ELES PRESENTA IL PIANO TRIENNALE E PROGETTA LO SBARCO IN USA

 Via libera del Consiglio di Amministrazione Eles della Pmi quotata sul mercato Aim

 

Eles S.p.A., Pmi innovativa quotata sul mercato Aim e fornitore di soluzioni per il test dei dispositivi a semiconduttore (IC Integrated Circuits) con applicazioni Automotive e Mission Critical, comunica che il Consiglio di Amministrazione a maggioranza composto da amministratori indipendenti, sotto la presidenza di Antonio Zaffarami, ha approvato il Piano 2020-2022 presentato dall’Amministratore Delegato Francesca Zaffarami.

• Ricavi netti di vendita attesi pari a 24,2 milioni di euro nel 2020 (+39,8% rispetto al 2019) e 42,2 milioni nel 2022, con un cagr (tasso annuo di crescita composto) 2019-2022 pari a 34,6%.

• Ebitda atteso pari a 4,8 milioni nel 2020 (+57% rispetto al 2019) e 13 milioni nel 2022, con un Cagr 19-22 pari a 63,1%.

• Ebitda Margin atteso pari a 19,7% nel 2020 (+2,3% rispetto al 2019) e del 30,9% nel 2022.

• Utile netto atteso pari a 1,6 milioni di euro nel 2020 (+279,8 rispetto al 2019) e 7,1 milioni nel 2022.

• Investimenti complessivi previsti per 11,4 milioni, di cui 7,2 milioni in ricetta e sviluppo

Sulla base dei risultati del 2019, il nuovo Piano Industriale 2020-2022 presenta elementi di sviluppo strategico e tecnologico significativi, portando ELES a perseguire l’ingresso in nuovi mercati e nuovi business, adiacenti a quelli storici. Le linee guida strategiche alla base del Piano di sviluppo 2020-2022 sono 7:

1. Innovazioni di prodotto

a) Prima fra tutte l’approccio RETE (Reliability Embedded Test Engineering), secondo cui ELES affianca i propri clienti fin dalla fase di design dell’IC (Integrated Circuit) per mettere a punto il migliore approccio al test, e la relativa offerta di prodotti e servizi, a supporto del miglioramento continuo dell’affidabilità degli ICs, fino a raggiungere l’obiettivo “Zero Defects” e quantificato attualmente come <0,1ppm – parts per million).

b) Guardando alla continua richiesta di miglioramento dei livelli di affidabilità dal mercato, ELES ha introdotto, in secondo luogo, una innovativa soluzione High Power Liquid Cooling LTC (Local Temperature Control) basata su raffreddamento a liquido (UNDER PATENT) e soluzioni per System Level Test During Burn-In in grado di portare il target Zero Defects da0,1 ppm a 10 ppb – parts per billion riducendo di un ulteriore fattore 10 l’attuale standard di mercato.

c) La terza innovazione consiste nella replicazione dell’approccio al test e della relativa offerta per i Semiconduttori, anche per i moduli ECU (Electronic Control Unit).

Con lo sguardo volto sempre al futuro, ELES ha introdotto anche una ulteriore innovazione di prodotto: Adaptive DfT Tester per il Total Test che consentirà la sostituzione dei sistemi ATE (Automated Test Equipment) e di entrare in settori quali quello Consumer dove ELES non è oggi presente. Gli sviluppi legati a tale innovazione non sono stati ricompresi nel piano.

2. Consolidamento dei clienti acquisiti
3. Penetrazione del mercato ECU (Elettronic Central Unit)
4. Acquisizione di nuovi clienti
5. Ingresso in nuove aree geografiche
6. Rafforzamento della struttura organizzativa
7. Efficientamento dei processi di procurement e di produzione

Antonio Zaffarami, Presidente di ELES, ha così dichiarato: “Pur in presenza, nel 2019, del rallentamento nel mercato dei semiconduttori e dell’automotive, legati alla guerra dei dazi e al diesel gate, che hanno generato una situazione di incertezza a livello macroeconomico globale ritardando alcune decisioni di investimento, abbiamo continuato ad investire nello sviluppo della nostra offerta, uno dei pilastri del nostro Piano di crescita. Il nostro nuovo approccio allo stress test dinamico (tecnologia on line bist), per esempio, avrebbe potuto impedire le alterazioni delle rilevazioni statiche che hanno portato al diesel gate; come l’approccio R.E.T.E e l’innovativa soluzione di raffreddamento a liquido che permettono di ottenere un test affidabilistico con zero difetti, diventeranno indispensabili nel settore automotive con guida autonoma”.

