Oliver Blackbourn (Janus Henderson Investors): tassi spiegano il presente, azioni il futuro

Oliver Blackbourn (Janus Henderson Investors): tassi spiegano il presente, azioni il futuro

“Il pacchetto di misure economiche varato dalla Casa Bianca dovrebbe contribuire ad alleviare i timori sui prossimi risultati economici delle aziende”, ha spiegato Oliver Blackbourn, Multi-Asset Portfolio Manager a Janus Henderson Investor . Il mercato azionario tende a basarsi più sulla speranza per il futuro. I mercati obbligazionari si concentrano invece sulla necessità di superare il presente, ha spiegato il money manager. La prossima questione significativa con cui i mercati avranno a che fare sarà…

Leggi tutto

LA RIKSBANK RIPORTA I TASSI ALLO ZERO. BOE CONFERMA LO 0,75%

LA RIKSBANK RIPORTA I TASSI ALLO ZERO. BOE CONFERMA LO 0,75%

Nel 2009 la banca centrale svedese applicò per prima i tassi negativi. Oggi le aspettative di inflazione sono vicine al 2%. E’ l’inizio della rivoluzione invocata da Lagarde?   E’ la banca centrale più antica al mondo ed è anche la prima ad aver declinato in territorio negativo i tassi di interesse alle banche per il deposito della liquidità in eccesso, era il 2009. Adesso, la Riksbank svedese potrebbe anche essere l’istituzione ad anticipare quello…

Leggi tutto

WALL STREET CAUTA IN ATTESA DEL TAGLIO DEI TASSI E DEI FAANG

WALL STREET CAUTA IN ATTESA DEL TAGLIO DEI TASSI E DEI FAANG

Sottotono Wall Street che si presenta cauta prima della decisione sui tassi da parte della Fed e nel giorno delle trimestrali di due colossi FAANG: Apple e Facebook Partenza cauta a Wall Street con gli scambi sui listini americani sottotono ma a mezz’ora dall’apertura, a Wall Street si rivedono gli acquisti in attesa che la Federal Reserve annunci le proprie decisioni di politica monetaria con il mercato che aspetta dalla Fed il terzo taglio dei…

Leggi tutto

UNIGESTION: FED, POSSIBILI NUOVI AGGIUSTAMENTI MONETARI

UNIGESTION: FED, POSSIBILI NUOVI AGGIUSTAMENTI MONETARI

A cura di Olivier Marciot, investment manager di Unigestion Ieri sera, per la prima volta da fine 2008, la Federal Reserve ha ridotto i tassi d’interesse di 25 punti base. La Fed ha citato la costante riduzione dell’inflazione e l’aumento dei venti contrari alla crescita economica come i principali fattori scatenanti del cambiamento di politica monetaria. Inoltre, la Banca centrale ha deciso di porre fine alla riduzione di bilancio il 1° agosto, due mesi prima…

Leggi tutto

FED TAGLIA I TASSI. POWELL: NON E’ PARTITO NESSUN CICLO

FED TAGLIA I TASSI. POWELL: NON E’ PARTITO NESSUN CICLO

Tre le motivazioni dell’intervento: l’inflazione bassa, il rallentamento economico e la guerra commerciale La Fed taglia i tassi di riferimento dal 2,50% al 2,25%, “ma non è partito un trend al ribasso”, secondo quanto dichiarato dal numero uno della banca centrale americana. La decisione di ieri non inverte, quindi, secondo il Governatore, quel ciclo al rialzo dei tassi di interesse partito alla fine del 2015. L’iniziativa è comunque storica, un intervento verso il basso non…

Leggi tutto

LA FED TAGLIA I TASSI DELLO 0,25%, EURO DOLLARO AI MINIMI

LA FED TAGLIA I TASSI DELLO 0,25%, EURO DOLLARO AI MINIMI

Otto voti a favore, due contro. Porta aperta a nuovi tagli Finisce un’era. Dopo undici anni, la Fed torna a tagliare i tassi di interesse. Lo fa secondo le attese del mercato: un intervento di un quarto di punto. Il costo del denaro scende così in una forchetta tra il 2 e il 2,25%. Una decisione non unanime. Otto voti a favore, compreso quello del governatore della Banca Centrale Usa, Jerome Powell, e due voti…

Leggi tutto

USA: IL LAVORO TIENE, TAGLIO DEI TASSI PIU’ LONTANO

USA: IL LAVORO TIENE, TAGLIO DEI TASSI PIU’ LONTANO

Gli analisti temevano dati in peggioramento, con la Fed pronta a intervenire. E invece… Il taglio dei tassi della Fed si allontana. I dati macroeconomici sul lavoro sorprendono il mercato, che si aspettava numeri negativi. E così, secondo gli analisti, le probabilità di un intervento della Banca Centrale Americana si riducono all’8% dal 26% precedente. Pazienza, questa dunque sarà la parola d’ordine della Fed, la cui riduzione del costo del denaro di 25 punti base…

Leggi tutto

ETF, MAGGIO: I RENDIMENTI DA INIZIO ANNO

ETF, MAGGIO: I RENDIMENTI DA INIZIO ANNO

Il petrolio è ancora l’attività finanziaria con il maggiore rendimento da inizio anno, seguito dall’azionario americano. Fanno male tutte le strategie alternative al ribasso e le posizioni a rialzo sui tassi di interesse. Asset Performance Capitale Montante Utile/Perdita Petrolio 37,21% 10.000 13.721 3.721 Azionario America 17,86% 10.000 11.786 1.786 Azionario Globale 16,35% 10.000 11.635 1.635 Azionario italiano 15,35% 10.000 11.535 1.535 Azionario Germania 14,80% 10.000 11.480 1.480 Obb. Corporate Usa Dollari 9,94% 10.000 10.994 994…

Leggi tutto