Saldi estivi 2023: il calendario con le date di inizio e fine regione per regione - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Saldi estivi 2023: il calendario con le date di inizio e fine regione per regione

Giovedì 6 luglio: è la data da cerchiare in rosso sul calendario perché segna l’inizio dei saldi estivi 2023. Il periodo dei ribassi è il momento migliore dell’anno per acquistare a prezzi vantaggiosi i prodotti di moda, da maglie e pantaloni a camice, giacche, scarpe, borse, accessori e articoli sportivi. Stando ai dati elaborati da Confcommercio, complice la corsa dell’inflazione, ci sono più di 15 milioni di famiglie interessate allo shopping nei mesi più caldi dell’anno per un giro d’affari di quasi 5 miliardi: in media ogni persona spenderà sui 133 euro.

 

Saldi estivi 2023: quando iniziano?

Ma quando cominciano i saldi estivi del 2023? Le vendite straordinarie della stagione estiva iniziano intorno ai primi di luglio: la data fissata per tutto il territorio nazionale è giovedì 6 luglio, come previsto dall’intesa ratificata dalla Conferenza dei Presidenti delle regioni e province autonome in accordo con le organizzazioni locali dei consumatori e delle imprese. La durata varia da regione a regione perché è stabilita dagli enti sulla base della Riforma del commercio, contenuta all’interno del Decreto legislativo n. 114 del 31 marzo 1998, la cosiddetta legge Bersani. Ogni regione ha quindi un calendario specifico con qualche piccola differenza nelle date tra una zona e l’altra.

Il 6 luglio, con un leggero ritardo rispetto al solito (di norma l’inizio è il primo sabato di luglio), è la data unica scelta in accordo da tutte le regioni italiane. La durata dei saldi estivi è di circa 60 giorni: ciò significa che, sempre con qualche eccezione in base alle specifiche territoriali con riduzioni fino a 30 o 45 giorni, nella maggior parte dei casi andranno avanti per due mesi fino al 3 settembre.

 

Il calendario dei saldi estivi 2023 regione per regione

Ecco il calendario dei saldi estivi 2023 regione per regione, incluse le due province autonome di Bolzano e Trento.

  • Abruzzo: 6 luglio – 3 settembre
  • Basilicata: 6 luglio – 6 settembre
  • Calabria: 6 luglio – 4 settembre
  • Campania: 6 luglio – 31 agosto
  • Emilia-Romagna: 6 luglio – 3 settembre
  • Friuli Venezia Giulia: 6 luglio – 3 settembre
  • Lazio: 6 luglio – 16 agosto
  • Liguria: 6 luglio – 19 agosto
  • Lombardia: 6 luglio – 3 settembre
  • Marche: 6 luglio – 31 agosto
  • Molise: 6 luglio – 3 settembre
  • Piemonte: 6 luglio – 31 agosto
  • Puglia: 6 luglio – 15 settembre
  • Sardegna: 6 luglio – 3 settembre
  • Sicilia: 1 luglio – 15 settembre
  • Toscana: 6 luglio – 3 settembre
  • Trentino-Alto Adige: 14 luglio – 11 agosto
  • Umbria: 6 luglio – 3 settembre
  • Valle d’Aosta: 6 luglio – 3 settembre
  • Veneto: 6 luglio – 31 agosto
  • Provincia autonoma di Bolzano: 14 luglio – 11 agosto (comuni turistici: 18 agosto – 15 settembre)
  • Provincia autonoma di Trento: scelta autonoma dei commercianti, rispettando la durata massima di 60 giorni

 

Bolzano è la provincia che apre più tardi di tutte, il 14 luglio. I saldi sono attivi nei distretti di Bolzano, Merano e Burgraviato, Valle Isarco, Val Pusteria e Val Venosta fino all’11 agosto. Aprono ancora più tardi le località turistiche dell’Alto Adige: il 18 agosto. La Calabria e la Sicilia sono le regioni che avranno il maggior numero di giorni. Il Lazio e la Liguria sono le regioni con le finestre più corte: rispettivamente, 42 e 45 giorni.

Nelle principali città italiane i saldi estivi 2023 avranno questo calendario:

  • Ancona: 6 luglio – 3 settembre
  • Bari: 6 luglio – 15 agosto
  • Bologna: 6 luglio – 3 settembre
  • Cagliari: 6 luglio – 3 settembre
  • Firenze: 6 luglio – 3 settembre
  • Genova: 6 luglio – 19 agosto
  • Perugia: 6 luglio – 3 settembre
  • Milano: 6 luglio – 3 settembre
  • Napoli: 6 luglio – 31 agosto
  • Palermo: 1 luglio – 15 settembre
  • Reggio Calabria: 6 luglio – 4 settembre
  • Roma: 6 luglio – 16 agosto
  • Torino: 6 luglio – 31 agosto
  • Venezia: 6 luglio – 31 agosto

 

FISMO, la Federazione Italiana Settore Moda Confesercenti, ha chiesto per settimane di posticipare la data di inizio dei saldi estivi al 21 luglio in considerazione delle avverse condizioni meteo degli ultimi mesi. “Aprile e maggio sono stati caratterizzati dal maltempo e da temperature sotto la media del decennio – fanno sapere i commercianti –, e lo stesso giugno è stato finora dominato da piogge e temperature instabili. Un quadro sfavorevole, che ha inciso sul ciclo primaverile delle vendite nel comparto. In questa situazione, l’avvio dei saldi rischia di seguire di pochissimo o addirittura di precedere l’inizio dell’estate meteorologica, costringendo di fatto i negozi a mettere in saldo l’intero magazzino estivo senza avere avuto la possibilità di vendere al prezzo normale”.

I saldi di fine stagione dovrebbero veramente iniziare a fine stagione. È una battaglia che portiamo avanti da anni. Ora occorre continuare a lavorare affinché i saldi tornino ad essere vendite di fine stagione e per un divieto serio di vendite promozionali nei trenta giorni antecedenti. Alcuni hanno già messo dei capi in promozione. Una concorrenza più che sleale, che non possiamo più tollerare: bisogna fermarla.

Discorso diverso quello che avviene online: le principali piattaforme di e-commerce non rispettano alla lettera le indicazioni sulle date d’avvio dei saldi e danno inizio agli sconti estivi con qualche giorno di anticipo. Per il resto, il decalogo stilato da Confcommercio per i saldi “chiari e sicuri” rimane sempre lo stesso: cambio dei capi garantito a discrezionalità del negoziante, con obbligo solo in caso di danneggiamenti; carte di credito obbligatoriamente accettate come forma di pagamento; dimostrazione della stagionalità dell’abbigliamento in vendita; obbligo di indicare il prezzo normale, lo sconto e il prezzo finale; modifiche e adattamenti sartoriali a carico del cliente.

AUTORE

Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

4 risposte

  1. Miglior Offerta di Prestito in tutta Italia

    Buongiorno

    Sono Andrea FRASCA un individui che offrono un prestito a chiunque abbia bisogno di un prestito per risolvere un problema. Ti offro fino a 700.000,00 Euro a 2000€ con un tasso di interesse del 2%. Per ulteriori informazioni, Contrastant tramite:
    E-mails

  2. Miglior Offerta di Prestito in tutta Italia

    Buongiorno

    Sono Andrea FRASCA un individui che offrono un prestito a chiunque abbia bisogno di un prestito per risolvere un problema. Ti offro fino a 700.000,00 Euro a 2000€ con un tasso di interesse del 2%. Per ulteriori informazioni, Contrastant tramite:
    E-mails andreafrasca1@yahoo.com

    1. Miglior Offerta di Prestito in tutta Italia

      Buongiorno

      Sono Andrea FRASCA un individui che offrono un prestito a chiunque abbia bisogno di un prestito per risolvere un problema. Ti offro fino a 700.000,00 Euro a 2000€ con un tasso di interesse del 2%. Per ulteriori informazioni, Contrastant tramite:
      E-mails andreafrasca1@yahoo.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *