Azioni Allianz, cosa fare dopo aumento del dividend payout - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni Allianz, cosa fare dopo aumento del dividend payout

Nell'immagine, le Allianz Treptower a Berlino

Allianz, società tedesca di servizi assicurativi e finanziari, ha chiuso il 2023 con un volume d’affari totale in aumento del 5,5% a 161,7 miliardi di euro, trainato dal segmento di attività Danni/Infortuni grazie a effetti positivi sui prezzi e sui volumi, e sostenuto dal ramo di attività Vita/Malattia principalmente a causa della forte crescita negli Stati Uniti. Ciò è stato in parte controbilanciato dal calo dei ricavi nel comparto del risparmio gestito.

L’utile operativo è aumentato del 6,7% a 14,7 miliardi di euro (13,8 miliardi di euro nel 2022), l’utile netto core degli azionisti è cresciuto a 9,1 miliardi di euro (7 miliardi di euro nel 2022), mentre l’utile netto attribuibile agli azionisti è salito del 33% a 8,5 miliardi di euro. “Allianz ha ampliato i profitti operativi con utili netti da record, consolidando la nostra posizione di leader come uno degli assicuratori globali e uno degli asset manager più resilienti al mondo” ha commentato l’amministratore delegato Oliver Bate.

In conseguenza di questi risultati il Consiglio di amministrazione ha deciso di aumentare il dividend payout ratio dal 50% al 60% e proporrà all’Assemblea degli azionisti un dividendo per azione di 13,80 euro per il 2023, con un aumento del 21,1% rispetto al 2022. L’obiettivo di utile operativo per il 2024 è stato fissato a 14,8 miliardi di euro.

 

Azioni Allianz, quotazioni in forte ribasso dopo il recente massimo a 280

Quotate sul mercato tedesco Xetra, le azioni Allianz sono decisamente impostate al ribasso nel breve termine. Dopo il doppio minimo formatosi in ottobre e novembre dello scorso anno, l’azione ha intrapreso un forte movimento rialzista che si è momentaneamente arrestato tra la metà di dicembre e quella di febbraio con una perdurante lateralità incapace di generare valide occasioni di trading. Tale stretta congestione non ha impedito ai compratori di esporsi nuovamente sul mercato innescando un rally che ha portato Allianz a toccare un massimo a quota 280 il 2 aprile.

Quest’ultimo livello deve essere stato interpretato come una resistenza, visto che da quel momento il titolo ha subito un violento ribasso, con ben sette giornate consecutive chiuse in negativo. Purtroppo non ci sono ancora evidenze di pattern o segnali di inversione, per cui è molto probabile attendersi nell’immediato un’ulteriore accelerazione verso il basso fino al raggiungimento del primo supporto individuabile in area 255.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è assolutamente da sconsigliare, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte già alla violazione di quota 261,3 con obiettivo molto vicino al livello 256,6. L’impostazione algoritmica, infatti, vede i prezzi stazionare al di sotto dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono diventati ribassisti da lunedì 8 aprile. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’oscillatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 46.


L’andamento di breve termine del titolo ALLIANZ

AUTORE

Picture of Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *