Le Fonti Tv: intervista a Vittorio Feltri

LE FONTI TV INTERVISTA VITTORIO FELTRI

feltri

Il direttore editoriale di Libero Vittorio Feltri a tu per tu con Manuela Donghi su Le Fonti Tv

Vittorio Feltri intervistato a 360 gradi all’interno dell’appuntamento “What About Politics”, rubrica settimanale in onda su Le Fonti Tv. Ecco i passaggi più importanti della chiacchierata con la giornalista Manuela Donghi. Ecco i passaggi più significativi:

“Di Maio semianalfabeta. Berlusconi in stato pre-agonico. Il governo? Spero crepi”

Di Maio non dico che sia un semianalfabeta ma quasi…ha detto che la Russia è un Paese mediterraneo. Per cui, io lo manderei in collegio, non al Governo. Poi, sui congiuntivi incespica che è un piacere. E’ difficile dare un giudizio su una persona che ti fa solo ridere quando fa errori macroscopici. Berlusconi e Forza Italia non sono morti ma sono in stato pre-agonico. Difficile dire quanto durerà questo Governo perché nessuno ha la sfera di cristallo. Io personalmente spero che crepi perchè mi fa orrore.

“Un bluff l’accordo Ue sui migranti. Ce li terremo tutti sul groppone”

L’accordo europeo sui migranti è un bluff, non ci sarà nessuna ripartizione anche perchè Macron l’ha già detto. I clandestini resteranno tutti sul groppone a noi e ce li dovremo tenere perchè il cambio di linea politica, in questo ambito, è stato disastroso. Già i numeri dimostrano che sono ricominciati gli sbarchi a tutto spiano e la cosa è allarmante. Salvini invece aveva il pugno di ferro ed era riuscito a imporre una disciplina che si è già dissolta. E questo è rischioso.

“Tasse sulle merendine? Plateale idiozia”

La tassa sulle merendine è una dimostrazione plateale di idiozia. Se si pensa di aggiustare i conti dello Stato tassando si commette un errore grave. Piuttosto bisogna evitare gli sprechi. Il bilancio dello Stato è come quello di una famiglia: se guadagno 5 mila euro al mese e ne spendo 6 mila, è chiaro che dopo un anno avrò un debito di 12 mila euro. Dopo 10 anni sarà di 120 mila euro, e a quel punto uno deve iniziare a vendere i tappeti.

“Case di proprietà e depositi, gli italiani sono ricchi. La crisi è una balla”

Gli italiani hanno dei depositi bancari importanti, sono proprietari della casa, evidentemente non vivono male. Per risparmiare occorre guadagnare, quindi in qualche modo gli italiani guadagnano. C’è anche chi guadagna in nero, ma meglio guadagnare in nero che non guadagnare per niente. Quindi la situazione non è drammatica. La situazione è drammatica in Germania, in Francia e in Olanda dove l’indebitamento privato è altissimo. In sostanza, possiamo dire che il convento è povero, i frati sono ricchi.

“Nessun piano per mandar via Salvini. Si è cacciato da solo”

I fatti non dimostrano che c’è stato un movimento per cacciare Salvini, Salvini si è cacciato da solo. Ad un certo punto è andato da Conte e da Di Maio dicendo che non intendeva più andare avanti, salvo poi pentirsi. In Senato ha offerto anche la carica di Premier a Di Maio per poter andare avanti. Ha combinato un bel pasticcio. Sicuramente ha dei motivi ma non ce li ha riferiti.

Qui sotto, l’intervista integrale a Vittorio Feltri.

AUTORE

ARTICOLI CORRELATI

NAVIGAZIONE ARTICOLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

VIDEO

La seconda puntata della nuova settimana di Investv, format realizzato da Vontobel Certificati che vede sfidarsi ogni giorno due squadre di trader capitanate da Riccardo