Operazioni di M&A (prudenzialmente non incluse nel Piano). Con lo scopo di accelerare l’acquisizione di nuovi clienti, ELES prevede di intraprendere operazioni di fusioni ed acquisizioni negli Stati Uniti dove ha iniziato la fase di negoziazione con alcune aziende, operanti nel mercato del test Burn-In per semiconduttori, il cui portafoglio di clienti è complementare a quello di ELES. Le operazioni consisterebbero in acquisizioni di quote di maggioranza. Con lo scopo di espandere la propria leadership tecnologica strategica, dopo aver inserito una risorsa interna dedicata, esperta di DfT (Design for Testability), l’azienda intende avviare lo scouting di società che sviluppano DfT a supporto del design dei semiconduttori.
Per il periodo 2020-2022 il piano prevede uno sviluppo negli Stati Uniti, con un CAGR 20-22 pari a 67,1% grazie al rafforzamento delle relazioni con i principali player del mercato USA ed un aumento delle vendite in Asia, con un CAGR 20-22 pari a 49,6%, anche per effetto dell’ingresso in nuove aree geografiche come quella cinese. A tale riguardo la società ha sottoscritto recentemente un accordo commerciale con l’azienda cinese XCET.
ELES sta ponendo in essere le basi per un futuro sviluppo anche in altre aree geografiche quali quella dell’India ma, prudenzialmente, i potenziali numeri derivanti dagli sviluppi nelle aree geografie diversi dalla Cina, non sono stati contemplati nel Piano.
Francesca Zaffarami, CEO di ELES, ha dichiarato: “Il nostro impegno nell’essere vicini ai nostri clienti, ascoltandoli ed assistendoli nella ricerca delle performance, nel contenimento dei costi di produzione e nel controllo del test fin dalla fase di design dell’IC (Integrated Circuit) rappresenta, insieme alla continua ricerca ed innovazione, uno degli elementi di maggiore fidelizzazione e fattore di potenziale penetrazione sui nuovi mercati”.
All’evento ha partecipato anche l’ing. Bruno Murari Scientific Advisor, luminare in Italia della microelettronica, delle tecnologie di potenza e dei dispositivi MEMS (Micro Electro Mechanical Systems) , innovatore della tecnologia dei trasduttori di pressione e degli accelerometri multiassiali , gli stessi che sono stati utilizzati nei videogiochi, negli smartphone ed in numerosi prodotti tecnologici e ideatore e sviluppatore in Stmicroelectronics del chip utilizzato dal oltre 25 anni sulle cartucce delle stampanti a getto di inchiostro. Questa la sua opinione:

“Ho seguito con interesse le presentazioni del piano per i prossimi anni che mi è apparso aggressivo ma concreto e traguardabile. La concretezza sta nella storia passata di ELES, caratterizzata da continui miglioramenti nei loro progetti e nella produzione delle loro macchine per il test di affidabilità e di burn-in dei semiconduttori e microprocessori. Ricordo che ELES è stata tra i primi innovatori ad introdurre nelle prove vita lo stress test dinamico oltre alle sollecitazioni in temperatura e umidità.  I dispositivi a semiconduttore vengono sottoposti ad invecchiamento accelerato, non solo sottoponendoli a cicli di temperatura tra -40 e +125 gradi, ma anche facendoli operare esattamente nelle condizioni di impiego dinamico e non solo statico. L’aggiunta del collaudo molto frequente delle caratteristiche elettriche identifica i dispositivi che stanno degradando eliminando quindi quelli difettosi prima che si rovinino o scoppino. Queste operazioni permettono di ridurre la difettosita’ di oltre un ordine di grandezza sia dei fallimenti iniziali, sia di quelli durante la fase di lavoro, permettendo di prevedere anche la durata della vita operativa. Questa innovazione rappresenta oggi sicuramente un vantaggio competitivo nei confronti dei loro concorrenti e lo potrà essere anche nel futuro, se verrà perpetuata costantemente. L’attenzione orientata all’innovazione, dimostrata sino ad ora dal management della ELES, è la garanzia del loro successo attuale e futuro”.