TRUMP MINACCIA L'UE CON NUOVI DAZI, BORSE PRUDENTI - Borsa e Finanza

TRUMP MINACCIA L’UE CON NUOVI DAZI, BORSE PRUDENTI

impeachment

Già l’Asia aveva fiutato puzza di bruciato. Lo dimostra la chiusura contrastata, con Tokyo e Hong Kong sopra la parità e Shanghai e Shenzhen in territorio negativo. Congelata una guerra commerciale, quella con la Cina, ecco che Donald Trump è pronto ad avviarne un’altra. E stavolta il “nemico” è l’Europa. Washington ha preso di mira l’Unione Europea minacciando dazi per 4 miliardi di beni, compresi alcuni settori forti dell’export italiano (tra cui olio e formaggio). Le borse del vecchio continente provano ad avviare le contrattazioni con slancio, sfruttando la buona chiusura di Wall Street e la coda dell’entusiasmo per la tregua della trade war tra Usa e Pechino. Ma dura poco. Gli indici girano negative a metà mattinata, unica a resistere positiva è proprio Piazza Affari, che si avvicina alla parità molto più lentamente. Vanno male anche i dati macroeconomici, con la sola eccezione delle vendite al dettaglio su base annuale in Germania: +4% a maggio, in linea con i dati di aprile e a fronte di un’attesa del  2,7%. Da non sottovalutare infine il clima di incertezza per la nomina del nuovo Commissario Ue, dove in questo momento l’Europa appare letteralmente spaccata in due.

Non è un caso che l’oro abbia ripreso a correre, riportando il prezzo sui 1.390 dollari l’oncia. Prudente anche il petrolio, il cui prezzo resta intrappolato tra i 58 e i 59 dollari al barile in attesa delle decisioni dell‘Opec a Vienna, decisioni (taglio alla produzione del greggio per 9 mesi) che non farà contento lo stesso Trump, più propenso ad tagliare i prezzi piuttosto che la produzione.

Stabile l’Euro / Dollaro, ritocca i minimi storici il Bund tedesco a -0,370%, nuovo record anche per il Btp il cui rendimento scivola all’1,89%.

 

EQUITY

Dax: 12.505 punti (-0,2%)
Apertura senza spinta per Francoforte dopo aver toccato ieri i massimi da agosto 2018 a quota 12.581 punti. I nuovi dati macro spingono gli investitori alla cautela. Già detto del delle vendite al dettaglio su base annuale, deludono quelle su base mensile a -0,6%, le stime degli analisti si aspettavano un +0,5% per quella che è la terza rilevazione negativa consecutiva. L’indice tedesco riesce comunque a mantenersi sui livelli della vigilia, in area 12.500 punti, per un trend che rimane positivo a lungo termine.

Ftse Mib a 21.294 (+0,19%)
Prevale ancora la lateralità di breve se non brevissimo periodo iniziata il 20 giugno scorso: resistenza a 21.474 punti, supporto a 21.112. Prevale l’impulso rialzista del 27 giugno. Alle 10, assieme a Londra, è l’unico listino positivo del vecchio continente, sostenuto dai comparti dell’immobiliare, delle costruzioni e dei beni industriali.

Cac 40 a 5.564 (-0,06%)
Poco mossa Parigi dopo il nuovo record da aprile 2018 a 5.611 punti. A maggio il saldo di bilancio del governo francese, che misura la differenza di valore tra le entrate e la spesa dell’Eliseo, è pari a -83,9 miliardi di euro, un rosso decisamente maggiore rispetto alle stime che si aggiravano attorno ai 70 miliardi, e al dato precedente: -60 miliardi.

Ibex a 9.247 (-0,19%)
Anche Madrid tratta all’insegna della prudenza, con la variazione del tasso di disoccupazione spagnolo che non rispetta in negativo le attese del mercato: le persone registrate come disoccupate sono diminuite di 63,8 mila unità, per un valore del 4,63% a 3,016 milioni nel giugno 2019: è il livello più bsaso da novembre 2008. Le aspettative erano di 90 mila persone in meno. 


VALUTE
Ritocca i minimi dal 21 giugno scorso raggiunto ieri lEuro / Dollaro (1,1275) per poi stabilizzarsi leggermente al di sotto dell’1,13, con i dati macro che di sicuro non aiutano l’apprezzamento della moneta unica. Che però riguadagna terreno nei confronti della Sterlina (+0,3%) complice il 43,1 rilevato per il nuovo indice dei direttori degli acquisti del settore costruzioni in Gran Bretegna: mai stato così basso da dieci anni a questa parte.

Euro / Dollaro 1,1297 (+0,11%). Euro / Sterlina 0,8953 (+0,3%). Euro / Franco Svizzero 1,116 (+0,12%).

COMMODITY
Prezzo del petrolio sui livelli degli ultimi cinque giorni ma non supera i 60 dollari al barile. Le stime rimangono per rialzo dei prezzi non appena l’Opec ufficializzerà il taglio della produzione a 1,2 milioni di barili al giorno da qui a giugno 2020. A metà mattinata il greggio si attesta a 58,9 $.

Riparte, almeno per il momento, la corsa all’oro. Ieri il ritracciamento in area 1.380 dollari l’oncia complice la festa delle borse per la tregua tra Cina e Usa. Oggi il metallo giallo tratta di nuovo oltre i 1.390, complice la prudenza dei mercati sui nuovi dazi minacciati da Trump nei confronti dell’Europa. Anche i segnali di ripresa del prezzo del rame hanno avuto vita breve: il metallo rosso scivola a 2,67 dollari per libbra.

TASSI D’INTERESSE
Settima seduta consecutiva al ribasso del rendimento del Btp, ora all’1,89% (il 25 giugno era a 2,3%). Ritoccati i minimi da maggio 2018. I mercati continuano a guardare con ottimismo lo stop alla procedura di infrazione da parte dell’Europa (che al momento ritiene come priorità le nuove nomine) nei confronti dell’Italia, anche Sergio Mattarella si è esposto in questo senso anche se le promesse del governo sarebbero valide solo per il 2019. Sempre più negativo il rendimento del Bund tedesco, che aggiorna a -0,370 il proprio minimo storico.

AUTORE

ARTICOLI CORRELATI

NAVIGAZIONE ARTICOLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

VIDEO

La quarta puntata della nuova settimana di Investv, format realizzato da Vontobel Certificati che vede sfidarsi ogni giorno due squadre di trader capitanate da Riccardo