Credito globale: in aumento aziende con rating CCC ma non i tassi di default

Credito globale: in aumento aziende con rating CCC ma non i tassi di default

Non fosse per la straordinarietà della pandemia abbattutasi sul mondo lo scorso anno, le condizioni dello stato di salute del credito globale sarebbero difficili da capire. Secondo quanto riportato nell’ultimo report di S&P Global Ratings , negli ultimi 12 mesi solo il 16% degli emittenti con rating CCC è andato in default. La media storica è del 35%. A portare così fuori la media il tasso sono due variabili, entrambe direttamente legate alla pandemia. La…

Leggi tutto

UK: rendimento Gilt a 2 anni da record, rialzo tassi BoE vicino?

UK: rendimento Gilt a 2 anni da record, rialzo tassi BoE vicino?

Sul mercato dei titoli di Stato della Gran Bretagna sta succedendo qualcosa di importante. I rendimenti a breve dei Gilt sono aumentati al livello più alto degli ultimi 30 mesi e a un ritmo superiore rispetto a quello dei bond a lunga scadenza. Per la precisione, le obbligazioni pubbliche a 2 anni hanno visto un rendimento crescere dello 0,15%, arrivando a 0,71%. Il segnale che gli investitori stanno lanciando è chiaro: la Bank of England…

Leggi tutto

Intesa Sanpaolo: ecco in Borsa un bond in dollari USA a tasso fisso

Intesa Sanpaolo: ecco in Borsa un bond in dollari USA a tasso fisso

Novità tra le soluzioni d’investimento a disposizione dei risparmiatori italiani. Da questa mattina Intesa Sanpaolo ha quotato sul mercato MOT e quello EuroTLX di Borsa Italiana una nuova Obbligazione a tasso fisso con codice ISIN XS2395954998. Denominata in dollari USA, il bond prevede una durata di 10 anni e il pagamento di cedole annuali fisse del 2,5% lordo, l’1,85% netto applicando l’aliquota del 26% prevista per questa tipologia di strumenti. Entrata sul mercato il 15…

Leggi tutto

Cina: gli sviluppatori immobiliari non accedono più al mercato dei capitali

Cina: gli sviluppatori immobiliari non accedono più al mercato dei capitali

La crisi dei gruppi immobiliari cinesi si fa sentire ogni giorno di più sul mercato dei capitali. Da quando Evergrande non ha pagato 83,5 milioni di dollari di interessi nel mese di settembre si è aperta una voragine e gli investitori esteri ora sono in fuga dal debito delle società immobiliari. L’unico sviluppatore che questo mese è riuscito a vendere nuove obbligazioni sul mercato è Helenbergh China Holdings per 102 milioni di dollari, ma è troppo…

Leggi tutto

USA: il problema del tetto del debito è solo rinviato?

USA: il problema del tetto del debito è solo rinviato?

I mercati finanziari respirano dopo l’approvazione della Camera arrivata martedì 12 ottobre, che ratifica la decisione del Senato USA di estendere di 480 miliardi di dollari il tetto del debito statunitense, almeno fino al 3 di dicembre. La cifra concordata sarà sufficiente a coprire le spese imminenti da qui alla scadenza, scongiurando temporaneamente il default con una settimana di anticipo rispetto alla deadline del 18 ottobre.   Tetto debito USA: problema solo rinviato? L’accordo quindi…

Leggi tutto

Obbligazioni ipotecarie: in USA crollo dei rendimenti come nel 2013

Obbligazioni ipotecarie: in USA crollo dei rendimenti come nel 2013

Negli Stati Uniti è allarme obbligazioni ipotecarie. Quest’anno il mercato che vale circa 7.200 miliardi di dollari ha ottenuto un rendimento medio netto di meno 0,7%, un livello che non si vedeva dal 2013, quando Ben Bernanke annunciò una stretta monetaria sul Quantitative Easing in corso in quel periodo. Recentemente la situazione si è esacerbata con il rialzo dei Treasury Bond oltre la soglia dell’1,5% che ha fatto scendere il prezzo dei bond sul mercato….

Leggi tutto

Obbligazioni: spread Gilt-Bund ai massimi dal 2016, ecco perché

Obbligazioni: spread Gilt-Bund ai massimi dal 2016, ecco perché

Era dai tempi di Brexit 2016 che nel mercato dei titoli di Stato non si vedeva un divario così ampio tra il rendimento dei Gilt britannici a 10 anni e gli equivalenti Bund tedeschi. Nella settimana appena trascorsa lo spread è arrivato fino a 130 punti, un livello spropositato se si pensa che all’inizio del 2021 si collocava intorno agli 80 punti base.  Nel mercato obbligazionario è successo qualcosa quindi, come dimostra anche il costo…

Leggi tutto

Con fine PEPP i mercati diventano nervosi? La BCE pensa a piano B

Con fine PEPP i mercati diventano nervosi? La BCE pensa a piano B

La Banca Centrale Europea potrebbe attuare un nuovo piano di emergenza simile al PEPP. I membri del Board stanno discutendo sulla possibilità, studiando le modalità attraverso le quali verrebbe implementato, una volta che il programma di emergenza pandemica giunge a scadenza naturale prevista per la fine di marzo 2022. La ragione sta nel fatto che l’Eurotower vuole creare le condizioni per prevenire qualsiasi turbolenza di mercato una volta che non vi sarà più l’afflusso dei…

Leggi tutto

Obbligazioni: per JP Morgan crescita rendimenti bond sarà graduale

Obbligazioni: per JP Morgan crescita rendimenti bond sarà graduale

I rendimenti dei titoli di Stato in USA e Gran Bretagna stanno tenendo in apprensione i mercati finanziari. I Treasury Bond a 10 anni si trovano stabilmente sopra la soglia di 1,50%, mentre gli equivalenti britannici sono aumentati fino all’1,085%. Questo ha frenato la corsa degli indici borsistici americani, che non sono più riusciti ad aggiornare i record storici, e del FTSE 100 che staziona intorno a 7.060 punti. JP Morgan: rialzo rendimenti bond a…

Leggi tutto

Cina: per Goldman Sachs è allarme debito nascosto

Cina: per Goldman Sachs è allarme debito nascosto

In Cina è allarme debito. Ma non quello ufficiale, bensì quello nascosto, proveniente dai Local Government Financial Vehicles. Il monito è stato lanciato dagli economisti di Goldman Sachs, che hanno stimato in 53.000 miliardi di yuan, pari a 8.200 miliardi di dollari, l’esposizione totale di Pechino alla fine del 2020. La cifra, che corrisponde al 52% del PIL cinese, è addirittura superiore al debito ufficiale e più di 3 volte la stima fatta nel 2013. …

Leggi tutto
1 2