Wall Street, arriva la stagione degli utili: le 3 grandi sfide per le società - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Wall Street, arriva la stagione degli utili: le 3 grandi sfide per le società

Wall Street: 3 grandi sfide per le società con la stagione degli utili in arrivo

Il prossimo mese si aprirà la stagione delle trimestrali per le società quotate a Wall Street e l’importanza dei risultati è cruciale per determinare l’andamento delle azioni in Borsa. I dati di bilancio saranno infatti importanti per verificare la capacità di resilienza delle aziende in un anno molto difficile, caratterizzato dalla crisi energetica, dai vincoli alla catena di approvvigionamento, dalle tensioni geopolitiche della guerra Russia-Ucraina e soprattutto da una recessione sempre più in presente a causa di una politica monetaria della Federal Reserve sempre più stringente.

Finora le società hanno resistito abbastanza bene alle intemperie economiche. Nel secondo trimestre, gli utili dell’S&P 500, escludendo il settore energetico, sono diminuiti solo del 2,1% rispetto ai guadagni realizzati nello stesso periodo di un anno fa. Per il terzo trimestre, gli analisti si aspettano un calo ancora più contenuto, ovvero dell’1,9%. La ragione di questo ottimismo deriva dall’ipotesi che l’economia statunitense potrebbe non essere così debole come si vuol far credere. Se si considera il reddito interno lordo, che secondo alcuni studi è una misura più affidabile del PIL, si nota come esso sia cresciuto nei primi due trimestri dell’anno, anche a fronte di una contrazione del prodotto interno lordo. Questo significa che, anche se tecnicamente l’economia americana è in recessione come dimostra la crescita negativa per due trimestri consecutivi, guardando all’economia reale non si hanno segnali di riduzione della crescita. Inoltre vi è da osservare come le aziende abbiano goduto di un certo potere di determinazione dei prezzi, potere che, in un ambiente altamente inflazionistico, ha fatto la differenza in merito alla capacità di proteggere i profitti.

 

Wall Street: le sfide per le società quotate

Le risultanze trimestrali dei bilanci aziendali dovranno passare sotto le forche caudine di 3 grandi questioni: la prima riguarda il calo della crescita del PIL nella prima parte dell’anno, con pochi segnali di ripresa effettiva nel terzo trimestre. Su questo ha inciso anche la forza del dollaro per tutte quelle aziende USA, e non sono poche, che producono buona parte del fatturato all’estero. Nel momento in cui le società effettuano il cambio in dollari da un’altra moneta locale che al cospetto del biglietto verde ha perso  valore, gli introiti subiscono riduzioni notevoli.

La seconda sfida che le aziende devono affrontare concerne lo spostamento della spesa dei consumatori. Il mercato azionario a Wall Street è fortemente rappresentato da società di vendita di beni, in riduzione. La terza questione da considerare è relativa alla crescita del costo del lavoro a causa dell’inflazione. Per la maggior parte delle aziende statunitensi, i salari e gli stipendi rappresentano la componente più significativa delle spese in bilancio, il che rende sempre più difficile riuscire a mantenere i margini di profitto a un certo livello.

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *