Come funziona Satispay, l'app per i pagamenti legata al tuo conto corrente - Borsa e Finanza

Come funziona Satispay, l’app per i pagamenti legata al tuo conto corrente

Il logo di Satispay

Vivere “smart”: è l’invito di Satispay, l’app lanciata nel 2013 dai giovani imprenditori cuneesi Alberto Dalmasso, Dario Brignone e Samuele Pinta per sostituire il contante e permettere agli utenti italiani di pagare nei negozi fisici e online, scambiare denaro con amici e familiari, effettuare ricariche telefoniche, saldare i bollettini e risparmiare in modo semplice, rapido e sicuro. La startup piemontese dei pagamenti digitali è attiva sul mercato da gennaio 2015 e sta crescendo parecchio nella sfida al miglior sistema di mobile payment dominata da colossi come PayPal, Apple Pay e Google Pay.

Dopo il Brexit, Satispay ha trasferito la sua holding dalla sede londinese e ha ottenuto la licenza per operare come istituto di denaro elettronico autorizzato e regolamentato dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier (CSSF) del Lussemburgo. È stato il passo iniziale per l’espansione commerciale all’estero, partendo dal Granducato e dalla Germania come primi Paesi d’Europa per avviare l’attività internazionale. La scelta è ricaduta sul mercato tedesco perché è un contesto simile a quello italiano, ovvero ancora molto legato all’utilizzo del contante.

Ma quali sono le funzionalità principali di Satispay, perché ha attirato importanti investitori (i fondi Copper Street Capital, Endeavor Catalyst e Greyhound Capital) e ha convinto oltre due milioni e mezzo di persone ad utilizzarla? E come funziona di preciso? Scopriamolo insieme.

 

Cos’è Satispay

Satispay è una piattaforma tutta italiana che ha l’obiettivo di “semplificare i pagamenti per migliorare la vita delle persone”. Come? Tramite il collegamento con il proprio conto bancario (o con una carta ricaricabile con codice IBAN) e la definizione di un budget settimanale, Satispay permette di gestire il denaro in maniera facile e immediata: un’unica app consente di fare acquisti con lo smartphone nei negozi fisici convenzionati e online senza utilizzare carte di credito né inserire password, gestire i risparmi, ricaricare istantaneamente il credito telefonico personale o quello di un’altra persona, scambiare denaro tra amici e parenti, pagare bollette e servizi, dal bollo auto e moto a tasse, multe e tributi della Pubblica Amministrazione con pagoPA.

Il “portafoglio elettronico” di Satispay si è dotato nel tempo di diverse funzionalità aggiuntive. Allo strumento budget – si definisce un ammontare minimo di denaro che si desidera avere settimanalmente sull’account, impostando una soglia da non superare per le spese, tenendo sotto controllo i movimenti dal profilo dell’app e scaricando le ricevute – si affiancano i salvadanai digitali personalizzati coi quali accantonare piccole somme per mettere da parte i risparmi.

Le ultime novità sono le buste regalo in versione digitale (per compleanni, lauree o anniversari) e la consegna a domicilio: dalla sezione “Negozi” si consultano gli esercenti che offrono quest’opzione, si prenota il servizio e si ritira al punto vendita o si riceve comodamente a casa. Nella sezione “Servizi” sono inoltre attive le donazioni: ogni mese Satispay propone un’associazione no profit meritevole di supporto e beneficenza per la sua missione. Infine con “Buono regalo Amazon” è possibile ricaricare il credito di un account Amazon acquistando un ticket della piattaforma di e-commerce.

La sicurezza è tutelata con un sistema di criptazione all’avanguardia che protegge i dati e le transazioni. Il denaro depositato sull’app, protetta con un PIN a 5 cifre, è custodito in un conto segregato che non è accessibile né alla banca depositaria né al sistema. Nessun dato sensibile o personale è condiviso con terze parti. Basandosi sull’IBAN, che non è un dato sensibile ai fini della sicurezza, Satispay garantisce standard più alti rispetto alle tradizionali carte di credito e debito.

