Azioni Meta: cosa fare dopo le accuse di 42 Stati USA - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni Meta: cosa fare dopo le accuse di 42 Stati USA

Una giovane ragazza vestita con una giacca grigia a quadretti e con uno zaino nero si scatta un selfie

Meta è finita nuovamente sotto l’attenzione della giustizia USA. Oltre quaranta Stati americani hanno avviato nelle scorse settimane un procedimento legale contro il gigante dei social network, accusando le sue applicazioni Facebook e Instagram di danneggiare la “salute mentale e fisica dei giovani”. “Meta ha sfruttato tecnologie potenti e senza precedenti per attrarre e infine intrappolare giovani e adolescenti al fine di ottenere un profitto”, affermano i procuratori generali nella denuncia depositata presso un tribunale californiano.

Gli Stati, sia democratici che repubblicani, sostengono che la società di Menlo Park abbia “nascosto il modo in cui queste piattaforme sfruttano e manipolano i consumatori più vulnerabili” e “trascurato i notevoli danni” causati alla “salute mentale e fisica dei giovani della nostra nazione”. “Meta ha sfruttato i giovani utenti creando un modello di business progettato per massimizzare il tempo che trascorrono sulla piattaforma nonostante i danni alla loro salute” sostiene il documento.

“I bambini e gli adolescenti soffrono di livelli record di cattiva salute mentale e la colpa è delle società di social media come Meta”, ha affermato il procuratore generale di New York Letitia James in una dichiarazione. “Meta ha tratto profitto dal dolore dei bambini progettando intenzionalmente le sue piattaforme con caratteristiche manipolative che rendono i bambini dipendenti dalle loro piattaforme abbassando la loro autostima”, ha aggiunto James.

La causa accusa Meta di condotta ingannevole e illegale che danneggia i giovani vulnerabili a scopo di lucro. Alcuni Stati hanno approvato leggi che vietano ai social media di consentire l’accesso ai minori senza il permesso dei genitori. Meta sostiene di aver sviluppato più di trenta strumenti nelle sue app per supportare gli utenti adolescenti e rendere più semplice per i genitori “dare forma” all’attività online. Il colosso della Silicon Valley ha affermato che è deludente che i procuratori generali abbiano scelto Meta invece di cercare soluzioni a livello di settore, data la popolarità di rivali tra cui TikTok, YouTube e Snap. Anzi, i social media possono anche essere un luogo in cui i giovani alle prese con altri problemi della loro vita vanno per trovare il sostegno della comunità, sostiene Meta.

 

Azioni Meta: le quotazioni superano la resistenza sul livello 330,54, breakout convicente

Quotate sul mercato tecnologico statunitense Nasdaq, la azioni Meta sono decisamente impostate al rialzo nel breve termine, anche grazie alla performance positiva registrata nella seduta di ieri (+0,70%). Dopo un’apertura leggermente al di sotto della chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno intrapreso fin da subito un andamento fortemente rialzista che le ha portate a realizzare un massimo sul livello 332,33, per poi andare a chiudere sul finale non distante, a quota 331,06.

Dopo il massimo relativo toccato lo scorso 12 ottobre sul livello 330,54 l’azione è violentemente scesa per tutto il mese fino ad arrestarsi sul triplo minimo in area 280 dollari. Da quel momento i corsi hanno ripreso a correre permettendo al grafico di disegnare una precisa configurazione a V di stampo rialzista. A ciò si aggiunge che proprio ieri la positività è continuata con il superamento del già citato precedente massimo a quota 330,54. Tale breakout è apparso convincente, senza i soliti tentennamenti a cui si assiste in prossimità di resistenze così delicate. Poiché nasce da uno spiccato recupero delle quotazioni, non necessita neppure del consueto pullback o periodo di ritracciamento/consolidamento. Quindi, anche per le prossime giornate si attendono performance positive e non si considera tardivo l’ingresso sul mercato ai prezzi attuali.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 332,33 con target nell’intorno dei 346,79 dollari, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 325,70 con obiettivo molto vicino al livello 311,02. L’impostazione algoritmica, infatti, vede i corsi stazionare al di sopra dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono diventati rialzisti a inizio novembre. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’oscillatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 66.


L’andamento di breve termine del titolo META

AUTORE

Picture of Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *