Norvegia: da gas e petrolio introiti per 131 miliardi di euro nel 2022 - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Norvegia: da gas e petrolio introiti per 131 miliardi di euro nel 2022

Una piattaforma petrolifera in Norvegia

La guerra Russia-Ucraina si è rivelata una miniera d’oro per la Norvegia nel 2022. Sulla base delle stime di Statistics Norway, ente di ricerca pubblico norvegese che raccoglie, analizza e pubblica le informazioni statistiche su economia, popolazione e società nel paese, lo scorso anno le entrate derivanti da gas e petrolio sono arrivate a 1.457 miliardi di corone norvegesi, pari a 131 miliardi di euro. È il triplo rispetto al fatturato dell’anno precedente a 498 miliardi di corone, ma soprattutto il più grande introito mai ottenuto dagli idrocarburi.

 

Norvegia: guadagni ingiusti da gas e petrolio?

Da quando Putin ha invaso l’Ucraina, i prezzi di gas e petrolio hanno accelerato un rialzo già innescato dalla crisi post-Covid della catena degli approvvigionamenti. Il gas alla Borsa di Amsterdam è passato nell’arco di pochi mesi da circa 20 euro a gigawattora a circa 340 euro, mentre il petrolio si è innalzato fino a sfiorare i 140 dollari al barile, una cifra inimmaginabile se si pensa che nel mese di aprile 2020, in piena pandemia, i future del greggio erano addirittura finiti in territorio negativo. Essendo un grande produttore di idrocarburi la Norvegia ha tratto profitto da tutto questo, anche perché il taglio delle forniture russe e le sanzioni che l’Occidente ha imposto a Mosca hanno dirottato la domanda europea verso il paese scandinavo. Oslo si è così conquistata la palma del più grande fornitore di gas naturale in Europa nel 2022.

Gli straordinari guadagni della Norvegia hanno sollevato parecchie critiche, piovute soprattutto dai paesi che hanno maggiormente sofferto la crisi energetica e l’innalzamento delle bollette che ne è derivato. Alcuni giornali stranieri hanno addirittura accusato la nazione guidata da Jonas Gahr Støre di aver lucrato sul conflitto bellico, soprattutto quando ha fatto resistenza, in seno all’Unione europea, in occasione dell’approvazione del tetto al prezzo del gas a 180 euro. Accuse che la Norvegia ha respinto con forza, affermando di non aver mai approfittato di quanto stava accadendo in Ucraina, ma di aver agito sempre con coscienza. Al riguardo, una parte dei guadagni realizzati (75 miliardi di corone, pari a 6,8 miliardi di euro) sono stati destinati ad aiuti militari e civili all’Ucraina per il quinquennio 2023-2027.

 

Le tasse a famiglie e imprese

Dai combustibili la Norvegia ottiene un fiume di denaro. Lo Stato incassa le tasse dalle compagnie energetiche, gli utili dalle partecipazioni dirette nei giacimenti di gas e petrolio e nelle infrastrutture, nonché i dividendi dalla quota del 67% nel colosso energetico Equinor. Tuttavia, per quanto le entrate da gas e petrolio siano state esorbitanti, il Paese ancora ottiene la maggior parte dei suoi ricavi dalle tasse. Le famiglie e imprese hanno versato nelle casse erariali 1.580 miliardi di corone nel 2022, pari a oltre il 44% del PIL della nazione. Una cifra appena più bassa rispetto al 2021, ma sempre più alta in confronto al periodo che va dal 2012 al 2020.

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *