Mfe mette radici in Germania, cosa fare con il titolo in Borsa? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Mfe mette radici in Germania, cosa fare con il titolo in Borsa?

Una torre di trasmissione Mfe - Media for Europe

Mfe-MediaForEurope, il gruppo televisivo ex-Mediaset guidato da Pier Silvio Berlusconi, ha messo radici in Germania sul finire del mese di settembre, aprendo una nuova sede a Monaco di Baviera e affidandola all’ex manager di Nbc Katharina Behrends che ricoprirà il ruolo di general manager per l’area europea di lingua tedesca: Germania, Austria, Svizzera (Dach). L’area Dach, che rappresenta un mercato fondamentale per costruire alleanze con altri gruppi media europei, è una regione in cui Mfe è attiva da diversi anni in qualità di primo azionista a lungo termine di ProSiebenSat.1, il più importante gruppo media tedesco. La nomina di Behrends, così come la presenza stabile a Monaco, rappresentano un ulteriore passo avanti nella costruzione di Mfe come media house leader in Europa, una struttura paneuropea che consenta di sfruttare sinergie, generare maggiori investimenti in tecnologia e ottenere una solida posizione sul mercato pubblicitario. In questo modo Mfe potrà investire con decisione in contenuti attrattivi in ogni singolo Paese, rafforzare la propria offerta di fornitore locale di qualità, garantire e promuovere la diversità di opinione, l’indipendenza editoriale e la stabilità del lavoro in tutti i paesi in cui opera.

 

Chi è Katharina Behrends e quali sono gli obiettivi di Mfe

Il nuovo manager è tra i maggiori conoscitori del settore e della regione Dach e gode di una vasta esperienza internazionale. Negli ultimi 15 anni ha ricoperto posizioni di leadership presso Nbc Universal Networks. In qualità di managing director ha costruito e guidato con successo l’attività nella regione Dach, Europa orientale e Benelux del gruppo ed è stata responsabile delle produzioni televisive, dell’offerta pay Tv e dello streaming. Esperta di nuovi modelli di business digitali, ha svolto un ruolo fondamentale nel successo della Pay TV nella regione di lingua tedesca e in altre parti d’Europa. Katharina Behrends ha iniziato la sua carriera come consulente legale di Sky Deutschland e ricoperto posizioni di leadership presso Viacom e A+E Networks. La nuova general manager si è detta “entusiasta di entrare in squadra in un momento così decisivo per l’industria europea dei media. Il nostro sistema ha bisogno di sviluppare strategie comuni per rimanere competitivo con i conglomerati mediatici internazionali e i giganti dello streaming”.

 

Mfe B, l’analisi grafica: pausa di consolidamento 

Il titolo Mfe B appare impostato al rialzo nel breve termine nonostante la performance negativa registrata nella seduta di ieri (-1,96%). Dopo un’apertura in linea con la chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno dapprima intrapreso un andamento fortemente rialzista che le ha portate a realizzare un massimo sul livello 0,4832, per poi invertire drasticamente la rotta fino a raggiungere un minimo a quota 0,4610, mantenendosi tutto il resto della giornata in uno stretto trading range chiudendo a 0,4612 euro. Si è trattato di un fisiologico ritracciamento dopo il forte rimbalzo che ha caratterizzato le quotazioni da giovedì scorso. Sul titolo ha pesato anche la delusione per la mancata acquisizione: del colosso dei media tedesco Rtl, tornato sui suoi passi dopo lo stop alle nozze con Tf1 imposto dall’Antiturst francese. Come conseguenza Rtl ha deciso di mantenere la sua quota di controllo nel gruppo M6, nonostante diversi operatori (tra cui la stessa Mfe) avessero avanzato offerte non vincolanti.

Archiviata questa presa di beneficio, il rialzo ha ottime probabilità di continuare durante tutta la settimana, purché non venga violato il supporto presente in area 0,4500, ponendosi come obiettivo il raggiungimento della soglia a 0,5000 euro. Solo nelle prossime settimane, poi, si vedrà se si sia trattato solo di un momentaneo rimbalzo oppure di una più solida inversione di tendenza.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 0,4832 con target nell’intorno degli 0,5066 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 0,4500 con obiettivo molto vicino al livello 0,4184. L’impostazione algoritmica, infatti, vede i prezzi stazionare al di sopra dell’indicatore Parabolic Sar mentre sia l’indicatore Supertrend che la media mobile a 25 sono ribassisti addirittura da inizio aprile. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 39.


L’andamento di breve termine del titolo MFE B

AUTORE

Picture of Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *