Investv, riflettori puntati su Unicredit e Banco BPM
Cerca
Close this search box.

Investv, riflettori puntati su Unicredit e Banco BPM

L’appuntamento con Investv torna puntualmente anche oggi 11 gennaio 2023 alla stessa ora. Il format, che è realizzato da Vontobel Certificati, vede contrapposti i più importanti traders italiani, i quali mettono in campo le migliori strategie per operare sui mercati azionati. Le puntate, generalmente, vedono contrapposte due squadre di professionisti capitanati da Riccardo Designori e da Pietro Origlia. Per qualche settimana, però, in studio è presente unicamente un trader: Riccardo Designori. Ricordiamo che l’appuntamento con Investv, come di consueto, è visibile in diretta streaming dalle ore 10 sul canale YouTube di Vontobel certificati.

Il riassunto del 10 gennaio 2023

Nel corso della puntata di Investv di ieri 10 gennaio 2023 era presente unicamente Corrado Rondelli, il quale ha effettuato un’operazione direttamente sul DAX. Rondelli ha proposto per l’indice tedesco, nonostante il momento di forma rialzista, una strategia contrarian short di breve termine.

Investv: i temi della puntata del 11 gennaio 2023

Tra i temi caldi della puntata di Investv dell’11 gennaio 2023 ci sono Unicredit, Banco BPM e la prima emissione di Bot a 12 mesi del 2023. L’istituto bancario guidato da Andrea Orcel, in questi giorni, ha emesso un Bond Senior Preferred, il cui valore è pari ad un miliardo di euro e con scadenza a sei anni. Il bond prevede la possibilità di un rimborso anticipato dopo cinque anni. Unicredit, per questa emissione, ha ottenuto fino ad ora una domanda per oltre 2,85 miliardi di euro.

Particolare attenzione deve essere prestata anche a Banco BPM. È stato rivisto, infatti, il livello inizialmente comunicato al mercato di circa 220 punti base sopra il tasso mid-swap a 5 anni è stato fissato a 190 punti base. La cedola annuale è stata determinata pari al 4,8%, con prezzo di emissione/re-offer di 99,813%.

Oggi il Tesoro tiene la prima asta di Bot a 12 mesi del 2023: è pervista un’emissione particolarmente corposa dell’importo di 7 miliardi di euro. Nel corso del 2023, il Governo dovrà reperire sul mercato qualcosa come 600 miliardi di euro per coprire il debito in scadenza ed il disavanzo fiscale da rifinanziare. La data di regolamento del titolo offerto è fissata per giorno 13 gennaio e la data di scadenza è per il 12 gennaio 2024.

 

 

AUTORE

Picture of Pierpaolo Molinengo

Pierpaolo Molinengo

Pierpaolo Molinengo, giornalista, ha una laurea in materie letterarie ed ha iniziato ad occuparsi di economia fin dal 2002, concentrandosi dapprima sul mercato immobiliare, sul fisco e i mutui, per poi allargare i suoi interessi ai mercati emergenti ed ai rapporti Usa-Russia. Scrive di attualità, tasse, diritto, economia e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *