OPA: novità sulle Offerte Pubbliche di Acquisto - Borsa&Finanza

OPA

OPA è l’acronimo di Offerta Pubblica di Acquisto, un’operazione di finanza straordinaria volta all’acquisizione di un’impresa. L’OPA è infatti rivolta agli azionisti della società. In questa voce di Borsa&Finanza confluiscono tutte le notizie riguardanti il lancio di Offerte Pubbliche di Acquisto sulle società quotate in Borsa, i commenti degli analisti e degli amministratori coinvolti e le conseguenze per le società che partecipano all’operazione. OPA è un acronimo generico in quanto le Operazioni straordinarie di questo tipo possono avere forme diverse, così come diversi possono essere gli obiettivi che chi le lancia vuole ottenere: acquisizione, delisting, fusione, consolidamento del controllo sull’azienda. La prima distinzione fondamentale è tra OPA, OPS e OPAS. Nel primo caso l’offerta pubblica per l’acquisizione è in contanti; nel secondo caso in azioni della società offerente (Offerta Pubblica di Scambio); nel terzo le due precedenti modalità si trovano insieme. Le OPA possono essere volontarie o obbligatorie. Nel secondo caso, per esempio, viene imposto l’obbligo di lancio di un’offerta totalitaria sul capitale quando un azionista (o più azionisti uniti) arrivano a detenere più del 30% del capitale di una società quotata. Infine si distingue tra OPA amichevoli e ostili. Si rientra nel primo caso quando il Consiglio di amministrazione della società oggetto dell’offerta la accetta, nel secondo quando la rifiuta.

OPA, OPS e OPAS: cosa sono e come funzionano
Azioni

OPA, OPS e OPAS: cosa sono e come funzionano

Nel corso della vita di una società si possono verificare operazioni straordinarie che vanno sotto il nome di OPA, OPS e OPAS. In tutte le circostanze vi sono modifiche nel

Un telefono con app di social newtork
Asset Class

Social network: ecco tutti quelli quotati in Borsa

L’universo dei social network cambia pelle con estrema velocità ed è sempre in pieno fermento, specie quando si tratta di quelle realtà che hanno deciso di quotarsi in Borsa. L’approdo