Il Piccolo Prestito INPS (ex Inpdap): come funziona
Cerca
Close this search box.

Il Piccolo Prestito INPS (ex Inpdap): come funziona e come richiederlo

Monete da un euro

In cosa consiste il piccolo prestito INPS (ex Inpdap)? Chi può accedere a questo particolare tipo di finanziamento? Questo prodotto è riservato ai dipendenti pubblici, che fino a una decina di anni fa potevano rivolgersi all’Inpdap, ossia il loro ente di previdenza sociale per ottenere un prestito. Nel 2011, però, l’Inpdap è stata accorpata all’INPS, che si è fatta carico di questo servizio.

È cambiato l’istituto, ma i piccoli prestiti INPS (ex Inpdap) hanno mantenuto la propria identità e continuano a funzionare come prima. Costituiscono una valida alternativa ai prestiti tradizionali, almeno per i soggetti che vi possono accedere. Ma vediamo come funzionano.

 

Chi può accedere al Piccolo Prestito INPS (ex Inpdap)

Il piccolo prestito INPS (ex Inpdap) è riservato a quanti risultino essere iscritti alla Gestione Unitaria delle Prestazioni Creditizie e Sociali. Questo è, molto semplicemente, un fondo che è stato creato appositamente per i dipendenti pubblici, benché non tutti vi siano iscritti. È un fondo che si occupa di garantire una serie di vantaggi, tra i quali ci sono, ad esempio, la possibilità di accedere a dei mutui o prestiti agevolati. I servizi sono riservati ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche, che devono versare una quota contributiva, la quale viene trattenuta direttamente dallo stipendio o dalla pensione.

Questo particolare fondo esisteva già ai tempi dell’Inpdap. Quanti vi erano iscritti hanno visto confermata la propria posizione nel momento in cui l’Inpdap ha smesso di esistere ed è subentrata l’INPS. A questo punto è stata estesa la possibilità di iscrivervi a tutti i dipendenti delle amministrazioni pubbliche. Oggi come oggi, ogni dipendente neoassunto nella pubblica amministrazione può scegliere se iscriversi o meno a questo fondo.

Per poter accedere ai prestiti INPS (ex Inpdap) è necessario che il diretto interessato sia iscritto da almeno un anno al fondo di Gestione Unitaria. Hanno la possibilità di richiedere questi finanziamenti anche i pensionati. Sono esclusi, invece, quanti non hanno un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Chi è in possesso di un contratto a tempo determinato può rivolgersi alle banche convenzionate.

 

Il massimo erogabile

Il piccolo prestito INPS (ex Inpdap) permette di ottenere dei finanziamenti a tasso di interesse agevolato. Le somme che si possono ottenere sono relativamente basse e grazie ad esse è possibile affrontare alcune spese di varia natura. I piccoli prestiti INPS (ex Inpdap) risultano essere vantaggiosi perché possono essere sfruttati per far fronte a qualsiasi esigenza.

Grazie a questi finanziamenti è possibile ottenere delle somme il cui ammontare è determinato da vari fattori. Sono prodotti che possono avere una durata di 12, 24, 36 o 48 mesi. Per ogni anno di durata è possibile ottenere un importo pari a due mensilità della pensione o dello stipendio percepito dal richiedente. Questo significa, in estrema sintesi, che il piccolo prestito INPS (ex Inpdap) permette di ottenere un importo massimo pari a otto mensilità di stipendio o pensione. Il reddito su cui calcolare la somma che verrà erogata, è quello al netto delle tasse.

Nel caso in cui il richiedente dovesse avere già delle trattenute sullo stipendio o sulla pensione, l’importo erogabile di riduce a una mensilità per ogni anno di durata. Mediamente il tempo di erogazione del finanziamento varia da un minimo di quarantacinque giorni ad un massimo di sessanta giorni.

 

Le tabelle con la simulazione del Piccolo Prestito INPS (ex Inpdap)

Quanti hanno intenzione di richiedere un piccolo prestito INPS (ex Inpdap) possono accedere al nuovo simulatore, messo a disposizione direttamente dall’istituto nazionale di previdenza sociale. Non è necessario avere il PIN: il servizio permette di orientarsi sul tipo di prestito e sull’importo minimo e massimo che si può richiedere, anche sulla base della rata di restituzione desiderata.

AUTORE

Picture of Pierpaolo Molinengo

Pierpaolo Molinengo

Pierpaolo Molinengo, giornalista, ha una laurea in materie letterarie ed ha iniziato ad occuparsi di economia fin dal 2002, concentrandosi dapprima sul mercato immobiliare, sul fisco e i mutui, per poi allargare i suoi interessi ai mercati emergenti ed ai rapporti Usa-Russia. Scrive di attualità, tasse, diritto, economia e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *