Borse asiatiche miste in chiusura, bene Bombai e male Shanghai

BORSE ASIATICHE MISTE IN CHIUSURA

cfd

Le borse asiatiche hanno chiuso miste la seduta. Nei mercati azionari pesa l’avversione al rischio degli investitori a seguito del lancio formale dell’indagine sull’impeachment di Trump, accusato di cercare aiuto straniero per screditare i democratici in vista delle elezioni del prossimo anno. Ieri Trump, alle Nazioni Unite, ha accusato la Cina di manipolazione di valuta e furto della proprietà intellettuale. Il presidente americano ha anche dichiarato che la guerra commerciale potrebbe finire prima del previsto.

Entrando nel dettaglio, Il Nifty, nel momento in cui si scrive, guadagna l’1,22% a 11.478

Tokyo guadagna lo 0,15% a 22,048. L’indice nipponico ha recuperato dopo esser sceso ai minimi da una settimana sulle preoccupazioni commerciali nella giornata di ieri

Hong kong guadagna in chiusura lo 0,11% a 25.974. l’indice si trova all’interno di un impulso ribassista di breve periodo e il trend di medio-lungo è discendente.

il Kospi che chiude a 2.071 (-0,09%), al di sotto della soglia psicologica di 2100. L’indice coreano ha dato, nella seduta di ieri, un forte segnale ribassista dopo esser stato respinto in area 2100 (massimi di fine luglio).

Shanghai ha segnato un -0,57% a 2.938, allontanandosi dalla soglia psicologica dei 3.000. La prima resistenza è in area 3.500, in corrispondenza dei massimi di inizio luglio e livello dove i prezzi hanno già rimbalzato la scorsa settimana.

Materie Prime

Il petrolio si è riportato sotto la soglia psicologica di 60 dollari al barile dopo l’annuncio che i Sauditi in 2-3 settimane normalizzeranno la produzione di petrolio. Nel momento in cui si scrive l’oro nero si muove in area 56.48 (-0,31%).

Il rame, dopo aver reagito dai minimi di periodo a 2,52 dollari, ha chiuso la sessione asiatica a 2.60 (-0,13%). Il trend di medio periodo è ancora discendente.

Quanto all’oro, ha ritracciato dai massimi di periodo e dalle resistenze di breve in area rispettivamente 1.555 e 1.550. L’impulso attuale è positivo, dopo i minimi a 1.484. in chiusura della sessione asiatica l’oro è positivo a 1508 (+0,30%)


Valute

Il dollaro si è deprezzato nella sessione asiatica con il dollar index a 98,92 (-0,09%). Il dollaro si trova all’interno di un trend rialzista di lungo periodo. La prossima resistenza sarà la soglia psicologica di 100.

Il dollaro perde contro lo Yuan lo 0,03% con il rapporto Usd\Cnh che scambia, nel momento in cui si scrive, a 7.1233

Il dollaro perde terreno anche nei confronti dello Yen. Dollaro-Yen quota 107.66 (-0,09%) nel momento in cui si scrive.

Tassi di Interesse

Dopo il crollo degli ultimi giorni, sono tornati a salire i rendimenti dei decennali australiani e giapponesi. Per quanto riguarda l’Australia il rendimento di un titolo di stato a 10 anni è pari allo 0,97%, il rendimento del decennale giapponese durante la seduta asiatica si è ripotato a -0,24%

 

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.