Eurojackpot: come si gioca, cosa si vince, quanto si paga di tasse - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Eurojackpot: come si gioca, cosa si vince, quanto si paga di tasse

L'estrazione dell'Eurojackpot

Germania e Danimarca sono nella storia dell’Eurojackpot: i tre montepremi più alti nei dieci anni di storia del gioco sono stati vinti da sistemisti tedeschi e danesi. Nella classifica degli Stati “più fortunati d’Europa”, comanda proprio la Germania: giocatori tedeschi hanno vinto per ben 58 volte, staccando in maniera netta la Finlandia seconda a 21 e la Danimarca terza a 10. Ma cos’è di preciso l’Eurojackpot, come funziona e quali Paesi partecipano?

 

Eurojackpot, cos’è e come funziona

Nato nel marzo del 2012, l’Eurojackpot è il Superenalotto europeo: una lotteria ad estrazione a cui partecipano 300 milioni di giocatori in mezza Europa. Funziona come qualsiasi altra lotteria basata sull’estrazione di numeri e con premi in denaro, dal Superenalotto italiano al 6 aus 49 tedesco. Dal suo debutto ad oggi, il gioco ha subito vari cambiamenti e ha assegnato vincite memorabili con cifre a sei zeri.

L’idea prende vita nel 2005 come rivale dell’EuroMillions, lanciato con successo l’anno precedente: diversi operatori europei cominciano a considerare l’idea di una seconda lotteria paneuropea, competitor della concorrente e del Vikinglotto scandinavo. L’accordo ufficiale per il debutto viene formalmente raggiunto nel giugno del 2011 ad Helsinki, dove tuttora avvengono le estrazioni. La prima vincita del jackpot, pari a 19,5 milioni di euro, avviene in Germania l’11 maggio 2012.

 

Le regole del gioco

All’Eurojackpot vengono estratti 5 numeri principali da 1 a 50 e 2 euronumeri da 1 a 12. L’obiettivo è fare 5+2: per vincere il jackpot in palio bisogna indovinare tutti i numeri estratti, ma ci sono altre undici categorie di premi secondari perché si vincono premi indovinando almeno tre numeri. Per giocare basta scegliere almeno cinque numeri su 50 e almeno due euronumeri su 12. Gli euronumeri vengono estratti da un’urna diversa da quella dei numeri principali, motivo per cui può capitare di avere la stessa cifra sia come numero principale che come euronumero. In totale le categorie di vincita sono 12, dal 5+2 fino al 2+1:

 

  • 5+2
  • 5+1
  • 5+0
  • 4+2
  • 4+1
  • 3+2
  • 4+0
  • 2+2
  • 3+1
  • 3+0
  • 1+2
  • 2+1

 

Il jackpot è in ogni caso milionario perché parte da almeno 10 milioni di euro, ma il suo limite massimo è sempre di 120 milioni. Se non c’è vincitore all’estrazione, il valore del jackpot viene riportato a quella successiva, ovviamente entro la soglia dei 120 milioni: i soldi in eccesso sono riassegnati alla seconda vincita più alta, che di solito è il 5+1. Le probabilità di vincita complessive sono 1 su 32, mentre quelle del jackpot sono di 1 su 139.838.160. Ad oggi le vincite da 120 milioni di euro sono avvenute tre volte: due in Germania (l’8 novembre 2022 e il 23 giugno 2023) e una in Danimarca il 22 luglio 2022.

 

Il numero di Paesi che partecipano

L’Eurojackpot è una lotteria paneuropea: partecipano 18 nazioni. Le prime a farne parte sono state Danimarca, Finlandia, Estonia, Germania, Italia, Paesi Bassi e Slovenia, alle quali si sono aggiunte via via tutte le altre. L’ultima arrivata è la Polonia, entrata dal 15 settembre 2017. Non c’è la Francia, uno dei Paesi più importanti in Europa: con Andorra, Austria, Belgio, Irlanda, Liechtenstein, Lussemburgo, Monaco, Portogallo, Regno Unito, Spagna e Svizzera, fa parte del circuito concorrente dell’EuroMillions. Ecco le 18 nazioni dell’Eurojackpot:

 

  • Croazia
  • Danimarca
  • Estonia
  • Finlandia
  • Germania
  • Islanda
  • Italia
  • Lettonia
  • Lituania
  • Norvegia
  • Paesi Bassi
  • Polonia
  • Repubblica Ceca
  • Slovacchia
  • Slovenia
  • Spagna
  • Svezia
  • Ungheria

 

Il costo di una schedina semplice

Il costo di una giocata minima all’Eurojackpot è di 2 euro per una sola combinazione di 5 numeri e 2 euronumeri. La schedina è a un solo pannello (anche per sistemi ridotti) o a 5 pannelli. Chi sceglie di giocare più di cinque numeri principali e più di due euronumeri, applica il sistema integrale, con un costo che ad esempio può andare da 12 euro (per 6 numeri principali e 2 euronumeri) a 504 euro con 10 numeri nel pannello e 2 euronumeri per 252 combinazioni.

