Talos: cos'è la società cripto su cui stanno investendo le grandi banche USA - Borsa e Finanza

Talos: cos’è la società cripto su cui stanno investendo le grandi banche USA

Talos: chi è la società cripto su cui stanno investendo le grandi banche USA

Si chiama Talos, la società di criptovalute su cui banche del calibro di Citigroup, BNY Mellon e Wells Fargo stanno investendo in un round di finanziamento di serie B da 105 milioni di dollari. Questo è guidato dal grande investitore di tecnologia General Atlantic e include altri precedenti sostenitori di Talos come Fidelity Investments, Andreessen Horowitz e Paypal Ventures. La valutazione della società crittografica ammonta a 1,25 miliardi di dollari.

La partecipazione dei gruppi finanziari ha lo scopo di trasmettere maggiore sicurezza al trading delle criptovalute per gli investitori istituzionali, preparandosi alla prospettiva di una più pronunciata digitalizzazione degli asset tradizionali. Mike Demissie, responsabile delle risorse digitali e delle soluzioni avanzate di BNY Mellon, ha dichiarato che le criptovalute sono come la punta della lancia e altri asset saranno tokenizzati e resi disponibili su un’infrastruttura digitale.

Mentre Aaron Goldman, Amministratore Delegato di General Atlantic, ha riferito che ci si sta avvicinando a un’era in cui si ha la possibilità di vedere prezzi diversi di mercato eseguiti nel modo più efficiente e premuroso. In questo Talos potrà svolgere un ruolo di primo piano, attraverso una maggiore partecipazione degli investitori istituzionali con responsabilità fiduciarie.

 

Talos: cosa è e cosa fa

Talos è un’azienda americana fondata nel 2018 che sviluppa tecnologia per supportare il trading di criptovalute per le istituzioni finanziarie. La sua piattaforma garantisce l’accesso diretto ai mercati, la fornitura dei prezzi, l’accesso alla liquidità, l’esecuzione delle operazioni, nonché la compensazione e il regolamento delle stesse.

L’Amministratore Delegato Anton Katz ha affermato che il compito dell’azienda è quello di assicurare che i clienti possano connettersi alla tecnologia. Egli si aspetta che Talos gestirà una varietà ampia di risorse nei prossimi anni, dal momento che nella finanza tradizionale trovano sempre più impiego i metodi di trading sviluppati nel settore crittografico. Il CEO aziendale inoltre ha aggiunto che quanto si sta sperimentando nel mondo digitale apra le porte affinché altre asset class possono vedere cosa può essere fatto in modo diverso e ottimale, valutando l’impatto sull’ecosistema esistente.

Talos ha raccolto un anno fa 40 milioni di dollari in finanziamenti di serie A. Il capitale in arrivo ora servirà per diversificare la piattaforma, accelerando l’espansione in Asia e in Europa, oltre ad allargare i suoi prodotti nell’ambito del commercio end-to-end. L’azienda ha un ampio numero di partnership con realtà crittografiche, inclusi exchange come Binance, Coinbase e TXT. La società inoltre afferma che a maggio 2022 i volumi di scambio istituzionali sono aumentati di 20 volte rispetto allo stesso periodo del 2021.

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

Post correlati

IPO: FCA propone nuove regole per attrarre fintech e startup

Nvidia: delude l’outlook dei prossimi mesi. Nuovi target al ribasso?

Apple: la produzione di iPhone verrà ridotta quest’anno

Terra: avviato un nuovo piano per rilanciare la cripto Luna

Unicredit studia uscita da Russia, cosa fare con le azioni in Borsa?

Lascia un commento