PIAZZA AFFARI POCO MOSSA. ASPETTANDO CONTE

PIAZZA AFFARI POCO MOSSA. ASPETTANDO CONTE

Oggi seduta debole per il principale indice della Borsa di Milano, in calo dello 0,21%, con l’apertura a 20.672,86 punti. Dopo l’ondata positiva iniziata lo scorso venerdì, che nella giornata di ieri ha messo a segno un rialzo del 1,93%, il Ftsemib si è attestato nuovamente su valori negativi. Avvio in rialzo per lo spread tra Btp e Bund a 213 punti, con un rendimento all’1,47% dall’1,43% di ieri. Tuttavia i mercati sono in attesa…

Leggi tutto

CONTE APRE LA CRISI: “LA RESPONSABILITA E’ DI SALVINI”

CONTE APRE LA CRISI: “LA RESPONSABILITA E’ DI SALVINI”

Due passaggi per spiegare ciò che è successo, 6 attacchi a Salvini, 5 punti per spiegare cosa farà, 3 osservazioni per difendere il Governo. Cosa è successo Salvini ieri sera ed oggi mi ha manifestato l’intenzione della Lega di interrompere l’esperienza di Governo Salvini mi ha manifestato la volontà di andare a votare per capitalizzare il consenso di cui il partito attualmente gode L’attacco a Salvini La crisi è da lui innescata Non spetta a…

Leggi tutto

CONTE: ABBIAMO LA FIDUCIA DEI MERCATI. LO SPREAD SCENDERA’

CONTE: ABBIAMO LA FIDUCIA DEI MERCATI. LO SPREAD SCENDERA’

“Conti in ordine ma senza misure regressive. Savoini? Non l’ho mai conosciuto” A margine dell’assemblea Abi, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è tornato a parlare dei rapporti tra Italia ed Europa: “Il fatto di avere evitato la procedura di infrazione ci sta aiutando, lo spread è al minimo dal 2018 e confidiamo che possa scendere ancora. Questo significa che abbiamo la fiducia dei mercati e confidiamo di continuare in questa direzione”. Il premier ha…

Leggi tutto

LE BORSE NON TEMONO TRUMP, MILANO LA MIGLIORE

LE BORSE NON TEMONO TRUMP, MILANO LA MIGLIORE

Corre più degli altri listini europei, Milano, e chiude con un guadagno dello 0,65% a 21.392 punti, unica piazza superiore al mezzo punto percentuale, in una giornata in cui l’Europa riesce a reggere all’urto della nuova minaccia di dazi da parte di Donald Trump su quattro miliardi di beni Ue, comprese alcune delle eccellenze dell’export italiano (olio e formaggi). Alla fine il vecchio continente ha chiuso in territorio positivo, nonostante il poco slancio di Wall…

Leggi tutto

DIECI ANNI DI FTSE MIB. IL MONITO DI CONTE

DIECI ANNI DI FTSE MIB. IL MONITO DI CONTE

Pronto a dimettermi. Così il premier Giuseppe Conte cerca di rasserenare i toni all’interno del governo gialloverde. Non siamo più in campagna elettorale. Si lavora insieme o altrimenti lascio. Nessun riferimento alla lettera di Bruxelles, ma un avvertimento: l’Iva non aumenterà, ma sarà complesso. Le dichiarazioni sono arrivate a mercati chiusi, e Piazza Affari ha potuto festeggiare i 10 anni del Ftse Mib in territorio positivo, seppur poco mosso, dopo un avvio in rosso. Occhio…

Leggi tutto

EUROPA POCO MOSSA. BORDATE DI TRUMP A LONDRA

EUROPA POCO MOSSA. BORDATE DI TRUMP A LONDRA

Sui mercati europei torna il sereno al termine di una seduta avviata con forti perdite in linea con la chiusura negativa di Wall Street di venerdì e dei listini asiatici nella notte. Le polemiche innescate da Donald Trump in visita nel Regno Unito non hanno peggiorato l’andamento dei mercati, che anzi si sono riportati lentamente in territorio positivo dopo il giro di boa, in una giornata dai dati macro poco mossi sul fronte del settore…

Leggi tutto

GOVERNO ALLA PROVA CDM, SPREAD DI NUOVO SU

GOVERNO ALLA PROVA CDM, SPREAD DI NUOVO SU

Un weekend agitato e un lunedì che potrebbe presagire anche venti di tempesta. Stasera è fissato l’ultimo Consiglio dei Ministri prima delle elezioni, quelle che Lega e in generale l’estrema destra europea puntano a vincere per iniziare a “cambiare l’Ue una norma dopo l’altra”. Ma il Carroccio deve anche guardare all’Italia e al governo, al cui interno la tensione non sembra allentarsi. Anzi. Le dichiarazioni (e gli eventi) del fine settimana hanno raggiunto l’apice dello…

Leggi tutto

L’UOMO CHE NON TEMEVA LO SPREAD

L’UOMO CHE NON TEMEVA LO SPREAD

Il primo a lanciare la sfida fu Silvio Berlusconi. Era il 2011, e l’allora Premier dichiarò in più di una circostanza che l’aumento del differenziale di rendimento tra Btp e Bund non fosse affatto un problema. Né per lui, né per la nazione. In fondo, i ristoranti erano pieni e l’Italia rimaneva il paese più bello del mondo. I fatti smentirono il leader di Forza Italia, costretto a lasciare Palazzo Chigi quando lo spread raggiunse…

Leggi tutto