Titoli difensivi, dove investire: i consigli di Comgest

TITOLI DIFENSIVI, DOVE INVESTIRE: I CONSIGLI DI COMGEST

comgest

Analisi di Alistair Wittet, Gestore del fondo Comgest Growth Europe di Comgest

Un terzo delle imprese europee ha già pubblicato i risultati del primo semestre, e il risultato ha confermato la sostanziale tendenza di un graduale calo della crescita degli utili nel 2019. Automobili, tecnologia, hardware e materiali: questi sono i settori maggiormente colpiti. C’è però un settore che, a dispetto delle tensioni commerciali sul piano globale, le incertezze legate alla Brexit e al rischio geopolitico nella regione del golfo, ha registrato una controtendenza al rialzo ed è quello dei cosiddetti titoli “difensivi”, sostanzialmente impermeabili all’attualità più stretta e ai dati macroeconomici, gli ultimi relativi agli ordinativi delle fabbriche in Germania che hanno subito l’ennesimo crollo, con effetti anche sul cambio euro dollaro.

TITOLI DIFENSIVI: I CONSIGLI DI COMGEST
L’esempio più classico sono le utility, e quindi gas, elettricità, ma anche alimentari e farmaceutici. Tutti settori essenziali ai quali non si può rinunciare, nemmeno in caso di crisi globale. In questa direzione va un’analisi firmata Comgest, società di asset management indipendente con sede centrale a Parigi: un focus sulle singole storie più interessanti e le relative opportunità di investimento.

ASML, UTILI E VENDITE OLTRE LE ASPETTATIVE NEL II TRIM.
Il primo è Asml Holding, gruppo olandese di fotolitografia e semiconduttori: “Nonostante l’indebolimento della domanda in questo settore, la compagnia ha macinato vendite e utili del secondo trimestre che hanno battuto le aspettative e ha confermato la guidance per l’intero anno, prevedendo una crescita significativa nel settore per il secondo semestre” spiega Alistair Wittet, Gestore del fondo Comgest Growth Europe di Comgest. “Inoltre -aggiunge l’analista, Asml continua a potenziare la produttività delle proprie macchine per litografia EUV, incrementando le probabilità di successo commerciale”.

ESSILORLUXOTTICA VERSO UNA NUOVA ACQUISIZIONE
Il secondo titolo in questione invece è EssilorLuxottica,  multinazionale italo-francese con sede a Parigi: “Il gruppo ha riportato un aumento pro-forma del 7,3% delle vendite nel primo semestre -dice Wittet- una crescita dei ricavi del 3,9% a tassi di cambio costanti implica una leggera accelerazione nel secondo trimestre, e il management ha confermato le aspettative di una seconda parte dell’anno più dinamica. Ha inoltre annunciato il piano di acquisizione per 8 miliardi di euro di GrandVision, il principale rivenditore di ottica in Europa”.

SIKA, +7,6% LE VENDITE NEL I TRIMESTRE
Specializzata per la costruzione e la fornitura di autoveicoli, con sede in Svizzera, Sika Ag ha aumentato le vendite relative al primo semestre del 7,6%: “Una performance ottenuta grazie all’acquisizione di Parex, ma la crescita organica è rallentata ad appena l’1,6% nel secondo trimestre, a causa di meno giornate di negoziazione in Europa e della debole domanda nel settore auto. Il margine di profitto è aumentato in quanto l’inflazione dei prezzi delle materie prime dello scorso anno è stata trasferita sui clienti”.

AUTORE

ARTICOLI CORRELATI

NAVIGAZIONE ARTICOLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

VIDEO

Nell’ultima puntata della settimana per Investv, format realizzato da Vontobel Certificati che vede sfidarsi ogni giorno due squadre di trader capitanate da Riccardo Designori e