 

Come iscriversi al servizio

Per cominciare a usare Satispay basta scaricare l’app (disponibile per smartphone Android e per iPhone e iPad) da App Store, Google Play e AppGallery. Non importa quale sia l’operatore telefonico di riferimento. Al momento dell’iscrizione Satispay chiede come uniche condizioni la maggiore età e la titolarità di un conto corrente. Installata l’app, vanno immessi il numero di telefono e un indirizzo e-mail valido. Inserito il codice di 6 cifre che viene inviato tramite SMS per verificare il numero di cellulare, si passa alla fase successiva: la creazione di un PIN di 5 cifre e la conferma via e-mail. Il passaggio seguente è l’inserimento di un documento di riconoscimento (carta d’identità, patente o passaporto), il codice IBAN del conto e, se questo supporta il modulo SEDA, il codice fiscale. Una volta completata la registrazione, bisogna attendere qualche giorno per permettere alla piattaforma di effettuare le verifiche necessarie. Il processo di verifica prevede anche un controllo interbancario, che richiede dai 3 ai 5 giorni lavorativi. Quando la verifica è completata, l’utente riceve una notifica in app. A quel punto è possibile lanciare l’app e seguendo la procedura guidata per completare l’attivazione dell’account, iniziare a usare Satispay impostando il budget settimanale.

I commercianti che desiderano associare la propria attività a Satispay hanno a disposizione il servizio Business. In questo caso i dati richiesti per l’iscrizione sono la copia della visura camerale (per le società iscritte alla Camera di Commercio) o il certificato di attribuzione della partita IVA per le ASPR e i liberi professionisti non iscritti alla Camera di Commercio. Per le attività commerciali senza partita IVA è necessaria la SCIA, la Segnalazione Certificata d’Inizio Attività. Anche in questo caso, terminate le verifiche, si riceve una e-mail o un SMS e a quel punto si sceglie se procedere con l’attivazione autonoma ricevendo le istruzioni via e-mail oppure prenotando un appuntamento telefonico e facendosi aiutare dall’assistenza.

 

Commissioni e costi

Satispay non prevede costi di attivazione: l’iscrizione e il recesso al servizio sono gratuiti. Sono gratis anche il deposito su conto corrente, l’invio e la ricezione di denaro, il pagamento in negozio e per pagoPA se dal portale web dell’ente creditore, le ricariche telefoniche, le buste regalo e l’aggiunta e lo spostamento di denaro dai salvadanai. Le uniche commissioni, pari a 1 euro, sono per la ricarica istantanea della disponibilità e per il pagamento dall’app di bollettini, avvisi pagoPA, bollo auto e moto.

Agli esercenti convenzionati (gli utenti Business) viene richiesta esclusivamente una commissione sull’incasso: 0,20 euro per le transazioni superiori a 10 euro nel caso dei negozi; l’1% sulla singola transazione per i distributori automatici; l’1% sulle transazioni inferiori o pari a 10 euro e l’1% e 0,20 euro sulle transazioni superiori a 10 euro per le attività di e-commerce su web, app e social media.

Un utente di Satispay paga con QR Code
Pagare in negozio con il QR Code è semplice con Satispay (e ha poche commissioni per gli esercenti)

 

Le funzionalità di Satispay: cosa si può fare con l’app

Come detto, con Satispay si possono attivare tantissimi servizi: dagli acquisti fisici e online alle ricariche telefoniche, fino al pagamento di bollette, tasse, bollo auto e moto. E in futuro arriveranno la sottoscrizione di assicurazioni, piani pensionistici e fondi di risparmio gestiti. Vediamo nel dettaglio tutti i pagamenti e servizi, i cashback e le promozioni disponibili.

I pagamenti e servizi offerti da Satispay sono:

  • Scambi immediati di denaro tra privati
  • Invio di denaro ai propri contatti, anche con QR Code
  • Richiesta di denaro ai propri contatti
  • Pagamenti ai negozi fisici
  • Consegna a domicilio e/o Prenota e ritira presso un negozio o a casa
  • Acquisti online tra migliaia di e-commerce di tutti i tipi
  • Ricariche telefoniche del proprio credito o di quello di un amico
  • pagoPA per il saldo di tributi, tasse e multe scansionando il QRcode presente sul bollettino
  • Bollo auto e moto direttamente dall’app selezionando il veicolo e inserendo i dati richiesti
  • Bollettini inquadrandoli per intero per riconoscere i dati e direttamente in app
  • Salvadanaio digitale per gestire i risparmi
  • Donazioni a associazioni no profit o enti benefici
  • Buste regalo per compleanni, anniversari o eventi speciali
  • Pagamenti automatici per effettuare gli addebiti per abbonamenti o spese frequenti
  • Tessere per salvare e gestire le carte (fedeltà, regalo, lotteria degli scontrini, Green Pass) con codice a barre e QR Code all’interno dell’app
  • Buono Regalo Amazon per ricaricare il credito di un account Amazon

Quanto al cashback, il rimborso viene riaccreditato direttamente sull’app una volta completato il pagamento con Satispay. Il sistema segnala quando è presente un cashback da sfruttare con un’icona colorata di rosso e la relativa percentuale. I cashback previsti dalla piattaforma sono di tre tipi:

  • Classico: su ogni pagamento, ad esempio del 20% su tutti gli acquisti
  • Primo acquisto: solo sul primo pagamento effettuato in un determinato negozio o nei punti vendita dello stesso esercente
  • Incrementale: per ogni nuovo pagamento si riceve una percentuale maggiore di rimborso, ad esempio del 10% sul primo pagamento, del 15% sul secondo, del 20% sui successivi

La promozione principale di Satispay è il Community Bonus, ovvero il classico “Invita un amico“: per ogni amico che si iscrive al servizio con il codice promo di chi lo invita, l’utente “senior” riceve un bonus da utilizzare per i pagamenti con l’app.

 

Come pagare con Satispay

Impostato il budget settimanale, è possibile procedere ai pagamenti. Nei negozi fisici, basta aprire l’app, cliccare su “Negozi”, selezionare l’attività a cui inviare il pagamento, digitare l’importo e confermare. Chiusa la transazione, si riceve una notifica di conferma e la disponibilità sull’account Satispay è aggiornata immediatamente. L’alternativa è l’utilizzo del QR Code: sempre da “Negozi”, bisogna premere sul simbolo del QR Code e inquadrare il codice del negozio in cassa. Inserito l’importo da pagare, si dà l’invio e il pagamento è effettuato. Se si sfrutta l’opzione Consegna a domicilio e/o Prenota e ritira, occorre premere sul logo del negozio scelto per mettersi in contattato telefonico con l’esercente ed effettuare l’ordine. Il pagamento avviene ricevendo una richiesta da parte del negozio: accettandola l’ordine è confermato e con il pulsante “Paga” si chiude l’operazione.

Per gli acquisti online, è necessario assicurarsi che lo store accetti i pagamenti tramite Satispay. La restante procedura è la consueta per lo shopping sul web: scegliere l’articolo, aggiungerlo al carrello e procedere al pagamento selezionando l’opzione Satispay. Va sempre specificato il numero di telefono associato all’account. Ricevuta la notifica sullo smartphone, si fa tap, si inserisce il PIN e verificata la correttezza dei dati, si procede alla conferma. Per il pagamento dei bollettini e le ricariche telefoniche, la procedura è simile: nel primo caso da “Servizi” si seleziona “Bollettini” e inquadrando per intero il bollettino (o inserendo manualmente i dati) si procede al pagamento; nel secondo, sempre da “Servizi”, si sceglie “Ricariche”, si seleziona la compagnia telefonica, si inseriscono numero e importo e con “Invia” si procede. Lo stesso vale per pagoPA e per il bollo auto e moto del proprio veicolo.

 

Come ricaricare Satispay

Il budget settimanale di Satispay è prelevato automaticamente dal conto bancario associato al proprio account e accreditato sull’app entro due giorni lavorativi. Ogni domenica, dopo le 23:59, il sistema fa un controllo del saldo disponibile: se è inferiore di almeno 5 euro rispetto alla somma impostata, viene effettuata una ricarica per ripristinare la cifra completa e riallineare il budget minimo. La differenza è prelevata dal conto corrente e trasferita direttamente all’account. L’eventuale variazione del budget è sempre effettiva dalla settimana successiva alla modifica. Ovviamente se in settimana il budget non viene usato, la domenica non sono prelevati soldi dal conto corrente.

Per ricaricare Satispay basta andare su “Profilo”, selezionare “Ricarica” e “Modifica”: da qui si accede a “Accredita sul tuo conto corrente”. La ricarica dell’account può essere di 25, 50, 75, 100, 125, 150, 175, 200, 250 e 300 euro, la soglia massima. Per una ricarica prima delle 23:59 di domenica ci sono le ricariche istantanee al costo di 1 euro, ma sono disponibili solo per un gruppo selezionato di utenti. Il prelievo avviene sempre e soltanto dal proprio conto bancario: non è possibile ricaricare Satispay da PayPal, da carte (a meno che non sia una carta ricaricabile con codice IBAN) o da altri servizi di pagamento online. L’unica alternativa al conto bancario per rimpinguare il budget sono i pagamenti ricevuti da altri utenti di Satispay.

