Fondazioni bancarie: ecco quali banche hanno in portafoglio - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Fondazioni bancarie: ecco quali banche hanno in portafoglio

Fondazioni bancarie: quali sono le banche detenute in portafoglio

Le fondazioni bancarie sono enti non profit che contribuiscono economicamente alla attività promosse dalle organizzazioni senza scopo di lucro per promuovere un interesse generale. Introdotte nel nostro ordinamento dalla legge n.218 del 1990, conosciuta come legge Amato-Carli, le fondazioni di origine bancaria hanno una presenza radicata soprattutto nei settori della ricerca scientifica, istruzione, arte, cultura, sanità e assistenza.

Questi enti sono diversi dalle banche, proprio per il fine non lucrativo che perseguono. Quindi, non possono esercitare funzioni creditizie e viene loro inibita qualsiasi forma di finanziamento, erogazione, sovvenzione, diretta o indiretta, a soggetti che perseguono scopi di lucro. Tuttavia, possono esercitare attività di impresa, ma solo per finalità strumentale alla missione di favorire un interesse collettivo e orientata esclusivamente ai settori della ricerca scientifica, istruzione, arte, conservazione dei beni culturali e ambientali, sanità e assistenza alle classi sociali più deboli.

 

Fondazioni bancarie: le partecipazioni nelle banche italiane

Le fondazioni hanno svariate partecipazioni nelle banche conferitarie, esercitando un ruolo importante nel settore bancario. Questo nonostante prima la legge Ciampi del 1998 e poi il Protocollo Acri-MEF del 2015 abbiano cercato di ridurne l’influenza. Nel tempo, in realtà, le quote sul capitale degli istituti di credito detenute dalle fondazioni si sono ridotte in maniera considerevole, ma ciò non toglie che il peso a volte è ancora rilevante. In Italia sono 86 le fondazioni bancarie e dai loro bilanci alla fine del 2022 risulta che le partecipazioni nelle banche conferitarie ammontavano complessivamente a 10,92 miliardi di euro. Ma quali sono gli istituti di credito partecipate? Vediamoli di seguito.

 

Intesa Sanpaolo

Intesa Sanpaolo è la banca che nutre maggiore interesse tra le fondazioni. Nel suo azionariato fanno parte:

  • Fondazione Compagnia di Sanpaolo;
  • Fondazione Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde;
  • Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo;
  • Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze;
  • Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna;
  • Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo;
  • Fondazione Friuli;
  • Fondazione Gorizia;
  • Fondazione Banca del Monte di Lombardia.

 

UniCredit

La seconda banca italiana recentemente ha avuto le partecipazioni dalle seguenti fondazioni:

  • Fondazione Cassa di Risparmio di Torino;
  • Fondazione Cassa di Risparmio di Verona, Vicenza e Belluno;
  • Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste;
  • Fondazione Cassa di Risparmio della Marca Trevigiana.

 

Banco BPM

La terza banca italiana per attivi ha avuto nel capitale sociale le quote delle seguenti fondazioni:

  • Fondazione Cassa di Risparmio di Torino;
  • Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

 

MPS

A seguito dell’ultima ricapitalizzazione del gruppo di Rocca Salimbeni avvenuta a ottobre del 2022, sono entrate nel capitale sociale della banca alcune fondazioni, mentre altre erano già presenti. Ecco l’elenco:

  • Fondazione MPS;
  • Fondazione Cassa di Risparmio di Torino;
  • Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo;
  • CariCuneo;
  • Fondazione Sardegna;
  • Fondazione Forlì;
  • CariFirenze;
  • Fondazione Lucca;
  • Fondazione Pistoia e Pescia.

 

BPER Banca

BPER Banca vede nel proprio azionariato la partecipazione di tre fondazioni, come di seguito elencato:

  • Fondazione di Sardegna;
  • Fondazione Cassa di Risparmio di Modena;
  • Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila.

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *