DE BORTOLI: LA MANOVRA? PRODOTTO DI SCHIZOFRENIA POLITICA

Le Fonti Tv intervista l’ex direttore del Corsera Ferruccio De Bortoli

 

Intervistato su Le Fonti Tv da Manuela Donghi, editorialista del Corriere della Sera si è espresso sulla manovra economica e sui temi più caldi della politica italiana. “Ci troviamo davanti a una manovra decisamente curiosa che ha avuto una serie incredibile di emendamenti -ha attaccato De Bortoli parlando della Legge di Bilancio– circa 1700 proposti da forze di maggioranza. E’ un caso di schizofrenia politica, oltre che di ambiguità amministrativa”.

 

Passo indietro sulla Plastic Tax

Entrando nel dettaglio, l’ex direttore del Corsera ha detto che: “C’è un deciso passo indietro sulla plastic tax, perché è quel genere di tassa che può cambiare le abitudini dei cittadini ma può diventare dannosa se colpisce un’intera filiera di attività industriali”. Critiche anche sulla questione delle auto aziendali: “C’è stato un deciso passo indietro, ma quelle tasse annunciate è come se rimanessero nel retropensiero degli italiani e forse questo è l’errore più marchiano commesso da questo governo”. Non bisogna dimenticare infatti, ha sottolineato De Bortoli, che è stato scongiurato l’aumento dell’Iva: “un risultato straordinariamente importante”.

 

“Il governo? Aspettano tutti con rassegnazione le elezioni in Emilia”

Sugli equilibri politici che stanno tenendo in piedi la maggioranza giallorossa, secondo l’editorialista si sta creando una frattura insanabile tra PD e Movimento 5 Stelle: “Si capiva fin dall’inizio che questa era un’alleanza preterintenzionale. Sono costretti a stare insieme e non fanno nemmeno finta, come la precedente alleanza gialloverde”. Con un certo tasso di rassegnazione, chiude De Bortoli, tutti stanno aspettando il verdetto del 26 gennaio con le elezioni in Emilia Romagna: “Siamo sospesi nell’incertezza governativa con l’imponderabile che può accadere da un giorno all’altro”.

 

COMMENTS

Commenti chiusi