 

I negozi convenzionati

Supermercati, farmacie, centri di telefonia, elettronica e tempo libero, bar, ristoranti e pasticcerie, cinema e teatri, locali e club, alberghi e bed & breakfast, parrucchieri ed estetisti, calzature, abbigliamento e accessori: sono di qualsiasi tipo e sparsi in tutta Italia i negozi convenzionati con Satispay. La piattaforma mette a disposizione una mappa aggiornata per individuare lo store più vicino oppure dall’app basta visitare la sezione “Negozi”. Ad oggi si contano più di 180.000 punti vendita convenzionati tra Italia, Lussemburgo e Germania.

I negozi che appaiono in app con Satispay
I negozi che appaiono in app con Satispay

 

Inviare o ricevere denaro con Satispay

Satispay sfida il dominio di PayPal nello scambio di denaro per le evenienze più disparate, dal pagamento di una cena tra amici o di una quota per un regalo al saldo dell’istruttore per una lezione in palestra. L’invio di denaro è semplice e immediato: dopo avere aperto l’app, basta cercare il destinatario nella rubrica (l’importante è che abbia attivo un conto Satispay), digitare l’importo e premere “Invia”. Per inviare denaro a un nuovo contatto non presente in rubrica, si deve fare tap sul pulsante “+” in alto a sinistra, inserire il numero di telefono di riferimento, cliccare su “Avanti” e procedere. Alle voce “Aggiungi un commento” si può inserire un messaggio per spiegare cosa si sta rimborsando. Quando si manda la somma ad un amico, conoscente o familiare, la disponibilità sull’account viene subito aggiornata e il sistema invia una notifica sul dispositivo di chi ha ricevuto il pagamento.

Una delle novità di Satispay sono le Buste regalo, accessibili da “Servizi”. Sono come i soldi in busti della nonna, ma in versione digitale: da “Crea busta regalo” si seleziona il destinatario, la data in cui si desidera che la busta venga aperta e l’importo del regalo. Pure in questo caso si può aggiungere un messaggio personalizzato a tema (compleanno, Natale, Capodanno, laurea, anniversario, promozione) in base all’occasione da celebrare. La busta può essere sempre modificata fino alla data di consegna. Chi la riceve deve aprirla entro 7 giorni dalla data di consegna, altrimenti il denaro viene rispedito al conto del mittente.

La procedura per ricevere denaro con Satispay è la stessa dell’invio. Se si desidera richiedere un pagamento, sempre nella sezione “Contatti” occorre selezionare “Richiedi” e digitare l’importo spettante, inserendo un commento per chiarire di cosa si tratta. In questo modo il destinatario riceve in app una notifica della richiesta inoltrata. È un modo decisamente meno invasivo e imbarazzante per chiedere o ricordare a un amico, familiare o inquilino di saldare il suo debito. La richiesta resta attivo fino a quando non avviene il pagamento: cliccandoci sopra è possibile annullarla o inviare un promemoria una volta ogni 7 giorni.

 

Come usare il Cashback Satispay

Satispay concede a partner selezionati la possibilità di assegnare rimborsi ai propri utenti per gli acquisti online e in negozio. Quando c’è un cashback attivo, viene mostrato direttamente in app con un’icona rossa, la percentuale di sconto e il massimale erogato. Esistono infatti tre tipi diversi di cashback (classico, primo acquisto e incrementale) e variano in base all’uso che ogni iscritto fa dell’app. La piattaforma calcola sempre l’importo del cashback: prima di inviare il pagamento al negozio, compare sullo schermo la quota esatta del rimborso.

Un esempio pratico: al salone di bellezza è attivo un cashback del 10% con massimale di 5 euro. Una volta pagati 50 euro con Satispay per il trattamento, questa somma viene sottratta dal conto ma si riceve immediatamente 5 euro di cashback (il rimborso compare nella sezione “Profilo” dell’app) che si sommano alla propria disponibilità. Questa quota può essere subito riutilizzata per altri acquisti o scambi.

 

Come funziona il Salvadanaio Satispay

Satispay consente di mettere da parte risparmi per un obiettivo che si ama (un viaggio, un concerto, l’acquisto di un oggetto desiderato da tempo) scegliendo la maniera più adatta alle proprie esigenze. In “Servizi” c’è la sezione “Risparmi” dalla quale generare uno o più salvadanai digitali, a seconda dei propri obiettivi di spesa. Il risparmio ha tre modalità diverse:

  • Spiccioli: si accumulano i resti di ogni acquisto arrotondati all’euro. Un esempio: se la spesa è di 1,70 euro, si paga 2 euro accumulando 30 centesimi
  • Cashback: si accantonano tutti i rimborsi ricevuti per gli acquisti online o in negozio
  • Periodico: si mette da parte nel salvadanaio un importo ricorrente

Le impostazioni di ogni salvadanaio possono essere modificate in qualsiasi momento: tutte le operazioni di deposito e prelievo sono completamente gratuite. È inoltre possibile incrementare il risparmio rimpinguandolo con una cifra a piacere quando se ne ha la disponibilità: per farlo c’è il pulsante “Deposita” col quale scegliere un importo dal conto e spostarlo nel salvadanaio. C’è anche la possibilità di fare il contrario, ovvero spostare una quota del salvadanaio (o l’intero risparmio) sul conto Satispay con il tasto “Preleva”. L’unica opzione non disponibile è trasferire direttamente il salvadanaio al conto corrente privato: va ricordato che il trasferimento della disponibilità dal conto Satispay al conto corrente personale è manuale, può avvenire in qualsiasi momento e si effettua cliccando su “Accredita sul tuo conto corrente” da “Ricarica” nella sezione “Profilo”.

I salvadanai di Satispay
Un esempio dei salvadanai di Satispay

 

Satispay Business, la versione per i negozi

Con Satispay Business i negozi fisici (inclusi distributori smart touch e automatici senza internet) e online (e-commerce web, app e-commerce, canali social) possono incassare pagamenti attraverso smartphone o tablet, senza POS né carte. Ma oltre che da smartphone e tablet, i pagamenti sono accettati anche da PC e Mac, registratore di cassa, POS e POS PAX, su un sito e-commerce, con QR Code e manualmente o automaticamente. L’iscrizione al servizio è gratuita (sono previste soltanto piccole commissioni sull’incasso) e avviene partendo da questo form e fornendo una serie di documenti dell’attività commerciale. Non è prevista la firma di contratti cartacei: basta accettare termini e condizioni del servizio che vengono inviate via e-mail una volta completata la registrazione. Per le attività in movimento come i banchi ai mercati o il food truck, c’è l’opzione “Servizio in mobilità” se utilizzata da smartphone o tablet.

Gli incassi quotidiani delle vendite sono versati direttamente sul conto corrente bancario indicato al momento dell’iscrizione. Il versamento avviene il giorno lavorativo successivo e al netto delle eventuali commissioni. Dal pannello di controllo è possibile aggiungere il proprio negozio fisico o creare lo store digitale, generare i codici di attivazione, scaricare il kit promozionale e associare un dispositivo. Per il resto, Satispay Business funziona come un “registratore di cassa” digitale, col quale si può stornare un pagamento (su alcuni registratori di cassa e sui POS PAX per i negozi fisici, sui plugin e-commerce o tramite API per quelli online) e richiedere un pagamento a distanza. Inoltre con il programma “Cashback Network”, al costo mensile di 20 euro, si possono avviare promozioni personalizzate per rimborsare una percentuale di spesa ai clienti. La disattivazione del servizio è gratuita, avviene scrivendo una e-mail all’indirizzo business@satispay.com e richiede qualche giorno lavorativo.

 

Quanto è sicuro Satispay?

Satispay si rivolge soprattutto agli utenti che vogliono limitare al massimo l’uso del contante e ad esercenti e liberi professionisti che puntano ad accettare pagamenti veloci. La sicurezza è quindi un punto cardine della piattaforma. Al momento dell’iscrizione viene richiesto l’IBAN e non le carte di credito e debito proprio perché il numero univoco di conto bancario internazionale non è un dato sensibile. La scelta di Satispay è di eliminare tutti gli intermediari: nel caso delle carte, infatti, le informazioni dell’utente sono condivise con molteplici soggetti. Quindi non c’è condivisione dei dati, neanche per i pagamenti in negozio o negli store digitali.

Dal lato utente, la protezione è garantita dal codice PIN generato al momento dell’iscrizione e da quello solitamente utilizzato per sbloccare lo smartphone. Un team specializzato verifica e aggiorna costantemente l’efficienza e la sicurezza dei sistemi. Satispay rispetta la privacy non accedendo al saldo e alla lista movimenti del conto corrente degli iscritti. È la banca a comunicare alla piattaforma soltanto la disponibilità effettiva della somma richiesta per la ricarica. La disponibilità del saldo Satispay è depositata su un conto segregato che non è accessibile né alla banca depositaria né al servizio. Infine Satispay garantisce gli utenti non investendo il loro denaro in titoli di aziende e Stati.

Post correlati

Stripe: cos’è e come funziona la piattaforma per inviare e ricevere pagamenti

Come funziona l’app Google Pay

Revolut: cos’è e come funziona la banca digitale

UnipolMove: cos’è e come funziona lo sfidante di Telepass

Amazon Pay: guida completa a come funziona

Lascia un commento