Imvest: nel piano 2025 nuove acquisizioni, cosa fare con l’azione? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Imvest: nel piano 2025 nuove acquisizioni, cosa fare con l’azione?

Case di Firenze viste dalla cupola della Cattedrale.

Il Cda di Imvest, società operante nel settore immobiliare, ha approvato il progetto di bilancio al 31 dicembre 2022 e ha dato il via libera al nuovo piano industriale per il triennio 2023-2025, nel quale è prevista anche l’acquisizione di due realtà operanti nel settore dell’intermediazione immobiliare e della consulenza.

Per quanto riguarda il bilancio consolidato 2022, i ricavi si sono attestati a 4,054 milioni di euro contro i 2,812 del 2021. Il margine operativo lordo (ebitda) è risultato negativo per 509.000 euro (-652.000 nel 2021), risultato netto ha segnato -1,192 milioni di euro in miglioramento da -5,298 milioni nel 2021. La posizione finanziaria netta è negativa per 1,956 milioni di euro, in aumento rispetto a 1,657 milioni nel 2021.

 

Le linee del piano industriale

Il nuovo piano industriale e le operazioni straordinarie ad esso connesse prevedono lo sviluppo strategico della società mediante il rafforzamento di una serie di linee di business: il trading immobiliare (servizi di consulenza e intermediazione per la compravendita e la locazione di singoli immobili e interi portafogli sia commerciali che residenziali), l’asset management (gestione di investimenti immobiliari e partnership strategica nelle decisioni di investimento immobiliare), lo short rent (gestione di affitti a breve termine localizzati prevalentemente sul territorio del comune di Milano, ma che a tendere si intende sviluppare su tutto il territorio nazionale), i servizi di agency (mediante i quali la società gestisce l’intero ciclo di vita del processo di vendita immobiliare dalla fase di ottenimento di mandati alla vendita sul mercato degli asset) e, infine, l’advisory (definizione della migliore strategia di investimento, supporto in fase di sottoscrizione di contratti, predisposizione di business plan).

Sono stati siglati accordi vincolanti aventi a oggetto l’acquisizione da parte di Imvest del 100% del capitale sociale di due società. Si tratta di Dismissioni Immobiliari e di Lira Advisory. Le due società verranno acquisite mediante conferimento di partecipazioni. Le operazioni permetteranno a Imvest di rafforzare l’offerta di servizi immobiliari integrati mediante il rafforzamento dell’attuale linea di business dell’intermediazione immobiliare e l’ampliamento del business, includendo le nuove attività di consulenza e advisory nel settore real estate, con il know-how apportato dal management delle due nuove realtà.

 

Azioni Imvest: quotazioni in laterale, lenta fase di accumulazione

Quotato sul mercato Euronext Growth Milan di Borsa Italiana, il titolo Imvest sembra essere impostato al rialzo nel breve termine, nonostante la performance molto negativa registrata nella seduta di venerdì (-6,48%). Dopo un’apertura in linea con la chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno intrapreso fin da subito un andamento fortemente ribassista che le ha portate a realizzare un minimo sul livello 0,0200, per poi chiudere sul finale non distante a quota 0,0202.

Dopo la violenta discesa avvenuta nella seconda metà di maggio, da oramai due settimane l’azione si sta muovendo all’interno di uno stretto trading range compreso tra i livelli 0,0200 e 0,0220. Si tratta di una situazione da leggere positivamente in quanto significa che il ribasso è terminato. Ora, però, si rimane in attesa di intravedere qualche segnale che indichi un eventuale rimbalzo, ma al momento non ce n’è ancora evidenza. L’attuale lateralità, quindi, deve essere interpretata solo come una prolungata fase di accumulazione che farà da preludio a un prossimo movimento rialzista. In definitiva, si ritiene che entrare sul titolo a questi prezzi rappresenti una buona occasione d’acquisto, purché si abbia tempo e pazienza di aspettare che Imvest esprima le proprie potenzialità.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 0,0220 con target nell’intorno degli 0,0242 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 0,0200 con obiettivo molto vicino al livello 0,0198. L’impostazione algoritmica vede i corsi stazionare ancora al di sotto dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono diventati ribassisti a metà maggio. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 39.


L’andamento di breve termine del titolo IMVEST

AUTORE

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Una risposta

  1. sono un piccolo azionista della società Imvest da oltre 4 anni ho in portafoglio 50000 azioni ad un prezzo medio di 0,37 nonostante che l’azione è a 0,02 sono fiducioso della società. inoltre vorrei sapere quando finiranno gli aumenti di capitali, grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *