iMessage: cos'è e come funziona - Borsa&Finanza

iMessage: cos’è e come funziona

Uno dei sistemi più rapidi e utili per la messaggistica istantanea (e al tempo stesso per tutelare la riservatezza) quando si usa iOS è iMessage, il servizio per iPhone, iPad e iPod touch, Apple Watch e Mac che permette di conversare in chat e collaborare con altre persone, inviare e ricevere documenti e adesivi, condividere musica, link e molto altro, il tutto senza dover uscire da Messaggi. Gli iMessage sono codificati da Apple per preservare al massimo la privacy: i messaggi risultano visibili soltanto a chi li manda e a chi li riceve.

 

iMessage: cos’è l’app per iPhone, iPad e Mac

Simile ai cross platform WhatsApp, Telegram e Signal, iMessage è un’applicazione crittografata che si differenzia dalla chat di Meta e i suoi succedanei perché è predefinita, integrata con gli SMS e al tempo stesso si sostituisce ai normali messaggi di testo. Il servizio consente infatti di scambiarsi messaggi, vocali, foto, video, posizioni sulla mappa, contatti, sticker e ogni sorta di documento tra dispositivi che abbiano un sistema operativo sviluppato da Apple.

iMessage non è un’applicazione di massa: è un servizio esclusivo compatibile solo fra dispositivi della “mela morsicata”. Il menu applicazioni, inoltre, offre l’accesso rapido alle app che si possono usare nei messaggi come Digital Touch (per i disegni animati), #images (per le GIF), Foto, Memoji e Adesivi Memoji (per adesivi e memoji animate personalizzate), Musica, Apple Pay e Store.

Lanciato con l’aggiornamento 5.0, iMessage ha contribuito assieme ai vari Messenger, Skype, WhatsApp, Telegram, Zoom, Meet e simili a “sottrarre” miliardi di euro agli operatori telefonici dai profitti di SMS ed MMS. iMessage è anche uno dei fattori chiave del successo di Apple negli Stati Uniti: a usarlo sono soprattutto gli utenti giovani per comunicare con amici e familiari che hanno già un iPhone o un iPad.

Non sono mancate le polemiche sul lato sicurezza: un documento dell’FBI ottenuto dall’organizzazione no-profit Property of the People ha rivelato che iMessage e WhatsApp sono vulnerabili alle ricerche in tempo reale delle forze dell’ordine, mentre da un’inchiesta della PNN (la televisione pubblica di Taiwan) su fonti dell’Agenzia nazionale di polizia è emerso che in Cina la maggior parte di truffe e spam sugli investimenti avviene proprio via iMessage.

Le app per iMessage su iPhone
Le tante app per iMessage su iPhone

 

Come funziona iMessage

Per usare iMessage bisogna innanzitutto assicurarsi che l’opzione sia attiva nelle Impostazioni (la rotellina dell’ingranaggio) dentro Messaggi, che si possano inviare e ricevere SMS e che il dispositivo abbia la versione più recente di iOS o iPadOS. Come specificato, gli iMessage funzionano solo tra utenti iOS: se chi riceve uno di questi messaggi non ha un iPhone o un iPad, lo visualizzerà come un SMS tradizionale. L’attivazione richiede qualche secondo di attesa.

Per il resto, iMessage funziona come nella scrittura di un “vecchio” SMS, con la differenza di poter allegare contenuti multimediali e inviarli ad un nuovo numero (fumetto azzurro se usa iMessage, fumetto verde in caso di SMS/MMS) o ad un contatto già in rubrica. In aggiunta, il servizio prevede la cancellazione e l’inoltro dei messaggi e i commenti come sui social e su WhatsApp, con tanto di pollici di approvazione e disapprovazione, cuore e risata.

L’avvenuta consegna del messaggio viene sempre confermata ed è possibile ricevere la notifica di lettura, se la funzione è abilitata. Se il destinatario sta rispondendo al messaggio ricevuto, il mittente vede che l’altro sta digitando perché appaiono i tre pallini bianchi dentro un fumetto.

Come su WhatsApp, sono previsti il sistema dei gruppi per mettere insieme più utenti e l’invio dei messaggi criptati. È possibile vedere la cronologia delle modifiche ai messaggi, condividere lo schermo e inserire un tag automatico quando si salva una foto sulla libreria della persona che l’ha condivisa. Una delle ultime novità di iMessage è “Non disturbare” per disattivare l’audio di chiamate, avvisi e notifiche che si ricevono mentre il dispositivo è bloccato e programmare questa modalità per ricevere soltanto le chiamate da determinate persone.

Se si disattiva iMessage dal numero di cellulare, tutti i messaggi inviati e ricevuti si trasformano automaticamente in SMS classici. Oltre a ciò, la rimozione di un numero di telefono sull’iPhone avviene su Impostazioni dentro Messaggi nella sezione “Invia e ricevi”, selezionando l’ID Apple nella parte inferiore dello schermo e toccando Esci. La disattivazione è prevista anche per Mac, per iPad e iPod touch.

 

iMessage si paga o è gratis?

Il servizio iMessage è gratuito perché si appoggia alla rete Internet con il Wi-Fi o la connessione dati cellulare. L’unico costo è l’attivazione che ha un prezzo di 0,30 euro, ovvero i prezzi dei messaggi per la maggior parte degli operatori come Vodafone e Wind. Successivamente non sono previsti altri costi.

 

iMessage funziona senza Internet?

No, iMessage funziona a tutti gli effetti con Internet perché, una volta attivato, richiede la presenza di una rete Wi-Fi o di una generica connessione dati. Piuttosto, il servizio si può utilizzare anche senza un collegamento telefonico, sebbene in fase di attivazione sia richiesto un numero di telefono. Sfruttando appieno la combo “bolla” di iOS più Internet, iMessage è configurato come un sistema chiuso (il colosso di Cupertino non l’ha mai portato su Android) e uno dei maggiori punti di forza dell’ecosistema Apple.

AUTORE

Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *