Investv: oggi focus su Stellantis dopo solidi risultati trimestrali
Cerca
Close this search box.

Investv: oggi focus su Stellantis dopo solidi risultati trimestrali

Investv: focus su Ucraina e Stellantis

Nella terza puntata della settimana per Investv, format realizzato da Vontobel Certificati che vede sfidarsi ogni giorno due squadre di trader capitanate da Riccardo Designori e Pietro Origlia, scenderanno in campo proprio i due capitani. L’appuntamento come di consueto è visibile in diretta streaming ogni giorno dalle ore 10 sul canale YouTube di Vontobel certificati.

 

Il riassunto di martedì 22 Febbraio

Nella giornata di ieri si sono sfidati Corrado Rondelli per la squadra gialla mentre per la squadra azzurra Filippo Giannini. Il trader della squadra gialla ha proposto una strategia ribassista sul cambio Euro-Dollaro che prevedeva un ingresso in area 1,1345 con uno stop posto nei pressi degli 1,137 ed un target a 1,132. Con una moneta unica che alle 17,30 ha chiuso sotto i livelli di entrata l’operazione ha visto una performance positiva dello 0,72% Al contrario il trader della squadra azzurra ha rivolto la sua operazione sul classico dei beni rifugio come il Gold. La strategia rialzista ha visto un ingresso in area 1.899,5 dollari l’oncia, con uno stop a 1.888 dollari ed un target nei pressi dei 1.912 dollari. Anche questa strategia si è rivelata vincente segnando a fine seduta una performance dello 0,62%.

 

Investv: i temi della puntata odierna

Ancora una volta sarà l’escalation militare in Ucraina al centro del dibattito odierno dopo le sanzioni arrivate nella serata di ieri da parte di Usa ed Europa e rivolte alla Russia; nello specifico vengono colpite alcune banche, il debito sovrano (che viene tagliato fuori dal mercato occidentale) e soprattutto lo stop al gasdotto North Stream. Uno sguardo poi verrà rivolto sia al nostro listino dopo i numeri record di Stellantis, che ha visto un utile netto triplicato rispetto a quello comunicato nel 2020 e  un outlook per l’anno in corso ancora positivo nonostante la carenza di chip, che alla situazione presente a Wall Street con l’S&P 500 che si porta sui forti supporti in area 4.250 punti che in caso di rottura faranno entrare l’indice statunitense in “fase correttiva”.

 

AUTORE

Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *