House of Trading: nemmeno i banchieri centrali smuovono i mercati - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

House of Trading: nemmeno i banchieri centrali smuovono i mercati

Il cartello di presentazione della puntata del 5 dicembre 2023 di House of Trading con le immagini dei protagonisti: Nicola Para, Vincenzo Penna, Giovanni Picone, Riccardo Designori

Non cambia lo scenario sui mercati azionari europei che proseguono nel loro stato di apatia. Nemmeno le parole del falco BCE Isabel Schnabel, che ieri ha sorpresa ha dichiarato in un discorso che Francoforte può lasciarsi alle spalle i tassi di interesse, hanno dato la scossa. Tanto meno gli indici PMI servizi pubblicati in mattinata hanno modificato la posizione di attesa delle Borse del Vecchio continente. Vedremo se nella coda della settimana, venerdì, ci riusciranno i non-farm payrolls in arrivo dagli Stati Uniti. Nel frattempo, ad “House of Trading – Le carte del mercato”, il format di BNP Paribas che mette a confronto ogni settimana la squadra dei trader con quella degli analisti, gli ospiti dibatteranno sulla soglia dei 30.000 punti che il FTSE Mib sembra pronto ad acchiappare ma che, finora è sfuggita. Nel frattempo l’indice guida di Piazza Affari è tornato sui livelli pre-Lehman Brothers.

La quarantunesima puntata, che verrà trasmessa in diretta streaming alle ore 17:30 sul canale YouTube Investimenti BNP Paribas, mette di fronte Nicola Para e Vincenzo Penna per i trader, Giovanni Picone e Riccardo Designori per gli analisti.

Puntata del 28 novembre: Marini centra il target con l’oro

E’ difficile avere a che fare con mercati a bassa volatilità, come quelli europei delle ultime settimane. Si è mossa di più Wall Street ma il risultato non è cambiato.

Solo una strategia è arrivata a bersaglio tra quelle proposte nella passata settimana. Si tratta di un long su oro, materia prima che ha toccato i massimi, proposto da Jacopo Marini con ingresso a 2029 dollari e target a 2055,50. L’operazione ha raggiunto il target ieri realizzando una performance del 13,56%.

A bersaglio sono arrivate anche altre strategie proposte nelle puntata passate di House of Trading. In particolare, la più “vecchia” è il long sul FTSE Mib proposto da Giancarlo Prisco il 4 luglio 2023. La strategia ha realizzato una performance positiva del 96,05%. Risale invece al 14 novembre il long su eur/usd di Luca Duranti che ha portato a casa un +17,69% mentre è del 21 novembre il long di Enrico Lanati su oro che ha chiuso in guadagno del 4,33%.

Nel complesso il bilancio settimanale tra la squadra degli analisti e quella dei tradder si chiude in parità, 2 a 2, per un punteggio complessivo di 55 a 43 a favore della squadra dei trader.

Nel corso della puntata numero 40 di House of Trading , la seconda strategia proposta da Jacopo Marini è finita in stop loss. Il compagno di squadra ha invece incassato uno stop loss su uno short sul Nasdaq 100 che ha segnato una performance negativa del 4,61%. Non si è attivata la seconda strategia proposta, un long su Intesa Sanpaolo.

Per quanto riguarda la squadra dei trader, due strategie a mercato e due inattive. Giancarlo Prisco ha lasciato aperto un long su petrolio WTI da 75 dollari con obiettivo a 78 e stop loss a 72 dollari in calo del 22,49% alla rilevazone intermedia delle ore 12:00. Non si è attivato invece il long su S&P500. Infine, Nicola para a lasciato aperto un long su oro da 2030 dollari con obiettivo a 2050 e stop a 2010 mentre non è entrato un long su buund.

 

House of Trading: le regole del nuovo format

La principale novità del 2023 di House of Trading è quella relativa all’interazione con il pubblico: grazie alla chat presente nella diretta, gli spettatori potranno chiedere ai partecipanti della trasmissione il quadro tecnico e la view macroeconomica sulle diverse asset class.
Nel corso di ogni episodio i componenti dei due team mettono sul mercato 4 strategie operative long/short sui sottostanti preferiti tra indici di Borsa, materie prime, valute, azioni italiane o estere. Le 8 strategie, 4 per i trader e 4 per gli analisti, prevedono un livello di entrata, stop e target.
Le operazioni long e short proposte dai trader e dagli analisti iniziano a essere monitorate l’apertura dei mercati di mercoledì. Le strategie potranno attivarsi da quel momento e fino alle ore 12 del martedì successivo. A quel punto si osserverà le carte che non sono state eseguite e quelle verranno tolte dalla sfida. Se invece la strategia si sarà attivata, gli scenari saranno due: o target o stop. Se l’obiettivo dovesse venire centrato verrà assegnata una carta, in caso contrario no.

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *