Peloton vola a Wall Street su interesse di Apple, Nike e Amazon
Cerca
Close this search box.

Peloton vola a Wall Street su interesse di Apple, Nike e Amazon

Peloton vola a Wall Street su interesse di Apple, Nike e Amazon

Su Peloton l’interesse dei grossi gruppi dello sport e del commercio elettronico? E’ questa la domanda che a Wall Street è iniziata a circolare dopo che il dossier è aperto sulle scrivanie di importanti aziende. Tutto questo arriva dopo il “grido di aiuto” lanciato dai fondi attivisti sulla società delle cyclette e dei tapis roulant che ha avuto un boom di vendite durante la fase più acuta della pandemia, ma è poi finita in forte difficoltà per l’incapacità di tenere il passo al ritorno alla normalità post lockdown.

Peloton che a inizio 2021 era arrivata ad una capitalizzazione vicina ai 52 miliardi di dollari, quando le chiusure forzate dell’attività hanno reso celebre il suo business incentrato sugli esercizi tra le mura di casa, oggi ne vale “solo” 8 miliardi. In questo contesto il Ceo John Foley, è finito nel mirino del fondo attivista Blackwells,  per aver aumentato a dismisura i costi fissi con acquisizioni e incrementi alle linee produttive che rischiano di risultare insostenibili alla luce della nuova normalità.

Secondo indiscrezioni riportate dal Wall Street Journal, Amazon starebbe studiando il dossier per una possibile offerta anche se al momento non ci sarebbe nulla di concreto. Ma non è solo il colosso dell’e-commerce ad essere interessato alla società; sullo sfondo ci sarebbero sia la Nike ma soprattutto Apple che con l’eventuale acquisizione di Peloton andrebbe a rafforzare il sui servizio Fitness+.

 

Peloton: analisi tecnica e strategie operative

Dai massimi segnati ad inizio 2021 in area 171 dollari il titolo è andato incontro a quella forte correzione di cui scrivevamo sopra con i prezzi che durante la scorsa settimana sono scesi sotto i 25 dollari. Nel breve con l’arrivo della speculazione i prezzi nella seduta odierna sono visti in rialzo di quasi il 30% in area 31,50 dollari; il movimento odierno non cambierebbe comunque il trend discendente in atto, che rimarrebbe confermato al ribasso, ma l’eventuale superamento dei 32 dollari aprirebbe le porte per ulteriori allunghi in direzione dei 36,50-37 dollari. Solo con il break di queste resistenze Peloton migliorerebbe la sua struttura grafica con target anche fin verso la soglia dei 50 dollari.

 

AUTORE

Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *