La giornata sui mercati in cinque punti: il virus cinese fa paura

LA GIORNATA SUI MERCATI IN 5 PUNTI – 7 FEBBRAIO 2020

coronavirus

Coronavirus: 636 vittime e un caso confermato in Italia. Attenzione al petrolio: i future hanno perso i guadagni anticipati il 6 febbraio, nonostante le possibili azioni del gruppo di produttori dell’Opec+. Oggi il rating di Fitch sull’Italia

Coronavirus, la conferma di un nuovo caso in Italia

Coronavirus  e fiato sospeso: l’allarme ora arriva dalla Cecchignola. Il caso sospetto tra i 56 italiani rientrati da Wuhan è risultato positivo dopo le analisi condotte sui tamponi. Mentre sul ragazzo (un giovane tra i 30 e i 40 anni) sono ancora in corso accertamenti, le persone messe in quarantena assicurano: “Con questa persona risultata positiva abbiamo avuto pochi contatti in questi giorni. Prima che fosse trasferito allo Spallanzani, lui si trovava in una stanza singola“. Il numero dei morti a causa del Coronavirus è stato aggiornato a 636 dalla commissione sanitaria nazionale cinese; sono stati superati anche i 30.000 casi di positività in Cina e attualmente sono 31.161 i contagiati. La provincia maggiormente colpita resta quella di Hubei, che ha registrato 69 nuove vittime nelle ultime 24 ore. Dei contagiati, 4.800 sono in gravi condizioni.

Petrolio, una delle “vittime” del Coronavirus

Attenzione al petrolio dopo la spaccatura che potrebbe mettere a rischio i recuperi dei prezzi delle ultime sedute. L’Arabia Saudita e gran parte degli altri paesi produttori sarebbe a favore di un taglio ulteriore di 600.000 barili al giorno ma la proposta è stata bocciata dalla Russia che sostiene non sia il momento di prendere simili decisioni. Il ministro dell’Energia russo Alexander Novak aveva detto che “la cosa più importante è valutare bene la situazione e fare le corrette previsioni. Ci sono molte incertezze e potrebbero esserci attacchi di panico“. Sul mercato, il Wti perde terreno e si attesta sui 50,8 dollari al barile.

L’Italia all’esame di Fitch

Per l’Italia è prevista in serata la revisione del rating Fitch. L’ultimo rilievo è del 9 agosto scorso con conferma del rating BBB con outlook negativo, a causa dell’ “alto livello del debito pubblico, una crescita debole e la crescente incertezza legata alla dinamica politica“. L’agenzia in una nota stimava per il 2020 una crescita dello 0,5% e per il 2021 un Pil in aumento dello 0,4. Un primo test per i conti pubblici da parte dei mercati ci sarà con le sei aste di Bot tra febbraio e aprile.

Trimestrali: continuerà l’euforia delle banche?

Prosegue la stagione delle trimestrali. Nell’ultimo giorno della settimana, sul fronte societario si riuniscono i cda per l’approvazione dei conti di Banca MPS, Banca Popolare Sondrio, Banca Sistema, Buzzi Unicem e Cnh Industrial.

Macro in agenda

Tra i dati macroeconomici, dal Giappone i consumi delle famiglie a dicembre, dalla Germania la produzione industriale e la bilancia commerciale a dicembre, da Francia e Spagna la produzione industriale a dicembre, dall’Italia il commercio al dettaglio sempre per il mese di dicembre e la nota mensile Istat sull’andamento dell’economia italiana a gennaio. Dagli Stati Uniti il tasso di disoccupazione.

AUTORE

ARTICOLI CORRELATI

NAVIGAZIONE ARTICOLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

VIDEO

La prima puntata della nuova settimana di Investv, format realizzato da Vontobel Certificati che vede sfidarsi ogni giorno due squadre di trader capitanate da Riccardo