Streaming: le prospettive per i leader Netflix e Spotify - Borsa&Finanza

Streaming: le prospettive per i leader Netflix e Spotify

Una ripresa televisiva in streaming effettuata con un telefonino

Streaming video e audio sono diventati in pochi anni la modalità di fruizione di contenuti multimediali preferita. E le prospettive sono ancora di crescita, come mostrano le previsioni di Statista. Netflix e Spotify, leader di mercato nei due segmenti, sono stati analizzati nella newsletter settimanale Weekly Note di Vontobel (QUI per iscriversi gratuitamente).

 

Negli ultimi anni lo streaming video e audio hanno avuto una grande diffusione in tutto il mondo. Secondo le previsioni pubblicate da Statista, il primo business potrebbe vedere una crescita dei ricavi nel periodo 2023-2027 da 95,35 miliardi di dollari a 137 miliardi, con un tasso di crescita composto annuo del 9,48%. Nel periodo, gli utenti dovrebbero crescere da 1,30 e 1,64 miliardi. Per quanto riguarda lo streaming di musica invece, nello stesso periodo osservato prima il fatturato a livello globale è stimato in salita da 25,71 miliardi a 31,4 miliardi di dollari. In questo caso il CAGR è previsto del 5,13%, mentre gli utenti dovrebbero passare da 920 milioni a 1,12 miliardi.

Come riferimento, guardiamo alle attese Bloomberg nel periodo 2023-2027 dei due leader di questi due segmenti dello streaming: Netflix e Spotify. Di recente, la prima società ha ricevuto diverse promozioni dagli analisti principalmente grazie al successo nell’implementazione del sistema per fermare la condivisione delle password, ai contenuti e alla versione con pubblicità. Gli esperti censiti da Bloomberg si attendono ricavi in crescita da 33,984 miliardi di dollari a 50,387 miliardi. Gli EPS sono invece stimati in salita da 11,28 a 25,62 dollari, mentre gli abbonati sono visti in ulteriore salita da 247,978 a 308,345 milioni.

Per Spotify invece il fatturato è visto in miglioramento da 13,304 a 20,997 miliardi di euro, mentre gli EPS dovrebbero passare da -2,3 a 5,59 euro. Gli utenti mensili attivi sono invece visti passare da 569,77 a 795,82 milioni. Arriviamo infine alle opinioni degli esperti raccolte da Bloomberg per i due titoli. Netflix presenta 28 buy, 25 hold e 3 sell, con un target medio a 1 anno a 406,39 dollari. Spotify conta 22 giudizi buy, 12 hold e 2 sell, con in prezzo medio a 12 mesi a 158,03 dollari.

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *