Settore viaggi: il boom di domanda sostiene gli utili - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Settore viaggi: il boom di domanda sostiene gli utili

Viaggiatore in attesa in un aeroporto

Il settore dei viaggi ha mostrato una ripresa molto forte dopo le restrizioni dovute al Covid. Alla voglia di recuperare il “tempo perduto” si sono aggiunti i risparmi accumulati durante il periodo di forzato blocco dei movimenti e, per molti, la possibilità di lavorare da remoto. Nemmeno l’inflazione ha, almeno per ora, fermato il buon andamento del settore con le imprese che, grazie alla forza della domanda, hanno potuto scaricare sui viaggiatori le pressioni sui prezzi, incrementando i loro ricavi e utili (Clicca QUI per iscriverti). 

 

L’avvio della stagione delle trimestrali ha fornito un quadro più dettagliato della situazione sul comparto aereo americano. Nei risultati del 3° trimestre 2022, United Airlines ha registrato utili per azione per 2,81 dollari e ricavi per 12,88 miliardi di dollari (attese Refinitiv a 2,28 dollari e 12,75 miliardi di dollari); Delta Air Lines ha riportato EPS a 1,51 dollari e un fatturato a 12,84 miliardi (attese Refinitiv a 1,53 dollari e 12,87 miliardi di dollari) mentre American Airlines ha ottenuto ricavi per 13,46 miliardi di dollari ed EPS a 0,69 dollari (stime Refinitiv a 13,42 miliardi di dollari e 0,56 dollari).

Nei vari comunicati stampa, le società hanno detto di attendersi una prosecuzione della forte domanda dei viaggi anche a dispetto dell’inflazione e della potenziale recessione economica. A dispetto della minore capacità, è interessante evidenziare che i ricavi per tutte e tre le compagnie aeree sono superiori a quelli del 3° trimestre 2019. Diversi i motivi che potranno sostenere la richiesta di viaggi anche in futuro, in primis il lavoro ibrido e la ripresa post-Covid ancora in atto. Quest’ultimo elemento in particolare spinge i consumatori a essere disposti a spendere di più per i biglietti dopo quasi due anni di restrizioni. Ciò ha permesso alle società di scaricare ai clienti l’aumento dei costi del carburante e del lavoro.

In Europa, Lufthansa e Air France-KLM pubblicheranno i risultati durante questa settimana. Le attese Bloomberg vedono ricavi rispettivamente a 9,346 miliardi di euro e 24,596 miliardi di euro, entrambi potenzialmente al di sotto di quanto registrato nel 3° trimestre del 2019. La situazione europea è decisamente più complessa rispetto a quella USA, con la crisi energetica che sembra destinata a peggiorare. La probabilità di recessione a 1 anno stimata da Bloomberg per l’UE è dell’80%, mentre quella per gli Stati Uniti è attesa al 60%. La vera questione, soprattutto lato USA è relativa a quanto effettivamente la domanda per il turismo riuscirà a resistere. Le stime di Statista prevedono che i ricavi del settore turistico e dei viaggi globale passerà dai 637,64 miliardi di dollari del 2023 a 949,58 miliardi di dollari nel 2026. Intanto l’United Nations World Tourism Organization, ha messo in evidenza come nel periodo gennaio-luglio 2022 il comparto turistico sia riuscito a recuperare il 60% dei livelli pre-pandemia.

 

Azioni AirBnb, rimbalzo sull’onda della domanda di viaggi

Dopo il rimbalzo dalla linea di tendenza ottenuta collegando i minimi del 30 giugno e 3 ottobre 2022, le azioni Airbnb sono arrivate al test del 120 dollari. Se questo ostacolo fosse superato, si potrebbe assistere a un’accelerazione degli acquisti verso la zona dei 130 dollari, dove passano la linea di tendenza ottenuta collegando i massimi del 17 novembre 2021 e del 17 febbraio 2022 oltre a quella disegnata con i top dell’8 giugno e 11 agosto 2022. Una violazione di quest’area di concentrazione di offerta permetterebbe poi ai corsi di puntare alla coriacea resistenza a 140 dollari. Al contrario, un’indicazione negativa si avrebbe con una flessione delle vendite al di sotto della soglia psicologica dei 100 dollari, che aprirebbe le porte al test dei 90 dollari.

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *