Lotto: quali sono le ruote su cui si gioca - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Lotto: quali sono le ruote su cui si gioca

L'estrazione del Lotto

Il Lotto è il gioco più antico d’Italia (è nato a Genova nel 1567) e pure quello che si rinnova maggiormente, ma quali sono le ruote su cui scommettere per l’uscita dei numeri fortunati? Nel corso degli anni le estrazioni settimanali sono cambiate, così come le città nelle quali avvengono. La data spartiacque è quella del 10 giugno 2009, quando sulla Gazzetta Ufficiale è pubblicato il decreto ministeriale con cui Raffaele Ferrara, il direttore di ADM (l’Agenzia delle dogane e dei monopoli), firma per la meccanizzazione definitiva del sistema e la concentrazione in tre sole sedi estrattive.

 

Lotto: quali sono le ruote su cui si gioca

Le ruote su cui si gioca al Lotto sono 11, ma da martedì 16 giugno 2009 le tre estrazioni settimanali (martedì, giovedì e sabato) sono concentrate nelle sedi di Roma, Milano e Napoli. Fino al 2009, ogni estrazione avveniva nella città della rispettiva ruota, tranne per Roma che ospitava anche la ruota Nazionale. Le ruote di estrazione sono:

 

  • Bari
  • Cagliari
  • Firenze
  • Genova
  • Milano
  • Napoli
  • Palermo
  • Roma
  • Torino
  • Venezia
  • Nazionale

 

Le prime dieci ruote sono regionali, situate nei capoluoghi di provincia più importanti d’Italia, mentre la Nazionale non è legata ad alcuna città. Questa strutturazione risale al 1939 ed è rimasta invariata fino ad oggi. In passato, le ruote erano soltanto sei: nel 1863, quando il Lotto si è diffuso in tutta Italia, si giocava esclusivamente su Firenze, Milano, Napoli, Palermo, Torino e Venezia. Roma è stata aggiunta nel 1871 con l’annessione della città al Regno, poi è toccato a Bari, Cagliari e Genova. La più recente è la Nazionale, introdotta il 4 maggio 2005.

Fino al 2009, le estrazioni sono dislocate su tutto il territorio nazionale: ogni città della ruota ha la sua sala estrazionale. Con il processo di meccanizzazione e per ridurre i costi di gestione, le sedi si riducono a tre: la sala Belli di Roma in via Anicia 11 (per le ruote di Roma, Cagliari, Firenze e Nazionale), la sede di Milano in viale Fulvio Testi 117 (per le ruote del nord: Milano, Genova, Torino e Venezia) e la sala di Napoli in via Amerigo Vespucci 170 per le ruote del sud: Napoli, Bari e Palermo.

 

Dal bambino bendato a Venus

Il decreto del 2009 per la ricostruzione post-sismica in Abruzzo, insieme alla concentrazione delle sedi, ufficializza l’automatismo di tutte le ruote: addio per sempre alla figura del bambino bendato che affonda la mano “innocente” nel bussolotto per raccogliere la pallina col numero fortunato e via libera al sistema Venus, la macchina con tecnologia ad aria compressa che elimina definitivamente il rischio che si presenti il fenomeno delle estrazioni pilotate. La prima estrazione “moderna”, in realtà, è quella del 4 maggio 2005: in quella data le sfere sono estratte per la prima volta con l’ausilio della tecnologia.

L’estrazione test avviene per le ruote di Roma e la Nazionale e dà inizio al processo di svecchiamento del gioco che si completa il 31 maggio e il 12 giugno 2007 con l’automatizzazione delle ruote di Napoli e Milano e il 15 settembre 2009 con tutte le altre. La tradizionale procedura con la commissione d’estrazione e quella di controllo, il banditore, l’arredatore, il giraruota e il bambino bendato di età tra i 7 e gli 11 anni, assunto per non più di un’estrazione e ricompensato con un buono da 30 euro da spendere in giocattoli, diventa un lontano ricordo. Si passa a quello che l’ADM definisce un processo “affidabile, semplice e trasparente”. Il Lotto diventa maggiorenne il 4 maggio 2023: da allora, ogni ruota ha la sua Venus dedicata.

AUTORE

Picture of Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *