Investv: le tensioni geopolitiche infiammano i prezzi del petrolio - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Investv: le tensioni geopolitiche infiammano i prezzi del petrolio

Investv: le tensione geopolitiche infiammano i prezzi del petrolio

Nella prima seduta della settimana di Investv, format realizzato da Vontobel Certificati che vede sfidarsi la squadra dei trader e quella dei capitani, si confronteranno Pietro Paciello e Pietro Origlia. L’appuntamento come di consueto è visibile in diretta streaming ogni giorno dalle ore 10 sul canale YouTube di Vontobel certificati.

 

Il riassunto della puntata del 28 marzo

Nella puntata di giovedì scorso si sono confrontati Corrado Rondelli per la squadra dei trader e Pietro Origlia per quella dei capitani. Il primo trader ha proposto una strategia long multiday sull’oro con un ingresso in area 2.187 dollari,  uno stop situato a 2.164 dollari e un obiettivo posto a 2.225 dollari. L’operazione non entrando nei livelli segnalati dal trader non si è attivata.

Pietro Origlia ha invece presentato una strategia multiday rialzista sul titolo STMicroelectronics con un’entrata posta in area 40,21 euro, uno stop posizionato a 39,39 euro e un target a 42,3 euro. In questo caso con una chiusura dell’azione in area 39,94 euro, l’operazione rimane valida per i prossimi giorni.

 

Investv: i temi della puntata odierna

Dopo aver chiuso il primo trimestre all’insegna dei record, i listini azionari del Vecchio continente inaugurano il mese di aprile sui livelli della parità e con il focus sempre rivolto sia alle prossime mosse delle Banche centrali in tema di tassi di interesse che alle rinnovate tensioni geopolitiche. In questo contesto tra i market mover odierni troviamo sia l’indice Pmi manifatturiero europeo, atteso nel mese di marzo in contrazione a 45,7 punti, che i nuovi posti di lavori oltreoceano che nel mese di febbraio dovrebbero essersi attestati a 8,76 milioni.

Nel corso della trasmissione torneremo a occuparci del petrolio i cui prezzi, sulla scia delle tensioni in Medio Oriente, rinnovano i massimi dell’anno in corso oltre gli 84 dollari al barile. Quali le prossime resistenze da monitorare?

Infine tra i temi da seguire a Piazza Affari troviamo Iren che ha comunicato il piano per il salvataggio di Egea, Seco che con NXP dovrebbe portare Clea nel settore industriale e IoT, Buzzi che vede nell’anno in corso risultati vicini a quelli del 2023 e infine STMicroelectronics, con Barclays che ha tagliato il target da 46 a 40 euro.

AUTORE

Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *