Investv: i mercati guardano alle trimestrali USA - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Investv: i mercati guardano alle trimestrali USA

Investv: i mercati guardano alle trimestrali USA

Nella seconda seduta della settimana di Investv, format realizzato da Vontobel Certificati che ha visto sfidarsi fino alla scorso mese di giugno due squadre di trader capitanate da Riccardo Designori e Pietro Origlia, nelle puntate estive è prevista la presenza di un solo ospite. Quello di oggi sarà Giancarlo Prisco. L’appuntamento come di consueto è visibile in diretta streaming ogni giorno dalle ore 10 sul canale YouTube di Vontobel certificati.

 

Il riassunto di lunedì 17 luglio 2023

L’inizio della nuova settimana ha visto ospite della trasmissione Tony Cioli Puviani, proporre una strategia ribassista sull’indice FTSE Mib che prevedeva un ingresso in area 28.800 punti e aveva uno stop situato a 28.940 punti con un target a 28.580 punti. A fine giornata l’operazione, non entrando nei livelli segnalati, non si è attivata.

 

Investv: i temi della puntata odierna

Nonostante la buona chiusura di Wall Street nella serata di ieri, i mercati azionari del Vecchio continente hanno aperto la seduta in leggero territorio negativo.

Sul sentiment pesa ancora il deludente dato arrivato ieri dalla Cina,  riguardante la debole crescita economica nel secondo trimestre dell’anno in corso. In questo contesto il driver odierno a cui guarderanno gli investitori è il ritorno delle trimestrali che vedrà calibri come Bank of America, Morgan Stanley e Lockeed Martin comunicare i dati del periodo aprile-giugno.

Nel corso della trasmissione andremo con il nostro ospite a commentare sia la situazione tecnica presente sul FTSE Mib, per capire quali possono essere i primi livelli supportivi di questa fase correttiva, che sull’oro con i prezzi che sembrano pronti a un nuovo allungo rialzista in direzione dei 2.000 dollari l’oncia.

Tra le storie da seguire a Piazza Affari troviamo Recordati che potrebbe sfruttare i dati del 2023 rivisti al rialzo dal colosso svizzero Novartis, Unicredit che sarebbe pronta a tagliare 500 milioni di euro di costi per far fronte a un’inflazione più alta del previsto e infine Eni su cui Hsbc ha tagliato il rating a hold dal precedente buy con un target price a 14,2 euro

AUTORE

Picture of Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *