e non si comporta come bene rifugio, con oscillazioni così volatili, è saggio non avventurarsi nell’acquisto senza conoscerne i rischi, solo per il fatto che abbia perso oltre il 60% in pochi giorni. Sicuramente un peso importante l’ha avuto il comportamento degli operatori e della loro speculazione, inevitabile quando c’è volatilità. Ma sicuramente c’è dell’altro”.

 
Grafico Bitcoin m15 by TradingView