È pure possibile fare l’abbonamento e ripetere la stessa giocata fino a cinque estrazioni consecutive. Con il quick pick i numeri sono scelti casualmente dal terminale a seconda di quanto si gioca, da 2 a 20 euro per 10 combinazioni di una sestina, 4 cinquine e 2 euronumeri. Nelle ricevitorie, inoltre, ci sono sistemi integrali, quadrati integrali e rettangolari integrali suddivisi in carature: il giocatore prende una quota e in caso di vincita divide il premio con gli altri partecipanti al sistema.

In Italia è possibile giocare in ricevitoria, negli oltre 39.000 punti vendita della rete Sisal sparsi su tutto il territorio nazionale; online su uno dei 39 siti autorizzati, da Sisal e Lottomatica a Snai e GoldBet; tramite l’app ufficiale Eurojackpot, disponibile gratuitamente su App Store per dispositivi iOS e su Google Play per dispositivi Android.

Le giocate chiudono ogni martedì e venerdì entro le ore 19. Si può giocare in una qualunque delle 18 nazioni aderenti indipendentemente dalla cittadinanza, ma un’eventuale vincita può essere riscossa solo nel Paese in cui è stata effettuata la giocata.

 

Quando avvengono le estrazioni

Le estrazioni dell’Eurojackpot avvengono ogni martedì e venerdì sera alle ore 20. La sede estrattiva è unica e si trova a Helsinki, in Finlandia, la città dov’è stato siglato l’accordo ufficiale tra gli operatori europei che ha sancito la nascita della lotteria. È possibile seguire le estrazioni in diretta sul canale YouTube di Sisal, l’azienda concessionaria per l’Italia che da oltre 70 anni opera nel mercato dei giochi.

Il regolamento prevede che l’estrazione deve avvenire in pubblico con l’utilizzo di due urne, ciascuna con tre serie di palline. Il bussolotto per l’estrazione dei numeri principali si chiama Venus, come il nome del sistema messo a punto in Francia: una macchina con tecnologia ad aria compressa che ha sostituito nelle lotterie il bambino bendato, eliminando definitivamente il rischio di eventuali estrazioni pilotate.

 

Quanto si paga di tasse

Anche l’Erario incassa il suo Eurojackpot: alla rete va un aggio dell’8% sulle giocate. Ma la tassazione e il processo di riscossione cambiano a seconda del Paese in cui è stato acquistato il biglietto. In Italia la tassazione è come quella che avviene sui premi al Superenalotto: le vincite sono soggette ad una trattenuta fiscale del 20% sulla parte del premio che eccede il valore di 500 euro. Quindi, al di sotto dei 500 euro le vincite sono esentate dalla tassa, al di sopra dei 500 scatta il 20%. Anche le vincite non riscosse vengono versate all’Erario.

La riscossione del premio dipende da dove si è giocata la schedina, se online o in ricevitoria. Fino a 5.200 euro, la vincita online è accreditata direttamente sul conto di gioco; quella in ricevitoria si riscatta in contanti o con assegno in ricevitoria, in un qualsiasi punto vendita Sisal o presso gli uffici premi dell’azienda a Roma e Milano.

Per le vincite superiori ai 5.200 euro, pagate con bonifico o assegno, bisogna recarsi agli uffici premi di Sisal con il biglietto o la stampa della giocata (è essenziale che riporti il codice univoco e il codice di identificazione), un documento di identità valido ed il codice fiscale.

Per quanto riguarda i tempi di riscossione, la vincita viene pagata entro il novantesimo giorno successivo alla pubblicazione del bollettino ufficiale generale. L’unica eccezione è per la vincita di un premio superiore ai 10 milioni di euro. In questo caso, il termine di riscossione è entro tre anni dalla data di estrazione del concorso in cui si è realizzata la vincita.

AUTORE

Picture of Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *