LeoPay e iCard: come funziona la carta con IBAN - Borsa e Finanza

LeoPay e iCard: come funziona la carta con IBAN

iCard

Una volta c’era LeoPay, adesso c’è iCard. Nata a Malta come LeuPay (con la “u”), LeoPay è stata acquisita da iCard Services AD e oggetto di rebranding a partire dall’estate 2018. Da banca tradizionale e “semplice” e-wallet, diventa a tutti gli effetti la piattaforma online iCard, un portafoglio digitale dotato di carta di debito e di applicazione mobile di nuova generazione. Ovviamente tutti i clienti LeoPay sono stati informati della modifica due mesi prima della sospensione del servizio. Adesso che è disponibile in Italia, conta oltre un milione di utenti e punta sempre di più sul nostro mercato, è essenziale conoscere tutto sulla società fintech con sede a Varna, la famigerata “perla del Mar Nero” in Bulgaria.

 

Come funziona LeoPay con iCard

LeoPay oggi è iCard e permette di aprire un conto gratuito in pochi minuti: basta registrarsi sul sito ufficiale e scaricare l’app da Google Play per Android e da App Store per iOS. Tutti i clienti LeoPay già titolari di un conto personale sono stati reindirizzati in automatico su iCard e hanno avuto un mese di tempo per abituarsi al nuovo account e alle sue funzionalità.

Nel caso del piano standard di iCard, il conto non ha costi mensili. I servizi inclusi comprendono l’invio di denaro in tutto il mondo in modo istantaneo, i pagamenti online sicuri e contactless in milioni di negozi, il prelievo di contante allo sportello, l’utilizzo della carta di debito Visa per le transazioni fisiche su qualsiasi terminale POS, i trasferimenti di denaro tra utenti iCard, il trasloco delle carte fedeltà di plastica sullo smartphone, la creazione di e-gift card da regalare a familiari, parenti e amici.

Il conto si può gestire dal telefono e dal computer e l’accesso è sicuro con impronta digitale. Sono supportate Apple Pay, Google Pay e Garmin Pay, l’orologio da polso per pagare contactless. L’azienda fa parte dei più grandi circuiti di carte e organizzazioni di pagamento nazionali e internazionali: Visa, Mastercard, American Express, Bancontact, JCB, SEPA, SWIFT, UnionPay, iDEAL e Swisscard AECS. Il piano gratuito prevede 3 carte gratis: 2 virtuali (Mastercard e Visa con IBAN in valute multiple) e una carta Visa fisica. iCard consente inoltre di aprire istantaneamente conti addizionali con IBAN in ciascuna delle 7 valute supportate dal sistema: euro, dollaro, sterlina, franco svizzero, lei rumeno, lev bulgaro e kuna croata.

 

La carta Visa

Come detto, il piano standard di iCard comprende la iCard Visa Debit, una carta di debito Visa contactless, spedita con servizio postale gratuito (oppure con consegna veloce tramite corriere al costo di 10 euro) e utilizzabile per i prelievi bancomat, tutti i pagamenti online e su qualsiasi terminale POS. Non è richiesto il PIN per pagamenti contactless fino a 50 euro e la carta può essere aggiunta al portafoglio Apple per pagare con iPhone o Apple Watch. La società non applica tasse per l’emissione, il mantenimento e la spedizione della carta. La prima carta è in regalo ma è possibile averne fino a 5: per quelle aggiuntive c’è una commissione di ordine una tantum di 1 euro. Da quando LeoPay è passata a iCard, l’IBAN è bulgaro e non italiano: lo si riconosce perché comincia con BG. Le commissioni dell’iCard Visa Card sono le seguenti:

 

  • 2 euro per il prelievo di contanti presso ATM dei Paesi europei
  • 3 euro per il prelievo di contanti presso ATM dei Paesi non europei
  • 0.65 euro per il prelievo di contanti presso ATM in Bulgaria
  • 0.50 euro per il saldo presso ATM
  • 1% + 3 euro, min. 5 euro per il prelievo di contanti tramite POS
  • 1 euro per operazione di accredito su carta inferiore a 250 euro
  • 2 euro per operazione di accredito su carta superiore a 250 euro
  • 5 euro per operazione di accredito su carta superiore a 500 euro
  • 5 euro + addebiti aggiuntivi dai circuiti come tariffa per l’avvio della procedura di riaddebito

 

La sostituzione di una carta non scaduta (perché persa, rubata o danneggiata) costa 3 euro. L’iCard Visa Infinite, la carta premium con benefici addizionali per chi viaggia o acquista molto, ha una tariffa di 9.99 euro al mese e di 99.99 euro all’anno. Con l’iCard Visa Metal, la premium che ai bonus di Infinite aggiunge il cashback, prelievi illimitati, limiti di pagamento più elevati e diversi altri benefit, si sale a 13.99 euro di abbonamento mensile e a 159 euro di abbonamento annuale.

 

Limiti e funzionalità della carta

Non ci sono spese mensili o annuali per il mantenimento dell’iCard Visa Debit. Anche i pagamenti online ed ai terminali POS sono gratuiti. È possibile che venga addebitato un costo per prelievi a seconda delle tariffe applicate dallo sportello bancomat. È inoltre prevista una piccola commissione forfettaria per le transazioni OCT. Si possono limitare determinati tipi di transazione da effettuare con la carta: è il cliente a decidere che tipo di transazioni voler fare con la Visa, se consentire o meno gli acquisti online, i prelievi agli sportelli e i pagamenti ai terminali POS. Per farlo occorre accedere a iCard, andare sulla carta e selezionare la voce “Impostazioni”: da qui si settano i limiti.

Il prelievo massimo in contanti con l’iCard Visa Debit è di 300 euro: se ne possono fare 5 al giorno. Il prelievo massimo consentito è di 1.000 euro al giorno, 2.000 alla settimana e al mese. Per i pagamenti tramite POS, il limite massimo della singola transazione è di 2.500 euro. Al giorno si possono fare 25 operazioni per 5.000 euro complessivi: alla settimana e al mese si arriva a 15.000 euro. Cifre più basse per i pagamenti su Internet: 2.500 euro singolo importo, 2.500 euro al giorno, 5.000 euro alla settimana e al mese.

 

I costi del servizio

L’apertura del conto è gratis: non ci sono canoni mensile e annuale. Sono gratuiti anche i trasferimenti di denaro verso e da un altro conto nel sistema. Il caricamento del conto è gratuito tramite bonifico bancario, costa l’1,5% (min. 1.50 euro, max. 10 euro) per il versamento tramite Trustly, l’1,5% (min. 0.75 euro) per il caricamento tramite carta Mastercard, Visa, JCB e di altro tipo, lo 0,5% (min. 0.10 euro) tramite carta Mastercard e Visa ad uso privato.

I bonifici in uscita verso conti bancari sono gratis nel sistema, quelli SEPA costano 1 euro l’uno e 2 euro se istantanei. Tra le altre spese spicca una commissione mensile dell’1% all’anno sull’importo in eccesso per i grandi depositi.

La carta virtuale iCard mobile contactless è emessa gratuitamente e non ha tariffa mensile. La commissione è come per la Visa: 2 euro per il prelievo di contanti negli ATM europei e 3 euro in quelli extra-europei. L’emissione aggiuntiva delle carte virtuali è di 1 euro. La stessa commissione si applica alle e-gift. Tutte le commissioni e i limiti sono disponibili qui.

 

I codici BIC/SWIFT di LeoPay

Nel 2014 iCard ha ottenuto la licenza di emittente di moneta elettronica ed è a tutti gli effetti un’Istituzione supervisionata e con licenza della BNB, la Banca Nazionale Bulgara. I codici BIC/SWIFT di LeoPay e ora di iCard Services AD fanno riferimento alla sede centrale di Varna e sono INTFBGSF. INTF è il codice assegnato a iCard AD, BG è il codice della Bulgaria e SF l’ente locale.

Una cliente usa il conto iCard
Dal 2018 la vecchia piattaforma LeoPay è diventata iCard: oggi offre tre piani specifici

 

La banca iCard

Dal 2018 la vecchia piattaforma LeoPay si è trasferita nella nuova iCard. Restano attivi e invariati conti, IBAN e saldo di chi era un vecchio cliente. La banca di riferimento è diventata iCard Services AD, fondata nel 2007 come Intercrad Services e oggi guidata da co-fondatore e CEO Yavor Petrov. Va ricordato che per inviare denaro in valuta estera, iCard applica commissioni fisse o variabili a seconda della modalità di trasferimento e della valuta destinataria. Inevitabilmente, come le altre banche, applica spread su questi tassi di cambio.

Quanto ai limiti del conto standard, quelli principali sono di 5.000 euro al giorno e 15.000 euro al mese per i trasferimenti di denaro interni al sistema e per quelli esterni al sistema e di 50.000 euro mensili per la ricarica tramite bonifico bancario. Il finanziamento del conto tramite carta di debito e credito senza 3-D Secure abilitato ha un limite di 100 al giorno e 500 euro al mese, con il 3-D Secure si sale a 2.000 euro al giorno (500 a singola ricarica) e a 25.000 all’anno.

 

Il conto iCard personale

Oltre al conto online, alle carte virtuali (fino a 20 disponibili in portafoglio) e alla Visa fisica, iCard offre tre piani specifici:

  • Standard: è gratis con conto (prelievi bancomat, trasferimenti SEPA e SWIFT) e carta di debito contactless
  • Infinite: costa 9,99 euro al mese e include conto con limiti più alti, carta di debito premium, assicurazione di viaggio e altri vantaggi
  • Metal: costa 13,99 euro al mese e ha limiti ancora più alti (fino a 15.000 euro al giorno e a 50.000 euro al mese), carta di metallo con cashback fino all’1%, prelievi bancomat gratuiti illimitati, accesso a oltre 1.000 lounge VIP aeroportuali in tutto il mondo, servizi concierge (aiuto per l’acquisto di biglietti per eventi, prenotazione di hotel, noleggio auto) e assistenza clienti prioritaria

Il conto iCard business

È l’eredità diretta di LeoPay. Il conto corrente aziendale offre operazioni in più di 10 valute, web e mobile banking, trasferimenti SEPA e SWIFT in tutto il mondo, estratti, rapporti e bilanci in tempo reale, l’emissione di tutte le carte di debito Visa aziendali di cui si ha bisogno per i propri dipendenti.

Business è ideale per liberi professionisti, società di capitali e imprenditori consolidati che hanno rapporti commerciali specie con clienti nell’est Europa, ma anche le start-up possono approfittare di varie opzioni come nessun saldo minimo o fatturato richiesto. Il piano business per qualsiasi tipo di azienda (fino a 100.000 euro di fatturato mensile) costa 1.98 euro al mese.

 

Le recensioni online

Nonostante qualche opacità emersa in passato, come un articolo del Financial Times che sottolineava i problemi avuti da alcuni clienti britannici di LeoPay che avevano perso l’accesso ai propri conti senza alcun preavviso, iCard riscuote recensioni positive online. Su Trustpilot la media è “accettabile”, pari a 3,5 stelle su 5 nel TrustScore per un totale di 511 recensioni. I giudizi oscillano tra il 70% di valutazione “eccezionale” e il 22% di “scarso”.

L’app gode di valutazioni più che positive: su Google Play il punteggio è di 4,2 stelle su 5 per un totale di 13.800 recensioni. Gli utenti più entusiasti esaltano soprattutto la ricezione e l’invio di denaro immediati, trasparenza e sicurezza assolute, i costi bassi rispetto alle banche italiane, i servizi perfetti per chi viaggia parecchio, l’interfaccia semplice e il supporto clienti competente e reattivo. I meno soddisfatti lamentano le commissioni troppo elevate rispetto alla concorrenza per i prelievi bancomat, l’eccesso di burocrazia, casi di blocco del conto senza nessuna motivazione e la lentezza nelle operazioni.

 

Contatti e numero verde

L’e-mail di supporto di iCard è support@icard.com e risponde un agente pronto a risolvere ogni tipo di problema. L’assistenza immediata è disponibile 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 ai numeri +44 20 3129 1213 (il prefisso appartiene al Regno Unito) e +359 889 229 001 (il prefisso della Bulgaria) in sei lingue diverse: italiano, inglese, francese, bulgaro, spagnolo e russo. Chi preferisce ricevere supporto tramite chat può utilizzare l’app e il sito ufficiale oppure scrivere su WhatsApp. I giorni di riferimento sono dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19 e il sabato dalle 9 alle 18.

 

AUTORE

Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.