Filippo Piccoli, chi è e che cosa fa il presidente del Mantova - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Filippo Piccoli, chi è e che cosa fa il presidente del Mantova

Filippo Piccoli

Ha fatto centro al primo colpo Filippo Piccoli: alla sua stagione d’esordio da amministratore unico del Mantova 1911, la società rinata nel 2017 come erede della tradizione sportiva di quello che una volta era il Piccolo Brasile, ha costruito una squadra da favola capace di vincere il girone A di Lega Pro e centrare la promozione in B con tre giornate d’anticipo. L’impresa vale doppio: i virgiliani erano stati ripescati dopo la retrocessione della precedente stagione in D. Un traguardo che all’inizio del campionato sembrava impensabile.

 

Chi è e che cosa fa Filippo Piccoli

Classe 1973, laureato in Economia aziendale alla MIB Trieste School of Management, Filippo Piccoli è il fondatore e CEO di Sinergy, azienda di fornitura di luce e gas sul mercato libero dell’energia dal 2017. Veronese al cento per cento e titolare col suo gruppo del main sponsor dell’Hellas, l’imprenditore fa una lunga gavetta da sales representative di DHL prima di lanciare progetti operativi come Verona Service, Mediatel Italia e Sales Consulting.

Dal 1998 le attività di Piccoli ruotano attorno a GPF (Gruppo Filippo Piccoli), realtà commerciale che si occupa di fornitura di energia e gas, consulenza alle aziende su telefonia fissa e mobile, call center, teleselling e attività di vendita su tutto il territorio nazionale con personale qualificato. Il gruppo ha tre sedi (due a Verona e una a Milano) ed è composto da 30 dipendenti e oltre 400 professionisti che operano in ambiti trasversali.

 

A quanto ammonta il suo patrimonio

Non ci sono informazioni precise sul patrimonio di Piccoli, ma Sinergy è un’azienda di Olimpia, società controllata da FP73 Holding, la cassaforte societaria dell’imprenditore che ha chiuso il bilancio 2022 con un fatturato consolidato di 224 milioni di euro e un utile di 9,5 milioni, più del doppio dei 4,3 milioni del 2021. Olimpia e Verona Service, le società satellite del Gruppo Filippo Piccoli, realizzano ricavi per oltre 220 milioni.

Amministratore unico del suo gruppo e presidente del Mantova 1911, l’ad di Sinergy lavora senza un consiglio di amministrazione. Se i debiti verso banche e fornitori ammontano a 72 milioni di euro, la disponibilità liquida nel consolidato è di 43 milioni, generata portando a riserva gli utili. Sul piano operativo, l’area amministrativa del Mantova è affidata al responsabile Lorenzo Pegorin e all’ufficio amministrazione di Daniele Bertoncello.

 

Da quanto tempo gravita nel calcio

Tifoso dell’Hellas, interessato inizialmente alla Virtus Verona e alla Triestina, Piccoli finisce al Mantova grazie al suo rapporto di collaborazione ed amicizia con il presidente Maurizio Setti. Dal 2022 decide di andare oltre l’operazione commerciale nel Verona e subentra all’ex numero uno Ettore Masiello nel ruolo di presidente dei virgiliani. Nel 2023 ufficializza il passaggio di testimone con Setti: Piccoli rileva il 46,5% del patron del Verona e diventa socio di maggioranza con il 93% delle quote.

Dopo la retrocessione in D e la riammissione in C grazie alla mancata iscrizione al campionato del Pordenone, Piccoli cambia davvero la sua avventura da sponsor del Verona a proprietario del Mantova. “Qui mancava la professionalità. Il Mantova veniva visto come succursale del Verona e i giocatori quasi come dei ripieghi. Oggi il club ha figure professionali di spessore esclusivamente focalizzate sul progetto Mantova”, racconta a L’Arena a promozione in B ottenuta.

 

Quanto ha investito nel Mantova

Nel suo primo anno di gestione autonoma, Piccoli spende circa 6 milioni di euro per il Mantova, senza considerare il mercato dei giocatori, gli stipendi e le spese di campo. Quando prende il 46,5% di Setti e diventa amministratore unico dei biancorossi, sborsa 1,55 milioni. Quattro mesi dopo, ripiana perdite per 3,4 milioni dalla fallimentare stagione 2022-2023 e per 242mila euro dalla 2023-2024, azzerando il capitale e ricostituendolo a 606mila euro. “Lavoreremo assiduamente per creare un circolo virtuoso dal punto di vista aziendale e sportivo”, sono le sue prime parole da presidente.

Conquistata la serie cadetta, c’è da risolvere la questione stadio, dove ogni domenica arrivano 6-7mila tifosi per le gare casalinghe. La società deve rendere il Danilo Martelli (di proprietà del Comune) idoneo al campionato di B. Il club lavora con l’amministrazione ad un progetto di ammodernamento ed ampliamento da 2 milioni di euro e al rinnovo della convenzione per l’utilizzo con una scadenza a lungo termine. Ma in ballo c’è anche l’ipotesi di costruire un nuovo impianto nell’area del Migliaretto.

 

I risultati sportivi nel corso della sua presidenza

Il fallimento del 2017 costringe il Mantova a ripartire dalla D: al club lombardo servono tre anni per strappare la promozione in C e risalire tra i professionisti. Piccoli è amministratore unico dalla stagione 2023-2024, quando ottiene subito un risultato straordinario: riammessa in C a tavolino dopo la retrocessione in D, la società biancorossa vince il campionato e con tre turni d’anticipo torna in Serie B dopo 14 anni.

Il glorioso Mantova, sette presenze in A nella sua storia, riparte dal tecnico Davide Possanzini, da una rosa di calciatori giovani e promettenti (l’età media è 25,9 anni) e da un gruppo dirigenziale che poggia sul direttore tecnico Christian Botturi e sul responsabile scouting Vincenzo Talluto. L’obiettivo del sodalizio di viale Te è garantire solidità strutturale per poter raggiungere risultati importanti in modo sostenibile. Il sogno, naturalmente, è quello di ripetere le gesta del Mantova del secondo dopoguerra, la squadra che nell’Italia del boom economico fece il grande salto dalla quarta serie all’olimpo della A.

AUTORE

Picture of Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *