INOM Luxury Auctions, come funziona la piattaforma d'aste per immobili di lusso - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

INOM Luxury Auctions, come funziona la piattaforma d’aste per immobili di lusso

Una villa di lusso

Il debutto sul mercato di INOM Luxury Auctions ha segnato una svolta nel settore immobiliare italiano. Quella dell’innovativa startup milanese guidata da Andrei Moiseev, Alessandro Sani, Ylenia Martini, Mirko Frigerio e Andrea Algeri è la prima piattaforma dedicata esclusivamente alla compravendita di immobili di lusso con il metodo dell’asta. “Siamo pronti a cogliere questa sfida, interpretando e soddisfacendo al meglio gli standard e le richieste di una clientela esigente”, spiega il fondatore Moiseev. Ma come funziona di preciso la vendita all’incanto di INOM?

 

Come funziona l’asta su INOM Luxury Auctions

In contatto con diversi intermediari, INOM seleziona una serie di proprietà italiane di lusso presenti nel mercato libero (principalmente immobili unici ed esclusivi) e le mette in vendita tramite un’asta competitiva, proprio come quelle che le case d’aste organizzano per le opere d’arte, gli orologi e gli oggetti d’antiquariato, i francobolli, i cimeli, i vini pregiati e le auto d’epoca. Gli acquirenti accedono sulla piattaforma di INOM, consultano i migliori lotti disponibili e formulano le loro offerte. La migliore vince.

Ogni asta si struttura in quattro fasi. Nella prima INOM effettua i controlli tecnici e burocratici sugli immobili, prepara i contenuti di marketing e le strategie di vendita. La fase due è quella di pubblicazione delle schede delle proprietà con tutto il materiale disponibile. Chiuse le iscrizioni all’asta entro e non oltre la data d’inizio della gara, si entra nel vivo con la fase tre: la gara dedicata agli interessati che hanno presentato un’offerta e sono pronti ai rialzi. Dopo l’aggiudicazione, si procede con la fase quattro: il trasferimento al nuovo proprietario.

INOM fa triangolare privati, società e agenti immobiliari. I venditori, sempre a conoscenza di tempi e termini della vendita, ottengono prezzi finali mediamente migliori delle vendite tradizionali. Gli acquirenti possono partecipare all’asta sia di persona che online sul portale di INOM, intervenendo in tempo reale e da qualsiasi parte del mondo, da tutti i tipi di dispositivo e nella massima riservatezza. Gli intermediari collaborano con la piattaforma e massimizzano il valore dell’immobile e delle provvigioni se l’asta fa salire il prezzo.

Le tipologie di asta sono due: con o senza riserva. Nell’asta con riserva il venditore ha la facoltà di decidere entro 30 giorni se accettare o meno l’offerta finale, nel caso in cui quest’ultima sia inferiore al prezzo minimo preventivamente concordato. Viceversa nell’asta senza riserva non c’è un valore minimo da raggiungere: la proprietà viene venduta semplicemente al miglior offerente.

Per partecipare all’asta e confermare la veridicità dell’offerta, è richiesto il versamento di una caparra su un conto escrow presso un notaio, che poi viene restituita a chi non vince. In caso di vittoria, invece, la somma viene trattenuta e detratta dall’importo totale da versare. Quando la proprietà viene venduta ad un prezzo superiore a quello di riserva, il venditore condivide con INOM (e con l’intermediario, se presente) una parte della quota eccedente. In aggiunta, non sono assolutamente previste negoziazioni dirette ed è possibile partecipare a più aste contemporaneamente.

Ogni rilancio è libero (purché l’importo sia uguale o superiore al rilancio minimo stabilito che viene indicato nei dettagli dell’asta) ed estende di cinque minuti il termine della gara. Il rilancio è vincolante: non è possibile ritirare o cancellare l’offerta fatta durante l’asta. Inoltre, chi si aggiudica l’immobile ha l’obbligo di saldare l’importo dell’aggiudicazione: in caso di ritiro, scatta la perdita della caparra versata.

 

Gli immobili di lusso venduti all’asta da INOM

La prima asta di INOM Luxury Auctions è avvenuta nell’aprile del 2024: la piattaforma ha messo in vendita Villa Monferini, prestigiosa residenza sulle colline torinesi progettata dall’architetto Enzo Dolci. La villa, incorniciata dalle Alpi e con vista panoramica sulla città, è immersa nel verde (vanta quasi un ettaro di parco) e ha una piscina esterna di 120 mq, palestra, sauna e patio. La superficie complessiva è di 1.200 mq (sei camere e sette bagni) disposti su tre livelli, il valore di mercato di 3,2 milioni di euro.

A luglio è stata messa all’asta Torre di Lividonia, dimora storica del Monte Argentario situata a Porto Santo Stefano. Immortalata dalla fotografa Edi Solari, la villa risale al XVI secolo e nel corso degli anni ha ospitato personalità del calibro di Gianni Agnelli e Sting. Il parco privato è di oltre 11.000 mq con ulivi e cipressi, la superficie di 988 mq include la villa padronale (cinque camere e sei bagni), la piscina con area solarium, lo spazio ospiti e la casa del custode. Il valore di mercato stimato è di 7,7 milioni.

Al momento la clientela di INOM Luxury Auctions è soprattutto straniera (all’85% da Stati Uniti, Asia, Nord ed Est Europa) e predilige abitazioni luxury sul territorio italiano. Le località preferite sono città d’arte e suggestive mete turistiche caratterizzate da laghi, mare e campagna. Per l’immediato futuro la startup punta ad espandere le compravendite anche all’Europa, naturalmente nel pieno rispetto delle differenti normative di riferimento che disciplinano i mercati immobiliari.

AUTORE

Picture of Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *