Apple: Warren Buffett ha venduto azioni, ecco perché - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Apple: Warren Buffett ha venduto azioni, ecco perché

Apple: Warren Buffett vende le azioni, ecco perché

Warren Buffett vende le azioni Apple. Nell’incontro annuale con gli azionisti di Berkshire Hathaway che si è tenuto nell’ultimo fine settimana, il miliardario 93enne ha rivelato che il conglomerato finanziario che gestisce ha venduto una partecipazione nel colosso tecnologico di quasi 40 miliardi di dollari nel corso del primo trimestre 2024. La quota detenuta in Apple è passata da 174,3 miliardi di dollari di fine 2023 a 135,4 miliardi di dollari al termine dei primi tre mesi dell’anno in corso.

Ciò nonostante, Buffett ha decantato le lodi del gigante dell’iPhone, considerandola un’azienda migliore di altre società “meravigliose” nelle quali Berkshire Hathaway ha investito, come Coca-Cola e American Express. Inoltre, ha affermato che l’iPhone “potrebbe essere uno dei più grandi prodotti di tutti i tempi”. Apple rimane ancora la principale partecipazione di Berkshire, con circa 790 milioni di azioni in portafoglio, e sarà destinata a rimane tale per quest’anno: “È estremamente probabile che Apple sia ancora la più grande partecipazione di Berkshire alla fine del 2024” ha detto il miliardario USA.

 

Apple: perché Buffett ha venduto le azioni

Berkshire Hathaway ha venduto azioni Apple per il secondo trimestre consecutivo. Nell’ultimo quarto del 2023 aveva liquidato circa 10 milioni di azioni, a cui ora se ne sono aggiunte circa 116 milioni. Buffett ha precisato che alla base di queste operazioni ci sono ragioni di natura fiscale, in conseguenza degli  importanti guadagni che hanno prodotto. Inoltre, l’oracolo di Omaha teme che, per effetto di un deficit fiscale degli Stati Uniti in continuo aumento, possa esserci un aumento delle tasse nel tempo.

Molti sospettavano che Berkshire avesse venduto azioni di Cupertino più che altro per ragioni legate alle valutazioni. Apple ha perso quest’anno circa il 5% della sua capitalizzazione, dopo aver guadagnato circa il 48% sul rally delle società tecnologiche a Wall Street. Ora il titolo è scambiato a oltre 28 volte gli utili a termine, a fronte di 24,5 volte dell’S&P 500.

Negli ultimi mesi la società guidata da Tim Cook ha dovuto combattere contro il calo della domanda dei suoi dispositivi, in particolare in Cina dove la concorrenza di Huawei si fa sempre più minacciosa. Inoltre, il colosso californiano ha dovuto subire la pressione delle autorità di regolamentazione europee per l’esercizio di posizione dominante e lesiva della concorrenza, oltre a una causa negli Stati Uniti avanzata dal Dipartimento di Giustizia insieme a 15 Stati sugli stessi temi.

 

Buffett ribassista sulle azioni?

Con la vendita di Apple, Berkshire ha incrementato la sua liquidità di cassa a 189 miliardi di dollari alla fine di marzo. Questo tesoretto è cresciuto anche grazie a 1,9 miliardi di dollari di interessi percepiti in particolare sui titoli di Stato USA grazie ai tassi più alti. Buffett ha detto che la liquidità potrebbe raggiungere i 200 miliardi di dollari alla fine del trimestre in corso, perché le attuali condizioni di mercato – caratterizzate da inflazione elevata, tagli ai tassi incerti e tensioni geopolitiche – non consentono di effettuare acquisizioni importanti.

Gli investitori hanno interpretato questo messaggio come un segnale che la visione sul mercato azionario del re del value investing non sia molto positiva. “Buffett sta accumulando liquidità e quindi è ribassista sul mercato azionario” ha detto Bill Smead, direttore degli investimenti di Smead Capital Management. “È improbabile che utilizzi quei fondi a meno che non abbia la possibilità di acquistare un’intera azienda o ci sia un importante sell-off di mercato del 30% o più”.

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *