PIAZZA AFFARI IN VERDE: OCCHI SU MONCLER

Piazza Affari in territorio positivo in apertura di contrattazioni nonostante le tensioni nel Governo. Occhi puntati ancora su Moncler dopo il rally di ieri. In rialzo anche le principali Borse europee

Piazza Affari e le Borse Europee avviano, in partenza di giornata, una seduta dall’andamento modesto: il listino milanese mostra un timido guadagno, con il Ftse Mib che mette a segno un +0,31%; sulla stessa linea, il Ftse Italia All-Share che procede a piccoli passi, avanzando a 25.225 punti. Poco sopra la parità il Ftse Italia Mid Cap (+0,2%), come il Ftse Italia Star (0,2%). In buona evidenza a Milano i comparti tecnologia (+0,95%), bancario (+0,87%) e immobiliare (+0,74%).

I MIGLIORI

Moncler (+2%)

Il titolo Moncler ancora tra i migliori del listino del Ftse Mib dopo i rialzi in rally della vigilia in scia alle indiscrezioni su una possibile acquisizione da parte di Kering (che possiede, tra gli altri, marchi come Gucci, Saint Laurent, Balenciaga, Alexander McQueen, Bottega Veneta). Con il rialzo del 48% registrato da inizio anno, Moncler ha una capitalizzazione di oltre 11 miliardi di euro.
Remo Ruffini, amministratore delegato e principale azionista dell’azienda, ha confermato che ci sono stati dei contatti con Kering e anche con altri operatori. Ma per ora ha preso tempo dicendo che non c’è ancora nulla di concreto. In avvio di contrattazioni il titolo guadagna il 2%. 

Unicredit (+ 1,41%)

Moody’s promuove il piano industriale di Unicredit: per l’agenzia di rating, che lo scorso luglio ha aumentato il rating stand-alone della banca guidata dal ceo, Jean Pierre Mustier, da ba1 a baa3, il piano pluriennale 2020-2023 è “credit positive” perché i miglioramenti registrati sul bilancio aiutano la banca a essere resiliente rispetto a shock inattesi. Poco importa che invece il ministro alle infrastrutture Paola De Micheli lo abbia bocciato dopo la notizia dei 6000 esuberi solo in Italia e chieda che il Governo convochi i vertici dell’Istituto di credito: il titolo guadagna in Borsa l’1,41%.

I PEGGIORI

Ferragamo (- 1,18%)

Dopo una seduta brillante, quella di ieri, parte male Salvatore Ferragamo. Oggi cede l’1,8%.

Italgas (- 0,87%)

Continua il trend negativo per Italgas che cede lo 0,87% dopo una vigilia negativa che ha archiviato un calo del -0.97, saldo che rischia di favorire una evoluzione di breve termine al ribasso. L’ipotesi di nuovi cali troverebbe conferma sotto il minimo registrato nell’ultima giornata, collocato a 5.4920 euro.

ANALISI FTSE MIB

Ieri il Ftse Mib ha progressivamente perso quota per poi chiudere a 22.963 punti (-0,28%), complice anche l’apertura sottotono di Wall Street. Dopo il calo, oggi torna a salire  (+0,37%), mentre restano sotto i riflettori le tensioni sulla manovra, con lo scontro sulle tasse a tenere banco. Sull’indice italiano non sarebbero scontati ulteriori rialzi: potrebbe non esserci la forza per giustificare nuovi massimi.

ftse mib

Grafico Ftse Mib by TradingView

SPREAD

Apertura stabile per lo spread tra Btp e Bund sul mercato secondario dei titoli di Stato Mts. Il differenziale apre la seduta a 177 punti base, stesso valore di ieri, per poi muoversi leggermente al ribasso (– 0,47%). Il rendimento del Btp decennale è in lieve calo a 1,47% dall’1,48% della vigilia.

spread

Grafico Spread by TradingView