Fed: ecco perché i tassi d’interesse dovranno essere almeno del 3,5%

Fed: ecco perché i tassi d’interesse dovranno essere almeno del 3,5%

Il dibattito su quale sarà il comportamento della Fed nei prossimi mesi per combattere l’inflazione si mantiene molto vivo tra analisti, investitori e osservatori di mercato. La Banca Centrale statunitense alla fine del meeting del 3-4 maggio ha deciso di aumentare i tassi d’interesse di mezzo punto percentuale portandoli nell’intervallo compreso tra 0,75% e 1%. La mossa era ampiamente attesa dal mercato, che ha reagito in maniera entusiastica quando nella conferenza stampa finale il Governatore…

Leggi tutto

Wall Street: puntare su energia e sanità con l’aumento dei tassi Fed

Wall Street: puntare su energia e sanità con l’aumento dei tassi Fed

L’aumento dei tassi d’interesse della Fed sta impaurendo Wall Street, che adesso si chiede quali scelte di portafoglio risultino ancora valide in un ambiente quest’anno in cui la Banca Centrale si manterrà molto aggressiva. Il Governatore Jerome Powell ha escluso un rialzo del costo del denaro di 75 punti base nella prossima riunione della Federal Reserve di giugno, sebbene il mercato stia scontando questo scenario. Il grande investitore e imprenditore Kevin O’Leary mette in dubbio…

Leggi tutto

Mercati azionari: ecco perché sono in arrivo pesanti ribassi

Mercati azionari: ecco perché sono in arrivo pesanti ribassi

Le vendite che si stanno vedendo sui mercati azionari in questi giorni stanno generando angosce tra gli investitori e gli osservatori di mercato. Dopo la riunione della Federal Reserve del 3-4 maggio, vi era stata l’illusione generale che la Banca Centrale statunitense potesse essere più accomodante. Il messaggio del Governatore Jerome Powell di non alzare i tassi a giugno di tre quarti di punto e di prevedere un atterraggio morbido aveva a caldo scatenato l’euforia sui…

Leggi tutto

Bitcoin: il messaggio della Fed spinge i prezzi fino a 40.000 dollari

Bitcoin: il messaggio della Fed spinge i prezzi fino a 40.000 dollari

Bitcoin rivede quota 40.000 dollari dopo i cali di questi giorni, grazie alla riunione della Federal Reserve. La Banca Centrale americana ha aumentato i tassi d’interesse di mezzo punto percentuale, come non accadeva da 20 anni, tuttavia ha lanciato un messaggio accomodante al mercato nel suo linguaggio comunicativo. Il Governatore Jerome Powell ha dichiarato che non ci saranno mosse più aggressive, chiudendo le porte a un aumento del costo del denaro di 75 punti base…

Leggi tutto

Fed alza i tassi ma sfumature accomodanti fan festeggiare i mercati

Fed alza i tassi ma sfumature accomodanti fan festeggiare i mercati

La Fed ha alzato i tassi d’interesse e ridotto il suo bilancio da 9.000 miliardi di dollari, come era nelle attese del mercato. Per la prima volta dal 2000 vi è stato un aumento di mezzo punto percentuale del costo del denaro, giustificato da una lotta all’inflazione che ha raggiunto il picco degli ultimi 40 anni. Jerome Powell ha dichiarato nella sua conferenza stampa alla fine della consueta riunione periodica di 2 giorni della Federal…

Leggi tutto

Fed: 4 parametri per verificare l’impatto sull’economia dall’aumento dei tassi

Fed: 4 parametri per verificare l’impatto sull’economia dall’aumento dei tassi

L’attesa per la riunione di questa sera della Fed si sta facendo febbrile, perché dalle decisioni prese in tema di tassi d’interesse e di denaro in circolazione, insieme alle parole di Jerome Powell in conferenza stampa, si avrà un quadro più chiaro della situazione dei mercati nei prossimi mesi. Un aumento dei tassi di 0,5 punti percentuali è ormai cosa scontata, ma ciò che interessa davvero agli investitori sarà quanto la Federal Reserve forzerà la…

Leggi tutto

Obbligazioni: ecco perché potrebbe essere finito il mercato rialzista

Obbligazioni: ecco perché potrebbe essere finito il mercato rialzista

La lunga corsa al rialzo del mercato delle obbligazioni è giunta al termine. Lo sostiene Scott Minerd, Chief Investment Officer di Guggenheim Partners, in un’intervista alla carta stampata. A suo avviso la ragione sarà determinata dalla Federal Reserve che, continuando ad alzare i tassi d’interesse, spingerà l’economia statunitense in recessione. Lo scorso anno Minerd aveva affermato di aspettarsi un calo dei tassi fino ad arrivare addirittura in territorio negativo, adesso ha invertito rotta stimando un…

Leggi tutto

Bitcoin: la Fed potrebbe alimentare il mercato ribassista

Bitcoin: la Fed potrebbe alimentare il mercato ribassista

Bitcoin viaggia appena sopra la soglia di 38.000 dollari nel mercato delle criptovalute, facendo registrare quest’anno un calo del 17%. Dal massimo storico dello scorso novembre a 68.990 dollari, la principale criptovaluta ha perso oltre il 40%. Questa tendenza ribassista è determinata da vari fattori che riconducono a un calo generalizzato delle attività a rischio. Questo dimostra come la funzione che era stata attribuita a Bitcoin di asset rifugio o copertura dall’inflazione sia destituita di…

Leggi tutto

FMI: ecco i rischi per la stabilità finanziaria globale

FMI: ecco i rischi per la stabilità finanziaria globale

L’FMI lancia un allarme: la stabilità finanziaria internazionale rischia di vacillare per tutta una serie di ragioni che vanno dall’inflazione, ai debiti elevati e alle politiche monetarie che incidono soprattutto su quelle economie che si stanno riprendendo ancora dalla pandemia.  A farne le spese potrebbero essere i mercati emergenti, il cui 20% del debito sovrano viene scambiato a livelli di difficoltà. L’aumento del prezzo delle materie prime, soprattutto quelle alimentari, sta creando stress nelle finanze…

Leggi tutto

Inflazione alta? Ecco 2 modi per proteggere i risparmi

Inflazione alta? Ecco 2 modi per proteggere i risparmi

I dati sull’inflazione statunitense denunciano una situazione che non può più essere sottovalutata e che richiede un intervento immediato e urgente. L’indice dei prezzi al consumo rilasciati dal Dipartimento del Lavoro USA è arrivato a un tasso di crescita annuo dell’8,5%, al di sopra di quanto erano le attese da parte del mercato, che stimava un aumento dell’8,4%.  A questo punto la Federal Reserve non ha altra scelta che rafforzare la sua aggressività nell’ambito della…

Leggi tutto
1 2 3 6