La giornata sui mercati in 5 punti: focus su trimestrali, BoE e Trade War
Cerca
Close this search box.

LA GIORNATA SUI MERCATI IN CINQUE PUNTI – 7 NOVEMBRE 2019

trade war

Trade War, un passo avanti e uno indietro. BoE decide i tassi d’interesse. Piazza Affari, occhio a Unicredit e Mediobanca

 

Trade War, l’accordo potrebbe slittare a dicembre

Un salto di oltre cento punti quello dei futures di Wall Street, a seguito di quanto riportato da fonti cinesi sulla Trade War: Pechino e Washington avrebbero accettato di annullare reciprocamente le tariffe aggiuntive che entrambi i paesi hanno imposto l’uno sull’altro nel corso della loro guerra commerciale. “La percentuale di tariffe da eliminare deve essere la stessa” spiega Reuters, citando un rapporto riconducibile al ministero del commercio cinese. Si tratta di un passaggio indispensabile, aggiunge il Dragone, per raggiungere l’intesa della cosiddetta “fase uno”. La firma però, inizialmente prevista per metà novembre, potrebbe slittare a dicembre. Le due parti non hanno ancora deciso il luogo dove s’incontreranno il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il leader cinese Xi Jinping per ratificare l’accordo: uno slittamento che ha inciso sulla chiusura, sostanzialmente piatta, dei mercati americani e asiatici. Sempre Reuters riporta che è in fase di valutazione la sede di Londra.


Trimestrali, occhio a Siemens, Commerzbank e Unicredit

I mercati europei, positivi in apertura, si muoveranno in sintonia con le trimestrali rese note nella giornata odierna. Siemens ha registrato ricavi per 24,5 miliardi di euro nel terzo trimestre, con un incremento dell’8% su base annua. Commerzbank ha annunciato un aumento del 35% dell’utile netto mentre in Italia, UniCredit conferma la guidance per l’intero anno e registra un utile netto di 1,1 miliardi di euro. Il titolo è già il migliore a Piazza Affari ma occhio anche a Mediobanca, dopo l’annuncio di uscita da parte dell’istituto di piazza Gae Aulenti. Obiettivi confermati anche per Lufthansa, il cui utile del terzo trimestre è aumentato del 4%, a 1,15 miliardi di euro. 


BoE, taglia i tassi di interesse

Non è previsto alcun taglio dei tassi d’interesse da parte della Banca d’Inghilterra, che oggi alle 13 comunicherà le sue eventuali nuove politiche monetarie. Le previsioni danno tassi confermati allo 0,75% in vista delle elezioni generali del Regno Unito in programma il 12 dicembre. Bank of England ha mantenuto stabili i tassi attuali anche all’ultima riunione tenutasi a settembre, andando in controtendenza alle politiche monetarie che stanno adottando le banche centrali a livello globale. La Sterlina intanto è in lieve rialzo: +0,12% nei confronti del dollaro


Grafico Sterlina Dollaro by TradingView


Dati Macro

Produzione industriale tedesca ancora in contrazione a settembre: -0,6% su base mensile, a fronte del -0,4% stimato dagli analisti e del +0,4% registrato ad agosto. Occhio alle vendite al dettaglio in Italia, sempre in mattinata. Nel pomeriggio, attesa per i dati sull’occupazione negli Stati Uniti.

Commissione Ue: previsioni economiche d’Autunno

La Commissione Europea pubblicherà alle 11.00 le Previsioni Economiche d’Autunno, base per il giudizio formale di Bruxelles sui Documenti Programmatici di Bilancio inviati dai vari Paesi, diffuso entro la fine del mese, tenendo conto della risposta dei diversi governi che hanno ricevuto richieste di chiarimenti (non c’è solo l’Italia: Belgio, Finlandia, Francia, Portogallo, Spagna). Il nostro paese rimane comunque l’osservato speciale anche se non dovrebbero esserci grossi scostamenti tra le stime della Commissione e quelle del Governo sul deficit 2020. Rilevanti invece potrebbero essere le differenze previste sulle proiezioni 2021.



 

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *