Ryanair alze stime sul 2022, titolo pronto a volare verso top di periodo? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Ryanair alze stime sul 2022, titolo pronto a volare verso top di periodo?

Ryanair alze stime sul 2022. Titolo pronto a volare verso top di periodo?

È una seduta euforica sul mercato irlandese per il titolo Ryanair, dopo che la società che alzato al rialzo le previsioni di utile netto per quanto riguarda l’anno fiscale 2022-2023 che si chiuderà il 31 marzo. Nello specifico, la compagnia aerea più grande d’Europa per numero di passeggeri ha alzato la view sui profitti dai precedenti 1-1,2 miliardi di euro agli attuali 1,325-1,425 miliardi di euro. Inoltre grazie ad una stagione natalizia oltre le attese, che non ha risentito né del conflitto in Ucraina né della situazione sanitaria, gli ultimi 3 mesi del 2022 dovrebbero vedere un utile al netto delle imposte vicino ai 200 milioni di euro.

Per quanto riguarda l’outlook riguardante il periodo gennaio-marzo 2023, la società prevede una perdita a causa sia delle vacanze di Pasqua, che cadono nel mese di aprile, che di un recente ammorbidimento del traffico e dei prezzi dei voli in partenza non solo dal Regno Unito ma anche dagli aeroporti irlandesi. Infine la compagnia aerea  mantiene inalterate le previsioni di far volare 168 milioni di passeggeri durante l’anno 2022-2023, superando in questo modo il precedente record di 149 milioni di passeggeri. In scia a queste notizie molte case d’affari hanno alzato i target sull’azione. Tra questi troviamo Bernstein, che al vettore assegna un buy con obiettivo di prezzo a 16,8 euro. Andiamo ora a vedere come si sta comportando l’azione sul mercato irlandese.

 

Azioni Ryanair: analisi tecnica e strategie operative

Deciso territorio positivo per il titolo Ryanair, con le quotazioni che si portano oltre i massimi di periodo posti in area 13,45-13,55 euro. Nel breve termine una conferma dei corsi sopra questi livelli andrebbe a far proseguire quel trend rialzista innescatosi nel mese di ottobre 2022 dalla soglia dei 10 euro, in direzione dei 14 euro e successivamente verso i 14,30 euro. Sarà solo lasciandosi alle spalle queste aree resistenziali, che i prezzi si aprirebbero la strada per un test sui top di aprile 2022 situati sui 15,35-15,40 euro.

Al contrario, un ritorno dell’azione sotto i 13,45 euro dovrebbero innescare delle prese di beneficio, che avrebbero un primo target sui 12,85 euro e a seguire i 12,15-12,20 euro. Nel caso in cui questi livelli supportivi non dovessero arrestare le eventuali vendite, si avrebbe un deterioramento della struttura grafica dell’azione con possibili discese in direzione degli 11,70 euro e a seguire verso gli 11,50 euro.

AUTORE

Picture of Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *