BPER Banca cresce e raddoppia il dividendo, in Borsa cosa fare? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

BPER Banca cresce e raddoppia il dividendo, in Borsa cosa fare?

BPER Banca cresce e raddoppia il dividendo, in Borsa cosa fare?

Anche BPER Banca brinda al rialzo dei tassi Bce. La banca modenese guidata da Piero Montani ha chiuso il 2022 con una forte crescita del margine di interesse (+21,3% a 1,8 miliardi) e delle commissioni nette (+18,3% a 1,9 miliardi). Il cda ha approvato la proposta per la distribuzione di un dividendo di 12 centesimi, il doppio rispetto allo scorso anno.

Effetto Carige sull’utile. I profitti contabili sono balzati di 1,5 miliardi di euro alla luce dell’impatto del badwill relativo all’acquisizione di Carige. Escludendo, però, le poste straordinarie, il valore aggiustato è di a 502,8 milioni, stabile rispetto ai 525 milioni dell’anno precedente. Il risultato è comunque superiore al consensus degli analisti, che si attendevano un utile compreso tra 450 e 460 milioni.

Il commento di Montani. La posizione patrimoniale di BPER Banca «ci permette di proporre un dividendo pari a 12 centesimi di euro per azione, doppio rispetto allo scorso anno», ha spiegato Montani, commentando i numeri del bilancio 2022. Un anno che ha visto «il positivo completamento dell’integrazione di Banca Carige, operazione che si è conclusa a fine novembre con l’atto di fusione e con la completa migrazione dei sistemi informativi. Questo ulteriore processo di consolidamento bancario – ha continuato il banchiere – ci ha permesso di incrementare significativamente i volumi di impieghi e raccolta in territori limitatamente presidiati, nonché di rafforzare ulteriormente il nostro posizionamento competitivo su scala nazionale, grazie anche a un rilevante aumento del numero di clienti del 20% circa, dai 4,2 milioni precedenti ad oltre 5 milioni attuali».

Gli altri dati di bilancio. La raccolta diretta da clientela (debiti verso clientela, titoli in circolazione e passività finanziarie designate al fair value) si attesta a 114,8 miliardi, in aumento del 13,3%. I crediti lordi verso la clientela sono pari a 93,6 miliardi in aumento del 14,1%, mentre l’incidenza dei crediti deteriorati sul totale dei crediti lordi si è attestata al 3,2%, in ulteriore calo rispetto al trimestre precedente (4,2%), grazie principalmente all’operazione di cessione di un portafoglio di Npl.

 

Azioni BPER Banca: quotazioni superano di slancio resistenza a 2,75

Quotato nell’indice FTSE Mib di Borsa Italiana, il titolo BPER Banca è decisamente impostato al rialzo nel breve termine, anche grazie alle performance positive registrate nelle ultime sedute. Il rialzo cominciato a metà luglio è sostenuto da una trendline ascendente non particolarmente inclinata e, quindi, piuttosto credibile, a cui ha fatto seguito la spiccata positività (condivisa con l’intero comparto azionario) che si è manifestata nel mese di gennaio. Il tutto avvenuto con fisiologici ritracciamenti che hanno permesso al rally di prendere fiato periodicamente.

E’ da ammettere che l’ulteriore accelerazione avvenuta in queste prime settimane di febbraio ha sorpreso. Ci si aspettava il consueto leggero storno e, invece, si è assistito addirittura al breakout dell’importante resistenza posta sul livello 2,750.
Poiché i grafici non mentono mai, meglio rassegnarsi subito. La struttura grafica è rialzista e così rimarrà ancora per diverso tempo. E poi, considerando che prima o poi BPER Banca sarà protagonista del prossimo Risiko Bancario, meglio averla in portafoglio fin da subito anche a costo di comperarla così alta.

L’impostazione algoritmica, infatti, vede i prezzi stazionare al di sopra dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono diventati rialzisti a fine dicembre. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “ipercomprato” vicino al livello 82. Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 2,834 con target nell’intorno dei 2,918 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 2,688 con obiettivo molto vicino al livello 2,608.


L’andamento di breve termine del titolo BPER BANCA

AUTORE

Picture of Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *