Azioni Walt Disney in difficoltà su prospettive streaming e parchi - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni Walt Disney in difficoltà su prospettive streaming e parchi

L'ingresso di un resort Disney con il classico castello incantato

Le azioni Walt Disney sono crollate ai minimi da oltre un anno e mezzo dopo che la società ha rivelato una tiepida prospettiva di crescita degli abbonamenti streaming nel trimestre in corso e ha fatto sapere che le visite ai parchi tematici dovrebbero scendere rispetto al picco post-Covid.

Secondo quanto riporta Bloomberg, in una call con gli investitori il direttore finanziario Hugh Johnston ha affermato che la società non si aspetta di vedere una crescita degli abbonati a Disney+ nel trimestre in corso e che la redditività dello streaming ne risentirà a causa di spese aggiuntive per i diritti sul cricket in India. Walt Disney ha acquistato quest’ultima attività nel 2019 come parte del suo investimento da 71,3 miliardi di dollari per acquisire la maggior parte della 21st Century Fox.

“Siamo soddisfatti dei progressi che stiamo facendo nello streaming, anche se il percorso per la redditività a lungo termine non è lineare”, ha detto Johnston agli investitori.

 

Walt Disney, le quotazioni in ribasso puntano verso il supporto in area 99 dollari

Quotate sul New York Stock Exchange, le azioni Walt Disney sembrano essere impostate al ribasso nel breve termine, anche grazie alle performance negative registrate nelle ultime sedute. Dopo il triplo massimo segnato a inizio aprile in area 123,70 dollari, infatti, le quotazioni hanno drasticamente invertito la rotta con un violento movimento discendente che sta annullando tutti gli ottimi guadagni ottenuti nei primi tre mesi del 2024, aggravate da un’accelerazione ribassista evidenziata con la presenza di un gap down rimasto aperto dallo scorso 7 maggio sul livello 114,15.

L’aspetto ancora più critico deriva dal fatto che al momento non sono presenti pattern o segnali di inversione, ma solo una sequenza di giornate negative che hanno tutta l’intenzione di proseguire andando a raggiungere la soglia psicologica dei 100 dollari. Ma probabilmente i corsi potrebbero spingersi ancora più in basso fin verso quota 99,28 dove si andrebbe almeno a chiudere il gap up formatosi l’8 febbraio. Solo dopo la ricopertura sarà lecito attendersi un rimbalzo e un parziale recupero dei prezzi.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è da sconsigliare, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte già alla violazione di quota 102,24 con obiettivo molto vicino al livello 99. L’impostazione algoritmica, infatti, vede le quotazioni stazionare al di sotto dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono diventati ribassisti a metà aprile. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’oscillatore RSI sia posizionato nell’area di “ipervenduto” vicino al livello 29.


L’andamento di breve termine del titolo WALT DISNEY

AUTORE

Picture of Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *