Dws, Chart of the Week: guadagni record e imprese zombie
Cerca
Close this search box.

DWS, CHART OF THE WEEK: GUADAGNI RECORD E IMPRESE ZOMBIE

chart of the week

E altre conseguenze dei soldi lasciati in giro in questo straordinario ciclo economico

 

Una nazione divisa. Questa etichetta è stata attribuita agli Stati Uniti per lungo tempo, quando si è trattato di politica e società americana. Dalla fine della crisi finanziaria, questo vale sempre più anche per l’economia. Ci sono diversi esempi di questo: una crescita lenta dei salari nonostante i tassi di disoccupazione ai minimi storici, tassi di interesse reali bassi, segnatamente negativi e tutto questo insieme a profitti aziendali a livelli record per la “corporate America” nel suo complesso. Il fatto che le entrate fiscali non siano in linea con questo roseo contesto economico (delle 379 società Forbes 500 che generano profitti, 91 non pagano imposte sul reddito) sembra corrispondere al quadro, anche se può riflettere i limiti della legge fiscale statunitense.

 

Russell 3000: Profitti record, perdite… pure

Parlando di profitti, la nostra “Chart of the Week” rivela un’altra interessante dicotomia. Da un lato, mostra come i profitti dell’indice Russell 3000 siano aumentati di circa l’80% dalla fine della crisi finanziaria. D’altra parte, il grafico mostra che, nonostante questi profitti record, quasi altrettante aziende stanno registrando perdite ora come in tempi di crisi. La particolarità è che il numero di aziende in perdita nelle due precedenti crisi ha avuto solo un breve picco, ma dal 2015 è rimasto a un livello piuttosto alto, quasi di crisi. Queste realtà, che rimangono nella stagnazione nonostante il fermento dell’economia, sono spesso definite “aziende zombie”, in riferimento alla tenace capacità di sopravvivenza di società simili in Giappone. Questa capacità di sopravvivenza è stata attribuita ai bassi tassi di interesse.

Un’economia a due velocità

Molti possono aver archiviato il ciclo economico nella sua forma tradizionale, un po’ più brutale. Tuttavia, il rovescio della medaglia di un ciclo così indulgente può essere la mancanza di uno scossone del mercato per le aziende a malapena redditizie. Questo sembra aver avuto ulteriori effetti collaterali: “Diverse parti dell’economia americana vanno a velocità differenti. Abbiamo già descritto questo fatto confrontando i profitti economici basati sulle statistiche del reddito nazionale (NIPA) con gli utili annunciati dalle società S&P 500. La debolezza dei profitti in gran parte dell’America delle imprese può anche spiegare perché vediamo così poco dinamismo nello sviluppo dei salari, nonostante il tasso di disoccupazione record” osserva per Chart of the Week Christian Scherrmann, economista per gli Stati Uniti di DWS.

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *