Ecco quali sono 3 caratteristiche che accomunano i grandi CEO aziendali
Cerca
Close this search box.

Ecco quali sono 3 caratteristiche che accomunano i grandi CEO aziendali

Ecco quali sono le 3 caratteristiche che accomunano i grandi CEO aziendali

Svolgere il ruolo di CEO in una grande azienda espone a grosse responsabilità, ancora di più oggi che si vive in un periodo storico in continua evoluzione. Bisogna in sostanza essere dotati non solo di grandi capacità tecniche e di conoscenza dell’ambiente interno e internazionale, ma anche avere una certa propensione ad adeguarsi ai cambiamenti, soprattutto dal punto di vista di una tecnologia che avanza rapidamente. Secondo alcuni studi sono tre le caratteristiche che accomunano gli Amministratori Delegati delle più grandi aziende a livello mondiale. Vediamole di seguito.

 

Mentalità di crescita

Seth Streeter, fondatore e chief impact officer di Mission Wealth, società d’investimento che gestisce 4,8 miliardi di dollari di assets, sostiene che la mentalità di crescita è uno dei valori principali della sua azienda. Egli si chiede regolarmente: come affronterei le opportunità che vengono costantemente offerte se fossi 10 volte più coraggioso e audace di oggi?

Il concetto della mentalità di crescita ha cominciato a svilupparsi circa 15 anni fa con la pubblicazione del libro The New Psychology of Success, della psicologa americana Carol Dweck. La scrittrice paragona i soggetti che hanno tale mentalità con quelli che invece sono segnati da una mentalità fissa. I primi ottengono maggiori risultati, perché si preoccupano meno di apparire intelligenti e concentrano maggiore energia nell’apprendimento.

 

Desiderio di avere un impatto

Mary Beth Stjohann, CEO di Abacus Wealth Partners, stabilisce una chiara connessione tra una mentalità di crescita e l’impatto che si desidera ottenere all’esterno. “Stiamo crescendo perché ci preoccupiamo dell’impatto. Non stiamo crescendo solo per amore della crescita”, ha sostenuto l’Amministratore Delegato quando si riferiva alla società che gestisce.

Anche Scott Hanson, co-fondatore e senior partner di Allworth Financial, crede nell’importanza di avere un impatto sugli altri. Egli si ritiene più soddisfatto quando aiuta gli altri a realizzare qualcosa di importante. Per questo adora cercare soluzioni e sfide interessanti, guardando le persone crescere e ottenere vittorie e successi. Streeter ha dichiarato al riguardo che la crescita è sinonimo di impatto, ossia più si cresce e più aumentano le opportunità per gli altri. Questo significa avere un impatto nella società.

 

Framework

Il Framework è un altro elemento prezioso che accomuna i CEO aziendali. Questo consiste nell’utilizzo di modelli strategici e organizzativi per produrre informazioni su quale direzione prendere, quali opzioni adottare e come guidare un’azienda. Tutto ciò con l’obiettivo di semplificare un business che in una grande società a volte è molto sfaccettato e complesso.

In questo contesto la delega assume un aspetto fondamentale. Scott Keller, senior partner di McKinsey, ha esaltato l’importanza di delegare, ossia di dare a qualcuno la responsabilità di svolgere un compito delicato, avendo a disposizione le risorse per farlo. Scott ha aggiunto che, quando l’azienda ha raggiunto 1 miliardo di dollari di asset in gestione, lavorava a malapena e lì ha deciso di raddoppiare l’impatto.

 

AUTORE

Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *