Prestiti per casalinghe: chi li offre e come funzionano
Cerca
Close this search box.

Prestiti per casalinghe: chi li offre e come funzionano

Casalinga al lavoro

Come funzionano e chi offre i prestiti per casalinghe? Esistono dei finanziamenti adatti a queste lavoratrici (o lavoratori, poco importa)? Le casalinghe sono quelle categorie di persone che fanno un lavoro troppo spesso sottovalutato e la cui mancanza si sente, unicamente, nel momento in cui non ci sono. Con il loro lavoro permettono ai compagni (o alle compagne) di andare in ufficio o in fabbrica, senza preoccuparsi della casa.

Sono anni che si parla di retribuire il lavoro delle casalinghe: un’idea che non si è mai concretizzata. La domanda, a questo punto, è una: pur non potendo accedere ad una retribuzione costante e sicura, esistono dei prestiti per casalinghe? E se sì, come è possibile ottenerli?

I prestiti per casalinghe, in estrema sintesi, sono dei finanziamenti senza busta paga. Al contrario di quanto si possa immaginare le proposte ed i prodotti per queste tipologie di clienti si stanno allargando di anno in anno: le finanziarie e le banche hanno predisposto dei prodotti adatti a questa tipologia di cliente.

 

Da Poste Italiane a Findomestic: chi fa prestiti a casalinghe

Prestiti per casalinghe, in un certo senso, è sinonimo di finanziamento senza busta paga. Proprio questi prodotti sono quelli che sono maggiormente richiesti dalle casalinghe nel nostro paese. Sono una tipologia di lavoratori, infatti, che non dispongono di un regolare stipendio, di un contratto di lavoro e, ovviamente, di una busta paga.

Nel caso in cui gli importi siano modesti, diciamo fino a 1.500 euro, le casalinghe possono essere finanziate attraverso una carta di credito – comunemente conosciuta come carta revolving -, con la quale è possibile fare degli acquisti, che non saranno rimborsati a fine mese, ma che verranno suddivisi in piccole rate mensili.

Nel caso in cui, invece, si avesse bisogno di più denaro sul mercato sono presenti varie soluzioni, che permettono di ottenere fino a 3.000 euro. Ad erogare questi prestiti per le casalinghe sono: Creditexpress mini, società che appartiene a UniCredit, Compass, Findomestic o Poste Italiane. Attenzione, il più delle volte i finanziamenti sono classificati come prestiti personali senza busta paga.

 

I prestiti per casalinghe senza garante

I prestiti per le casalinghe, come i finanziamenti senza busta paga, possono essere erogati anche senza la presenza di un garante. In questo caso ci si muove su un terreno leggermente più scivoloso: da un lato è più difficile riuscire ad ottenere il prestito, ma non è completamente impossibile.

Per riuscire ad ottenere un finanziamento, senza la presenza di un garante, è necessario dare delle garanzie adeguate. Magari un reddito che deriva dalla riscossione di un affitto, una pensione che arriva regolarmente. O l’assegno di mantenimento che versa l’ex coniuge. In sostanza è necessario riuscire a documentare la capacità di rimborsare il mutuo.

 

Il prestito cambializzato per casalinghe

Una delle opzioni che possono scegliere le casalinghe è quella dei prestiti cambializzati. Questo tipo di finanziamento permette di ottenere fino a 5.000 euro. La garanzia è costituita dalle cambiali: sono un documento molto simile al bollettino postale e che, nel caso in cui non venga pagato, permette all’ente erogatore il finanziamento di rifarsi su un bene, che è stato dato come pegno per la sottoscrizione del prestito.

Per ottenere questo tipo di prestito non è necessario dichiarare la motivazione per la quale si sta richiedendo la somma. Sostanzialmente funziona come un prestito personale erogato da un tradizionale istituto bancario. Questa particolare tipologia di finanziamento può essere richiesta unicamente a società finanziarie, che sono specializzate nel credito al consumo. Anche in questo caso, comunque, la casalinga per poter ottenere un prestito cambializzato deve fornire una garanzia di restituzione della somma.

 

Quali somme possono chiedere in prestito le casalinghe?

Generalmente quando vengono erogati dei prestiti per casalinghe, nel contratto vengono indicate tutte le modalità di rimborso del finanziamento. È una tipologia di prodotto che prevede alti fattori di rischio: le cifre, per questo motivo, sono esigue. Generalmente non si supera il tetto dei 3.000 euro.

AUTORE

Picture of Pierpaolo Molinengo

Pierpaolo Molinengo

Pierpaolo Molinengo, giornalista, ha una laurea in materie letterarie ed ha iniziato ad occuparsi di economia fin dal 2002, concentrandosi dapprima sul mercato immobiliare, sul fisco e i mutui, per poi allargare i suoi interessi ai mercati emergenti ed ai rapporti Usa-Russia. Scrive di attualità, tasse, diritto, economia e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

8 risposte

  1. Buonasera sono una casalinga o bisogno di un prestito di 3000 non lavoro ma faccio qualche lavoro come pulizia domestica e altro

  2. Buonasera ho bisogno di un prestito ma non anticiperò somme di commissioni o quant’altro in quanto sono stata truffata

  3. Buon pomeriggio sono una casalinga ma lavoro come donna di servizio a nero, percepisco 850 euro al mese, vorrei 3000 euro per spese familiari,spero rieso a ricevere il prestito perché mi hanno truffata con un finanziamento grazie mille

  4. Buonasera sono una casalinga o bisogno di 3000 euro non posso anticipare soldi sono stata truffata di recente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *