Investv: tra rally commodity e crollo azioni, ecco le strategie del 4 marzo
Cerca
Close this search box.

Investv: tra rally commodity e crollo azioni, ecco le strategie del 4 marzo

Investv: rally della materie prime e vendite sulle azioni

Nell’ultima puntata della settimana per Investv, format realizzato da Vontobel Certificati che vede sfidarsi ogni giorno due squadre di trader capitanate da Riccardo Designori e Pietro Origlia, scenderanno in campo proprio i capitani delle due squadre. Inoltre dalla sede di Francoforte per Vontobel ci sarà Jacopo Fiaschini; nel corso del suo intervento verrà fatto il punto su alcune delle ultime novità portate sul mercato nostrano dall’emittente come la nuova versione rinnovata degli Athena/Express Certificates con effetto airbag e la possibilità di investire sul nucleare con l’utilizzo dei certificati. L’appuntamento come di consueto è visibile in diretta streaming ogni giorno dalle ore 10 sul canale YouTube di Vontobel certificati.

 

Il riassunto della puntata di ieri

Nella seduta di ieri si sono sfidati Eugenio Sartorelli per la squadra gialla e Pietro Di Lorenzo per la squadra azzurra. Il primo ha proposto una strategia rialzista sul Bund che prevedeva un ingresso in area 169,76 punti, con uno stop a 169,18 punti ed un target posto sui 170,46 punti. L’operazione a fine seduta non è entrata nel range segnalato. Al contrario Pietro Di Lorenzo ha scelto il titolo Intesa Sanpaolo su cui operare; nello specifico l’entrata era posizionata sui 2,12 euro, con uno stop sui 2,07 euro ed un target sui 2,20. La chiusura del titolo a 2,093 ha generato, con l’utilizzo della leva, una performance negativa del 4,85%.

 

Investv: i temi della puntata odierna

La recrudescenza della guerra in Ucraina, con il bombardamento da parte della Russia della più grande centrale nucleare in Europa, continua ad essere il market mover dei mercati. In questo clima continua la corse delle principali materie prime, il cui effetto sull’inflazione lo vedremo nelle prossime settimane, mentre non si arresta il deflusso della liquidità dai mercati azionari che si dirige su asset ritenuti più sicuri. In questo contesto le agenzie di rating bocciano Mosca declassando il debito russo a livello spazzatura spingendo di conseguenza il Paese sempre verso un possibile default.

 

 

 

AUTORE

Picture of Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *