Bonifico postale e postagiro: come si fanno e tempistiche

Bonifico postale e postagiro: come si fanno e tempistiche

Moduli per compilare il bonifico postale.

Uno dei metodi più facili e sicuri per trasferire del denaro è il bonifico postale. Questo strumento funziona sostanzialmente nello stesso modo di un bonifico bancario: può essere effettuato direttamente all’interno di un ufficio postale reale oppure online, accedendo al sito di Poste Italiane. Chi volesse effettuare un postagiro, ossia inviare una somma di denaro da un conto Bancoposta a un altro, o un bonifico postale verso un altro conto corrente deve necessariamente essere in possesso di un conto Bancoposta o di una carta emessa da Poste Italiane.

 

La procedura per fare un bonifico postale: come compilare il modulo

Il postagiro e il bonifico postale vengono effettuati utilizzando lo stesso e identico modulo cartaceo. È possibile effettuare un ordine per una singola operazione o per un pagamento periodico. Sempre attraverso il bonifico postale è possibile effettuare dei versamenti alla pensione integrativa accesa direttamente con Poste Italiane. Vediamo nel dettaglio come deve essere effettuata questa operazione. Nel caso in cui l’utente stia provvedendo a effettuare un trasferimento verso un conto corrente non Bancoposta, sarà necessario indicare:

 

  • cognome e nome dell’ordinante;
  • cognome e nome del beneficiario;
  • codice Iban del beneficiario;
  • paese residenza Beneficiario, obbligatorio se si tratta di un bonifico SEPA transfrontaliero;
  • codice Bic, obbligatorio se il bonifico è verso paesi esteri;
  • importo del bonifico;
  • causale del bonifico utilizzando al massimo 140 caratteri.

 

La procedura per effettuare un postagiro è sostanzialmente la stessa: anche in questo caso è necessario indicare nome e cognome do ordinante e destinatario, importo e causale del versamento. L’unica differenza è che, per identificare il conto verso il quale inviare la cifra, è sufficiente indicare il numero del conto Bancoposta nel caso in cui non si conosca l’Iban.

 

Costi e tempistiche del bonifico postale

Il bonifico postale e il postagiro hanno dei costi contenuti, ma soprattutto dei tempi di esecuzione particolarmente rapidi. Nel caso in cui si stia effettuando un’operazione verso un conto italiano il costo è pari a un euro se fatto online. Nel caso in cui l’ordinante si rechi allo sportello, il costo sale a due euro. Mediamente ci possono volere due o tre giorni perché la cifra venga accreditata. Quando si effettua un bonifico da un Bancoposta all’altro – quindi si effettua un postagiro – il costo dell’operazione è pari a un euro. L’accredito del denaro al destinatario richiede un giorno.

 

Differenza tra bonifico postale e postagiro

Abbiamo già avuto occasione di capire quali siano le differenze tra bonifico postale e Postagiro. In estrema sintesi il primo è un bonifico a tutti gli effetti e coinvolge Poste Italiane e una qualsiasi altra banca tradizionale. In altre parole si stanno trasferendo dei soldi da un conto postale ad un conto corrente bancario. Il Postagiro è invece un’operazione interna, in quanto vengono trasferiti dei soldi da un conto corrente postale a un altro conto corrente postale.

 

Postagiro internazionale: procedura e costi

I clienti che hanno Postepay Evolution possono ricevere o effettuare dei postagiro internazionali. Per effettuare questo tipo di operazione, direttamente agli sportelli sono disponibili degli appositi moduli da compilare e la corrispondente busta che deve essere destinata a:

CUAS Toscana – Settore Eurogiro – via della Casella 17, 50142, Firenze.

In questo caso l’accredito sul conto del beneficiario, generalmente, avviene nell’arco di due o tre giorni a partire da quando si inserisce la richiesta nel sistema del Cuas Toscana. I paesi che risultano essere abilitati per il Postagiro internazionale sono i seguenti:

 

  • Austria;
  • Bosnia Herzegovina;
  • Francia;
  • Germania;
  • Giappone;
  • Lussemburgo;
  • Marocco;
  • Spagna;
  • Sri Lanka;
  • Svizzera;
  • Tunisia;
  • Togo;
  • Israele;
  • Filippine;
  • Slovenia.

Belgio, Slovacchia, San Marino e Senegal sono abilitati solo per le transazioni in entrata. Il costo di un Postagiro internazionale è generalmente di 2 euro ma può salire fino a 3,36 euro per alcuni Paesi.

AUTORE

Pierpaolo Molinengo

Pierpaolo Molinengo

Pierpaolo Molinengo, giornalista, ha una laurea in materie letterarie ed ha iniziato ad occuparsi di economia fin dal 2002, concentrandosi dapprima sul mercato immobiliare, sul fisco e i mutui, per poi allargare i suoi interessi ai mercati emergenti ed ai rapporti Usa-Russia. Scrive di attualità, tasse, diritto, economia e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *